http://www.rl1.it
http://www.rl1.it
Articoli filtrati per data: Maggio 2019 - Radio L'Aquila 1
Martedì, 28 Maggio 2019 17:45

Giro d’Italia, sul Mortirolo vince Ciccone

L'AQUILA - "Il cuore dell'Abruzzo batte a Ponte di Legno. Una notizia che rende orgogliosi di essere abruzzesi viene dallo sport. Il chietino Giulio Ciccone ha vinto una delle tappe più difficili del Giro d'Italia, la Lovere – Ponte di Legno con la scalata del Mortirolo. Una vittoria che segue di pochi giorni quella a Como di Dario Cataldo, originario di Miglianico. L'Abruzzo dopo essere stato protagonista del giro d'Italia a Vasto, a L'Aquila e a Tortoreto adesso lo diventa con i propri atleti. A Ciccone e a Cataldo gli auguri che a questa vittoria di tappa seguano altri successi".

Lo ha detto il presidente Marsilio dopo la tappa del Giro d'Italia vinta da Ciccone

Pubblicato in Sport

L'AQUILA - "Non può e non deve esserci alcun aumento dei pedaggi lungo le autostrade A-24 e A-25". Ad affermarlo è il presidente della categoria Trasporti di Confartigianato Abruzzo, Gabriele Sillari, in merito all'ipotesi, sul tavolo ormai da diverso tempo, di rincaro dei prezzi delle tratte autostradali in concessione a Strada dei Parchi Spa.

"A partire da lunedì 20 maggio, sull'A-24, si viaggia su una sola corsia in ogni galleria, sia in direzione L'Aquila che in direzione Teramo – prosegue Sillari -. Inoltre è stato introdotto il limite di velocità di 60 chilometri orari e il divieto di sorpasso di fatto per tutti i veicoli, ed è stata anche imposta una distanza minima tra i mezzi di 50 metri. I disagi sono continui – rimarca l'esponente dell'associazione di categoria - e queste misure hanno generato un aumento dei tempi di percorrenza".

 

Sillari osserva che "peraltro, nei giorni scorsi, la concessionaria che fa capo alla Toto Holding Spa, lungo la tratta dell'autostrada A-25, tra gli svincoli di Pratola Peligna e Bussi/Popoli, ha disposto il divieto di transito ai pullman ed ai mezzi pesanti con massa a pieno carico superiore a 3,5 tonnellate, con la conseguenza che tali mezzi sono obbligati ad attraversare i centri abitati, molto più trafficati".

Confartigianato Abruzzo e la categoria dei Trasporti sono dunque pronti a mettere in campo tutte le iniziative necessarie. "Daremo battaglia, insieme alle altre forze produttive del territorio, chiedendo anche un intervento della Regione Abruzzo e dei Comuni interessati– conclude Sillari – affinché venga scongiurato un aumento dei pedaggi che, a fronte di una simile situazione di difficoltà e limitazioni, non trova giustificazione alcuna. Un rincaro risulterebbe semplicemente vergognoso e susciterebbe grande malcontento tra gli operatori del settore".

Pubblicato in Economia

L'AQUILA - La Commissione territorio del Consiglio regionale, presieduta da Manuele Marcovecchio, ha espresso parere favorevole a maggioranza sul progetto di legge che riguarda il recupero e la valorizzazione dei trabocchi sulla costa abruzzese.

"Sono soddisfatto del lavoro di approfondimento di istruttoria svolto oggi dalla Commissione - ha dichiarato Marcovecchio - che rappresenta il primo passo verso un intervento organico per una legge di settore. In particolare, ringrazio l'assessore Nicola Campitelli per il necessario supporto ricevuto ed i colleghi dell'opposizione per l'apprezzabile condivisione di alcuni emendamenti discussi".

Il Consigliere della Lega Fabrizio Montepara, primo firmatario del disegno di legge: "Finalmente abbiamo dato una risposta ai poli attrattivi ed alla valorizzazione dei caliscendi e dei trabocchi presenti sulla costa abruzzese".

Tutto ciò nasce dalla volontà di ottimizzare e valorizzare l'attività di ristorazione svolta dai trabocchi in relazione soprattutto agli auspicati aumenti dei flussi turistici che ne derivano.

"La proposta di legge che verrà portata al prossimo Consiglio regionale - spiega Montepara - fissa i parametri tecnici dimensionali dei trabocchi in 160 mq calpestabili e 50 mq per i servizi tecnici, con una presenza massima sulla struttura di 60 persone. Tutto ciò prima di un intervento legislativo che preveda un testo unico necessario a consentire l'utilizzo dei trabocchi anche per la pesca con una disciplina legislativa più organica rispetto a quella attuale".

Saranno infine i Comuni a dover recepire la futura normativa regionale, per rilasciare le relative autorizzazioni amministrative all'esercizio dell'attività sui trabocchi.

Pubblicato in Politica

CASTIGLIONE MESSER RAIMONDO (TE) - E' Vincenzo D'Ercole, 29 anni, il nuovo sindaco di Castiglione Messer Raimondo. E' il primo cittadino più giovane della provincia di Teramo e uno dei più giovani d'Abruzzo e d'Italia. Con la sua lista 'Il paese che vorrei', è stato scelto dal 58,2% dei cittadini, cioè 855 elettori sui 1.469 aventi diritto al voto.

"Mi sento come una matita che potrà disegnare il futuro e portare i cittadini verso un domani migliore, fatto di servizi efficienti, infrastrutture moderne, a norma e fruibili, sinonimo di benessere per le persone e qualità della vita - dice D'Ercole, ingegnere ambientale - Castiglione Messer Raimondo deve aprirsi verso l'esterno e va valorizzata. C'è bisogno di far conoscere il nostro splendido paese attraverso iniziative e manifestazioni che portino nuove persone e visitatori tra le ruette del borgo".

"Il nostro paese va amato ogni giorno, va vissuto quotidianamente - prosegue - Ribadisco gli impegni assunti in campagna elettorale: da sindaco metterò tutto il mio impegno, serietà, passione e amore per il rilancio di Castiglione. Ringrazio tutti per la fiducia. Da oggi - conclude Vincenzo D'Ercole - mi metto al lavoro per il futuro di tutta la comunità".

Pubblicato in Politica

L'AQUILA - Anche nella provincia dell’Aquila Poste Italiane cambia le vecchie cassette d’impostazione. In linea con la sua missione sociale, infatti, l’Azienda ha avviato nelle aree dei Piccoli Comuni il progetto “Decoro Urbano” che prevede, tra le altre iniziative, la sostituzione e la manutenzione straordinaria delle cassette postali, per riqualificare lo spazio urbano.

Le storiche cassette rosse che dal 1961 arredano le nostre città, anno in cui fu installata la prima cassetta del modello attuale, sono interessate da un programma di restyling, sostituzione e manutenzione straordinaria, che permetterà loro di tornare a splendere del tipico colore rosso fiammante.

Le nuove installazioni ad oggi hanno interessato 21 comuni aquilani ed il progetto coinvolgerà a breve le altre piccole realtà della provincia. Nello specifico, le nuove cassette di impostazione sono già state sostituite nei comuni di Gioia dei Marsi, Alfedena, Barisciano, Bugnara, Cagnano Amiterno, Calascio, Canistro, Capitignano, Caporciano, Carapelle Calvisio, Castel del Monte, Castellafiume, Castelvecchio Calvisio, Civita d’Antino, Collelongo, Fontecchio, Ocre, San Pio delle Camere, Santo Stefano di Sessanio, Tione degli Abruzzi e Villa Sant’Angelo.

L’intervento è parte del programma dei “dieci impegni” per i Comuni italiani con meno di 5.000 abitanti promosso dall’amministratore delegato Matteo Del Fante in occasione dell’incontro con i “Sindaci d’Italia” dello scorso 26 novembre a Roma, e ribadisce la presenza capillare di Poste Italiane sul territorio e l’attenzione che da sempre l’Azienda riserva alle comunità locali e alle aree meno densamente popolate.

L’effettiva realizzazione di tali impegni è consultabile sul nuovo portale web all’indirizzo www.posteitaliane.it/piccoli-comuni. L'iniziativa è coerente con i principi Esg sull'ambiente, il sociale e il governo di impresa, rispettati dalle aziende socialmente responsabili, che contribuiscono allo sviluppo sostenibile del Paese.

Pubblicato in Varie

L'AQUILA - Mauro Malizia è il nuovo comandante dei Vigili del Fuoco dell'Aquila. Succede a Domenico De Bartolomeo che va a dirigere l'ufficio di coordinamento della Direzione centrale per la prevenzione a Roma. Malizia, che proviene dal Comando provinciale di Chieti, è laureato in Ingegneria civile-edile all'Università di Ancona e ha conseguito il Master Universitario di secondo livello in "Gestione dell'Aviazione Civile" all'Università La Sapienza di Roma. E' stato Dirigente dell'Area Soccorso Aereo presso il Dipartimento dei Vigili del Fuoco del ministero dell'Interno fino al 2013; a gennaio 2014 ha assunto l'incarico di Dirigente per la gestione della flotta aerea di soccorso nella stessa struttura. Dal 2014 al 2017 è stato comandante dei Vigili del Fuoco di Ascoli Piceno e Fermo dove ha gestito le operazioni di soccorso nelle calamità del 24 agosto, 26 e 30 ottobre 2016 e del 18 gennaio 2017 quale comandante del Comando Operativo Avanzato di Ascoli Piceno/Fermo e di Arquata del Tronto.

Pubblicato in Cronaca

PESCASSEROLI (AQ) - Un tour nelle foreste vetuste, nel cuore del Parco Nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise, per un’emozionante avventura a contatto con piante e fiori da cui nascono le essenze naturali di PARCO1923: è questo il programma della due giorni organizzata da Paride Vitale e Ugo Morosi, fondatori dell’esclusivo brand di profumi, e dedicata ai maggiori esperti del settore di tutta Italia.

Grazie alla collaborazione con l’Ente Parco Nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise, 20 tra le maggiori profumerie artistiche italiane si sono date appuntamento a Pescasseroli dove, domenica 26 maggio, sono stati accolti nella sede del Parco prossimo a celebrare il suo centenario dalla fondazione. Daniela D’Amico, Responsabile Promozione dell’Ente ha introdotto la visita con gli ospiti che hanno incontrato dal vivo gli animali all’interno del centro visite. A seguire nella sala conferenze il Vicepresidente Augusto Barile e il Presidente della Comunità del Parco Antonio Di Santo hanno ripercorso la storia di questa antica Istituzione. La giornata è poi proseguita con una visita nell’iconico flagship store di PARCO1923 a Pescasseroli, dove i valori veri e profondi del brand prendono vita.

L’apice dell’esperienza olfattiva gli ospiti l’hanno vissuta il giorno dopo con una lunga passeggiata alle pendici di Coppo del Principe, foresta vetusta patrimonio dell’Unesco. La Responsabile dell’Area Scientifica del Parco Cinzia Sulli ha descritto le caratteristiche e la storia delle flora del Parco e nello specifico delle piante che compongono l’anima del profumo. Ospite d’onore del raduno è stato Luca Maffei, naso creatore dell’essenza di PARCO1923 che ha coinvolto la platea nella ricreazione estemporanea del profumo attraverso estratti delle varie piante.

ABOUT PARCO1923

L’inimitabilità di PARCO1923 è data dalla piramide olfattiva unica che racchiude un mix di piante, che crescono per la maggior parte all’interno del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise. Il cuore del profumo è composto dal misterioso Maggiociondolo, letale per gli uomini e benefico per gli animali, dall’essenza delle Bacche di Ginepro addolcita dall’inebriante Caprifoglio che si sposa con l’intensità della Ginestra Odorosa. E ancora gli effetti benefici dell’AngelicaSelvatica, impreziosite dal rarissimo Giaggiolo e dagli effetti terapeutici del Muschio. Il fondo non poteva che essere di Faggio, albero rappresentativo del parco e della sua tradizione che popola il 60% dei boschi del territorio.

La scelta delle piante che compongono PARCO1923 è stata realizzata in collaborazione con il Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise. Nel 1922, su iniziativa privata di illuminati guidati dall’onorevole Erminio Sipari e dalla Federazione Pro Montibus et Silvis, fu avviata la gestione del nucleo iniziale del Parco, affittando i primi 500 ettari della Costa Camosciara; l’istituzione vera e propria ebbe luogo l’anno seguente, e ad oggi è uno dei più antichi parchi d’Italia noto a livello internazionale per il ruolo avuto nella conservazione di alcune tra le specie faunistiche italiane più importanti. PARCO1923 sancisce ulteriormente il legame con il Parco Nazionale devolvendo alla conservazione della flora 1 € per ogni profumo venduto.

 

Pubblicato in Eventi

L'AQUILA - "Apprendo con grande soddisfazione dalla stampa che il sindaco e l’attuale assessore al bilancio hanno illustrato nella giornata di ieri la delibera di approvazione del regolamento Iuc con le mie modifiche normative frutto del lavoro svolto come assessore al Bilancio del Comune dell’Aquila e risalenti al mese di ottobre 2018". Così in una nota Annalisa Di Stefano, ex assessore al Bilancio del Comune dell’Aquila ed esponente di Forza Italia.

"Mi riferisco - spiega - all’introduzione dell’istituto della mediazione tributaria (art.6-ter), del ravvedimento operoso (art.6-bis), alle riduzioni Tari del 30% per coloro che patiscono il disagio dei sottoservizi in centro storico (art.37, comma 2), alla riduzione del 10% in favore delle giovani coppie che acquistano la prima abitazione (art. 38, comma 7); la riduzione della tariffa per coloro che attrezzeranno i locali con i fasciatoi, (art. 38,comma 9, lett.a); invero, nella prima versione era prevista anche l’agevolazione per le aree gioco dei bambini, poi evidentemente censurata. La riduzione per tutte le categorie di utenze non domestiche ubicate ovvero riattivate nel centro storico cittadino del 20% era disciplinata dall’art. 38,comma 11, così’ come l’inquadramento degli agriturismi nell’ ambito degli Alberghi con ristorante, di cui all’art. 33 comma 9, con le conseguenti riduzioni. A scanso di equivoci del testo così da me proposto esiste cospicua corrispondenza".

"Analogo lavoro - aggiunge - è stato fatto per il Cosap con l’introduzione dell’ istituto del ravvedimento operoso nonché la previsione di un nuovo iter per il rilascio delle nautorizzazioni Cosap edilizia semplificato rispetto al precedente.

Altre novità sono state inserite dall’amministrazione attuale sulla falsariga delle precedenti, vedi l’incentivo per l’eliminazione delle slot machine, la riduzione per il conferimento dei rifiuti ingombranti e la riduzione per le associazioni sportive".

"Evidentemente - termina Di Stefano - le diverse posizioni politiche sono superate dalla oggettiva bontà del lavoro svolto; in fondo le direttive in materia di riduzione delle tasse erano sempre condivise. La competenza ripaga di tutti i sacrifici, sempre. Il lavoro tangibile rimane e va oltre le ideologie. Pertanto auguro al mio successore di continuare nella strada segnata con il mio lavoro che evidentemente è stato interamente condiviso".

Pubblicato in Politica
Martedì, 28 Maggio 2019 15:50

Calascio Street Boulder e Trail della Rocca

L'AQUILA - Domenica 9 giugno si svolgerà un evento sportivo multidisciplinare a Calascio (AQ) che vedrà come sue attività principali il Calascio Street boulder, gara amatoriale di arrampicata urbana, ed il Trail della Rocca, gara amatoriale di corsa su sentiero. Si tratta di una giornata all'insegna dello sport e del divertimento in cui sarà possibile misurarsi con altri amanti di questi due fantastici sport e sarà possibile avvicinarsi grazie a dei siti di prova a diverse discipline come la slackline, il parapendio e l'arrampicata oltre che l'escursionismo e la corsa.

Sana competizione e avvicinamento per tutti a nuove discipline e nuovi ambienti sotto lo sguardo attento della Guide Alpine e degli Accompagnatori di Media Montagna della scuola di montagna Mountain Evolution; il tutto contornato dallo splendido paesaggio naturale del Parco Nazionale del GranSasso e Monti della Laga, dai tre fantastici borghi medievali di Calascio, Castelvecchio Calvisio e Santo Stefano di Sessanio, sotto quello che viene definito dal National Geographic come uno dei castelli più belli del mondo: la Rocca di Calascio, la vera protagonista indiscussa che ci guarderà dall'alto mentre gli atleti si sfideranno a colpi di magnesite e salite spezza-fiato.

Insomma non manca davvero nulla, eccetto voi.

Le iscrizioni sono aperte, per i primi 100 iscritti è previsto un pacco gara in omaggio. Il costo di iscrizione sarà di 15 euro pasto compreso per Calascio Street Boulder e Trail della Rocca e di 5 euro per la passeggiata non competitiva intorno alla Rocca di Calascio.

 

Pubblicato in Eventi

L'AQUILA - Il Difensore Civico regionale avvocato Fabrizio Di Carlo, in merito alla tutela del cittadino in ambito socio sanitario, ha posto in risalto come attualmente l'ordinamento giuridico italiano, oltre a tutelare il diritto alla salute di tutti i cittadini, prevede diversi strumenti finalizzati alla tutela di persone in condizione di fragilità, di precarietà psicofisica e di non autosufficienza.

"Si tratta di fragilità che possono avere cause e motivazioni diverse (di salute, economiche o sociali) ma che la generalità delle Regioni, degli enti locali, delle aziende sanitarie locali o di specifici Enti a ciò deputati, pur nella diversità della scelta degli strumenti attuativi e delle risorse dedicate, cercano di tutelare". Spiega Di Carlo che aggiunge: "Ciononostante, proprio perché si tratta di servizi, benefici, provvidenze economiche che impattano sulla sfera personale dell'individuo, sono numerosi i cittadini che si rivolgono al Difensore Civico per segnalare disfunzioni e rivendicare la tutela dei propri diritti. Le questioni segnalate in ambito socio sanitario sono le più disparate e vanno dalla responsabilità professionale alle inadempienze del pediatra di libera scelta, dalla gestione delle liste di attesa alla certificazione per l'indennità di accompagnamento e a quella per il rinnovo della patente. A queste si aggiungono i reclami che investono più propriamente la sfera relazionale con il medico, con il personale sanitario e con quello amministrativo".

Oggi il Difensore Civico interviene nei limiti delle competenze attualmente attribuite dalla legge istitutiva, senza alcun potere ispettivo e/o sanzionatorio e senza alcuna possibilità di entrare nel merito di questioni che investono la professionalità del medico.

"Infatti - precisa Fabrizio Di Carlo - nella maggior parte dei casi, le segnalazioni fondano su concreti presupposti: le disfunzioni segnalate sono frutto di superficialità, di errate valutazioni, di approccio culturale, di errori materiali (che ben possono capitare) ma accade a volte e tutto ciò è grave, che 'il caso' per il mancato ascolto del paziente. E' questo il caso di un disabile ingiustamente escluso da un beneficio economico in quanto collocato in una graduatoria relativa ad una disabilità più grave (Intensità assistenziale molto alta) di quella di reale appartenenza (Intensità assistenziale alta)".

In questo caso l'intervento del Difensore Civico ha consentito la ricollocazione nella graduatoria corretta. In ogni caso, il raggio di azione della difesa civica rimane compresso nei vincoli della attuale legislazione, senza possibilità alcuna di interventi diversi.

Cosa fare per il difensore civico: "Auspico che il legislatore regionale, a distanza di oltre 20 anni dalla Istituzione della Difesa Civica - sottolinea Fabrizio Di Carlo - nell'ambito di un intervento generale non più procrastinabile, ridefinisca compiti, poteri e attribuzioni del Difensore civico quale nuova figura di garanzia, dotata di poteri concreti, a cui affidare anche le nuove attribuzioni di garante della salute derivanti dall'art. 2 della legge n. 24/2017".

Pubblicato in Politica

Le più lette

05 Maggio 2017 12:58:09

Terremoto L'Aquila: governo richiede soldi a familiari vittime

in Politica
L'AQUILA - Il premier Paolo Gentiloni rivuole i soldi per i morti del terremoto…
24 Gennaio 2017 17:39:49

L'Aquila: caduta elicottero, proclamato giorno di lutto cittadino nel giorno dei funerali delle 6 vittime

in Cronaca
L'AQUILA: - “Esprimo, a nome dell’intera Municipalità aquilana, un incredulo dolore per…
11 Marzo 2019 12:07:03

Una legge per risarcire i familiari delle vittime dei terremoti 2009 e 2016

in Cronaca
ROMA - Una proposta di legge che intende dare finalmente una risposta a tutte le famiglie…
10 Maggio 2016 09:57:18

L'Aquila: Giro d'Italia, venerdì 13 maggio scuole chiuse in città

in Cronaca
L'AQUILA: - di Cristina Parente - Come anticipato dalla Polizia Municipale, nel…
11 Agosto 2016 16:09:17

L'Aquila: i sotterranei del Castello si aprono per uno spettacolo ispirato ai racconti di Edgar Allan Poe

in Eventi
L'AQUILA: - Per I Cantieri dell’Immaginario, in via del tutto eccezionale, grazie al…
A sinistra la Basilica di Santa Maria Paganica all'Aquila dopo sisma 2009, a destra la chiesa di Sant'Agostino ad Amatrice
24 Agosto 2016 13:28:24

Terremoto Centro Italia: ecco il vero legame tra Accumoli, Amatrice e L'Aquila in una notte di dolore

in Cronaca
L'AQUILA: - di Cristina Parente - Quante volte è capitato ad ognuno di noi di essere…
right_3_1
right_0_1

Iscriviti alla nostra newsletter

Multimedia

CookiesAccept

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
Find us on Facebook
Follow Us