http://www.rl1.it
http://www.rl1.it
Articoli filtrati per data: Novembre 2019 - Radio L'Aquila 1

L’AQUILA - I consiglieri comunali dell’Aquila potranno devolvere il gettone di presenza della seduta odierna alle popolazioni albanesi colpite dal sisma. Lo ha reso noto il presidente del consiglio comunale, Roberto binari, in apertura dei lavori.

Sempre all'inizio dell'assemblea, il consigliere aggiunto straniero, Edlira Banushaj (cittadina dell'Albania), ha chiesto che vengano messi a disposizione degli alloggi Case o Map (i complessi abitativi realizzati nel capoluogo abruzzese dopo il sisma del 6 aprile 2009 per gli aquilani rimasti senza casa) per quelle famiglie che hanno perso la loro abitazione per via del sisma e che fossero disponibili a venire all’Aquila

"Sono dei momenti di grande dolore nella mia terra natale - ha detto Banushaj stamani in aula, visibilmente emozionata - e per me personalmente, che per la seconda volta in dieci anni vivo una tragedia di questa portata. Ringrazio il Consiglio comunale e i cittadini aquilani per la solidarietà che stanno già  testimoniando nei confronti delle popolazioni di Durazzo e dintorni. Il forte legame storico che esiste tra i nostri popoli mi dà la certezza che tutti faranno la loro parte per aiutare le famiglie che il sisma ha lasciato senza affetti e senza casa. Proprio per questo ritengo che la Municipalità dell'Aquila, ovviamente seguendo i procedimenti che potrà mettere in atto, darà prova tangibile di vicinanza all'Albania se metterà a disposizione delle famiglie interessate un numero possibile di alloggi Case e Map".

Pubblicato in Politica

AVEZZANO (AQ) – Per le imprese abruzzesi si stanno per aprire le porte di un importante intervento della Regione Abruzzo, che garantirà finanziamenti a fondo perduto per investimenti superiori a 70 mila euro. Un intervento che la Confesercenti si prepara ad agevolare attraverso l’apertura di uno Sportello ad hoc, che offrirà il servizio per accedere al bando regionale.

Nei prossimi giorni, la Regione Abruzzo, pubblicherà l’Avviso del Por Fesr 2014-2020, Linea di azione 3.1.1., per sostenere la competitività del sistema produttivo delle piccole e medie imprese. I progetti di finanziamento potranno essere presentati dalle imprese ricadenti sull’intero territorio della Regione Abruzzo e dovranno riguardare la realizzazione di nuovi prodotti che costituiscono una novità per l’impresa e per il mercato, e l’innovazione dei processi produttivi. Il progetto d’investimento proposto da ciascuna impresa dovrà prevedere una spesa minima ammissibile pari a 70mila euro. L’agevolazione è costituita da un contributo in conto capitale sulla spesa ammissibile, nel limite massimo di 200mila ero, nel rispetto del regime de minimis.

Gli sportelli, dove poter prendere un appuntamento per una approfondita analisi sulla possibilità di presentare la richiesta di finanziamento, sono attivi presso le Sedi Confesercenti di Avezzano (Via Roma, 242 - Tel. 0863/22764 ) e L’Aquila (c/o Cooperfidi Abruzzo, Via Saragat, 80 – Tel. 0862/65994).

Per info dirette sul Bando, contattare Carlo Rossi al n°349.2669699.

Pubblicato in Varie

PESCARA – Torna a tingersi di giallo l’Abruzzo della carità concreta: il giallo vivo delle pettorine e dei sacchetti che da ventitré anni caratterizzano la Giornata Nazionale della Colletta Alimentare, l’iniziativa promossa dalla Fondazione Banco Alimentare Onlus che torna puntuale sabato 30 novembre in circa quattrocento punti vendita aderenti.

Come sempre, ad accogliere i clienti che si recheranno a fare la spesa ben 4 mila volontari tra quelli del Banco Alimentare e quelli delle altre numerose associazioni che si coinvolgono nella giornata, con amicizia e dedizione: riconoscibili proprio dalla pettorina gialla, inviteranno ad acquistare e donare alimenti per l’infanzia, tonno in scatola, riso, olio, legumi, sughi e pelati, biscotti. Quanto raccolto, sarà distribuito nelle settimane successive alle 29.732 persone bisognose assistite dal Banco Alimentare dell’Abruzzo mediante 177 enti convenzionati, come mense dei poveri, associazioni di volontariato, Caritas, parrocchie e via dicendo.

Una carità concreta che nasce dal popolo: nel 2018, nel corso di una sola giornata, sono state donate ben 199 tonnellate di prodotti, che hanno contribuito alle 1.540 tonnellate complessivamente raccolte durante tutto l’anno dalla struttura del Banco Alimentare dell’Abruzzo da industria agroalimentare, grande distribuzione organizzata e fondi europei di sostegno alla povertà.

Quest’anno, in Abruzzo e in Umbria la Colletta Alimentare avrà anche un “seguito” domenica 1 dicembre: Perugia e Pescara, infatti, scenderanno in campo con il logo del Banco Alimentare sulle maglie che successivamente, grazie all’Associazione Massimo Oddo Onlus, saranno messe all’asta. Il ricavato sarà donato proprio ai Banchi Alimentari di Abruzzo e Umbria. Per informazioni la riguardo visitare il sito https://www.onlusoddo.it/.

Di seguito, le “dieci righe”, vale a dire la proposta di contenuto che ogni anno i promotori della Colletta Alimentare condividono con volontari, donatori, partner ecc.

Con il Messaggio per la III Giornata mondiale dei poveri, Papa Francesco ci aiuta ricordandoci che “I poveri acquistano speranza vera quando riconoscono nel nostro sacrificio un atto di amore gratuito […] Certo, i poveri si avvicinano a noi anche perché stiamo distribuendo loro il cibo, ma ciò di cui hanno veramente bisogno va oltre il piatto caldo o il panino che offriamo. I poveri hanno bisogno delle nostre mani per essere risollevati, dei nostri cuori per sentire di nuovo il calore dell’affetto, della nostra presenza per superare la solitudine. Hanno bisogno di amore, semplicemente. […] Per un giorno lasciamo in disparte le statistiche; i poveri non sono numeri a cui appellarsi per vantare opere e progetti. I poveri sono persone a cui andare incontro”. Perciò andiamo incontro a chi è più povero impegnandoci per “rafforzare in tanti la volontà di collaborare fattivamente affinché nessuno si senta privo della vicinanza e della solidarietà”. Proponiamo a tutti di partecipare alla Colletta Alimentare, gesto semplice di straordinaria solidarietà e carità.

La Colletta Alimentare, gesto con il quale la Fondazione Banco Alimentare aderisce alla Giornata Mondiale dei Poveri 2019 indetta da Papa Francesco, è resa possibile grazie alla collaborazione dell’Esercito Italiano e alla partecipazione di volontari aderenti all’Associazione Nazionale Alpini, all’Associazione Nazionale Bersaglieri, alla Società San Vincenzo De Paoli, alla Compagnia delle Opere Sociali e a numerose altre associazioni caritative. Main sponsor: UnipolSai Assicurazioni, Eni. Partner istituzionale: Intesa Sanpaolo. Sponsor: Coca-Cola. Partner logistico: Poste Italiane, Parmalat, Galbani, Number 1.

Informazioni sulla Colletta Alimentare: www.collettaalimentare.it

Informazioni sul Banco Alimentare dell’Abruzzo: www.bancoalimentare.it/abruzzo

Pubblicato in Cronaca

L'AQUILA - Tre appuntamenti con le emozioni, tre appuntamenti con quella verità raccontata da chi ha fatto del giornalismo non soltanto il suo lavoro ma anche la sua più grande passione oltre che una missione ossia riportare al pubblico, senza influenze, il “vero”.

Ed è così che la terra d’Abruzzo si accinge ad ospitare due grandi esperti della comunicazione: Amedeo Ricucci, giornalista Rai ed inviato di guerra ed il collega Rai di origini abruzzesi Paolo Di Giannantonio, entrambe invitati a condividere la loro grande competenza in tre differenti momenti nei giorni 29 e 30 novembre 2019.

Il mini-tour chiamato “Raccontare il nuovo Medioriente” è stato fortemente voluto dalla giornalista pescarese Alessandra Renzetti ed è a cura dell’Associazione di promozione sociale “G.Puccini” del vice presidente Gianluca Planamente il quale spiega: “La nostra associazione, con grande orgoglio, ha partecipato alla realizzazione di questo appuntamento di fine novembre, siamo onorati di ospitare in Abruzzo giornalisti di calibro internazionale. Ci sarà un corso di formazione sulla figura dell’inviato ed inoltre la presentazione del libro di Ricucci che con la sua grande professionalità riesce a mostrare all’Occidente tutto ciò che accade non lontano da noi. Questi due giornalisti con dedizione fanno il loro nobile lavoro. La nostra associazione dà l’ennesima dimostrazione del nostro concetto di formazione: dalla musica al soccorso, dalla pittura alla società moderna, il tutto sempre con un unico obiettivo, far si che la società cresca e si nutra di sana cultura”.

Il primo appuntamento della serie è dalle ore 9.30 alle 13.30 di venerdì 29, presso l’Università degli Studi di Teramo, Facoltà di Scienze della Comunicazione, dove i giornalisti impegnati con la formazione obbligatoria potranno conseguire 4 crediti formativi con il corso “Inviato speciale: come cambia il mestiere” e gli studenti invece potranno acquisire nuove competenze; i due professionisti Rai saranno affiancati anche dallo stesso Presidente O.d.G. Abruzzo Stefano Pallotta. Inoltre interverranno il Preside di Facoltà Christian Corsi, Paola Besutti Presidente DAMS UniTe e Piero Nicola Di Girolamo, Professore di Storia e Tecnica del Giornalismo.

E’ con una splendida prefazione di Ennio Remondino che inizia “Cronache dal Fronte . Parole e immagini”, il libro di Amedeo Ricucci la cui presentazione verrà ospitata presso la Provincia di Pescara nel pomeriggio dello stesso giorno alle ore 18 presso la Sala Tinozzi concessa con Patrocinio dal Presidente Antonio Zaffiri; la tappa conclusiva invece è prevista per sabato 30 novembre alle ore 18, presso l’Auditorium “Enrico Fermi” di Celano (Aq) dove il reporter sarà ospite insieme al collega Paolo Di Giannantonio del sindaco Settimio Santilli che presiederà l’incontro: “Siamo onorati di accogliere un appuntamento che ci permetterà non soltanto di conoscere due importanti professionisti dell’informazione, ma ci consentirà anche di far luce, grazie al libro di Ricucci ed alla sua esperienza diretta, su alcune situazioni che siamo abituati ad apprendere dai media e che molto spesso ci lasciano anche dei dubbi. A Celano, invece, ascolteremo testimonianze vere ed avremo la possibilità di saperne di più grazie a chi documenta la storia con dedizione. Siamo lieti, inoltre, di poter ospitare nel suo Abruzzo Paolo Di Giannantonio che sarà impegnato in questo importante dibattito”.

Oltre alla presentazione del libro ci sarà anche un significativo dibattito su quanto i media svelano quotidianamente in merito alla questione mediorientale, ma questa volta a dare spiegazioni al pubblico sarà chi la guerra l’ha vista con i propri occhi e documentata.

Quella descritta da Ricucci è una situazione apparentemente distante che invece è molto vicina; il libro in questione è un insieme di racconti che parlano di una verità difficile e le pagine di questo lavoro raccontano storie che rispettano fedelmente la realtà.

Il cronista si avvicina il più possibile all’autentica descrizione dei fatti per permettere a tutti di conoscere la verità del momento e lo fa attraverso le parole e le immagini, due linguaggi diversi da mettere a confronto per poterne evidenziare in controluce i rispettivi punti di forza e debolezza. È importante per Ricucci, “poter vivere di persona ed in prima fila dei momenti di storia da poter raccontare a tutti”, a modo suo, con onestà e rispetto dei fatti senza filtri ideologici né pregiudizi. Un vanto anche per chi segue con attenzione il mondo da lui trattato.

“Cronache dal fronte” (casa editrice Castelvecchi) è una raccolta di storie portate sia in televisione che sulla carta in cui lo stesso inviato speciale ha unito competenza ed umanità, infatti è con grande professionalità che parla di quelle guerre che apparentemente sono tutte uguali ma che racchiudono orrori, dolore, disperazione, miseria e drammi che scatenano domande alle quali talvolta sembra essere difficile anche rispondere.

Un fronte, quello raccontato da Ricucci, che va dal Nord Africa al Medio Oriente, in quei luoghi che ha vissuto come giornalista di strada, calandosi nei fatti per poterli capire ed esporre: Marocco, Algeria, Tunisia, Libia, Egitto, Turchia, Siria, Iraq, Kurdistan, Afghanistan, territori in cui anche ora si continua a scrivere la storia ed in cui l’inviato, lontano dai confort ha vissuto il dolore della gente, e ne ha osservato la quotidianità in maniera diretta.

Anche Pescara e Celano, appunto, avranno la possibilità attraverso le parole e le immagini di conoscere ciò che solitamente solo i telegiornali trattano e potranno osservare da vicino la nuova sfida vinta da Amedeo Ricucci, grazie anche alla professionalità di Paolo Di Giannantonio che lo accompagna in questo breve viaggio attraverso un giornalismo di grande spessore.

L’evento, gode, tra i più, anche del patrocinio della Presidenza del Consiglio Regionale. Il libro del reporter di guerra sarà acquistabile presso la libreria laFeltrinelli di Pescara mentre per Celano presso Mondadori Bookstore di Avezzano (Aq) che sarà presente durante l’incontro.

Pubblicato in Eventi

L’AQUILA - E’ stata approvata nella seduta odierna del consiglio regionale la legge presentata dal M5S “Interventi in favore delle famiglie che hanno all’interno del proprio nucleo familiare un componente affetto da grave patologia oncologica o sottoposto a trapianto”, che si pone l’obiettivo di dare un aiuto concreto, attraverso rimborso economico per spese di viaggio, ai pazienti che vivono in situazioni di disagio e sono affetti da patologie oncologiche invalidanti, che li costringono periodicamente a recarsi presso centri autorizzati per sottoporsi a delicati trattamenti curativi, a volte anche molto lontano da casa. “Dotare l'Abruzzo di uno simile strumento rappresenta un primo passo importante verso il diritto alle cure degli abruzzesi – commentano i portavoce M5S Domenico Pettinari, Sara Marcozzi, Pietro Smargiassi Marco Cipolletti, Barbara Stella, Giorgio Fedele e Francesco Taglieri.
“Sempre più spesso, infatti, i pazienti con patologie oncologiche, già costretti a sopportare un grave carico fisico ed emotivo, sono obbligati a rinunciare alle cure o all’assistenza necessaria dei propri cari per motivi economici. Oggi è stata approvata una legge di fondamentale importanza che sintetizza una battaglia che come M5S portiamo avanti da anni e che avevamo presentato in consiglio regionale già nella scorsa legislatura. Ringraziamo l’Ufficio di Presidenza che ha contribuito all’approvazione di questa legge. Ora sta alla Giunta emanare il regolamento che dovrà stabilire le modalità e i tempi di accesso ai benefici economici. Le famiglie dei malati oncologici o sottoposti a trapianto residenti nei Comuni della Regione Abruzzo, potranno fare richiesta di rimborso delle spese di viaggio, di vitto e di alloggio, sostenute presso i luoghi ove insistono le strutture sanitarie individuate per le specifiche prestazioni di cura” concludono.

Pubblicato in Politica

L’AQUILA – Continua la stagione teatrale del TeatroZeta al Parco delle Arti di Monticchio Giovedì 28 Novembre 2019 alle ore 21,00 con la co-producione tra il Micro Teatro Terre Marique e Rakurs Teatro “A 2 passi” diretto da Gennadi N. Bogdanov e con Marcelo Bulgarelli e Claudio Massimo Paternò

Lo Spettacolo:

Il corpo dell’attore è un mezzo espressivo molto delicato e sensibile per rappresentare un ideale teatrale. L’attore recita usando l’intero corpo: il viso le mani, le gambe e i piedi.

In questo spettacolo si è voluto enfatizzare l’espressività degli arti inferiori (gambe e piedi). Usandoli con cura e padronanza si è visto come sia possibile esprimere con forza stati d’animo come la tristezza, la gioia, lo stupore etc. e come possa permettere di sviluppare in modo non didascalico e scontato la relazioni tra i personaggi di uno spettacolo. Un lavoro affascinate e, senza ombra di dubbio, particolare che mostra un differente punto si osservazione e un inusuale piano espressivo dell’azione teatrale.

Lo spettacolo di strada A2 passi è il risultato scenico del lavoro di ricerca di un gruppo di attori che partendo dal metodo della Biomeccanica Teatrale di Mejerchol’d e dal concetto di “metonimia” (un parte per il tutto) mette sotto la lente di ingrandimento l’essere umano e le relazioni che può avere con i propri simili e con l’ambiente che gli sta attorno. Ispirati dal lavoro di alcuni artisti futuristi di inizio ‘900 (Marcel Fabre, Tommaso Marinetti,

Umberto Boccioni, Gerardo Dottori e tutti gli artisti costruttivisti russi) A2 passi mostra gli affetti e i risentimenti di una coppia di attori durante la loro ultima rappresentazione.

Tema centrale è la fine di una relazione. I due protagonisti, usando la tecnica narrativa del teatro nel teatro, sono messi di fronte a situazioni che preannunciano, tra realtà e finzione scenica, la fine del loro rapporto.

Un difetto del sistema di funzionamento del sipario (anch’esso personaggio che si anima e segna diversi momenti dello spettacolo), costringe i due a recitare tutto il loro grottesco e ironico spettacolo mostrando al pubblico solo i propri arti inferiori. Tuttavia lo spettacolo mostra in modo particolare (solo attraverso le gambe, appunto) anche il rapporto tra i due attori (amici e nemici), sempre in bilico tra la ricerca di libertà di chi se ne vuole andare e vuole rompere un sodalizio artistico, bello ma claustrofobico, e il senso di abbandono e nostalgia di chi invece vuole che tutto rimanga così com’è e non vuole accettare la scelta dell’altro.

Un gioco metalinguistico in cui i protagonisti vestono differenti panni (uomini, donne, anziani, esseri fantastici) in un caleidoscopio di storie e ambientazioni. Uno spettacolo che si anima all’interno di una scatola scenica chiusa da tutti i lati e il cui sipario svelerà, come un “foro” in un muro, vedere di volta in volta sempre nuove e sorprendenti scene,.

Gli spettatori non vedranno mai i volti dei protagonisti se non alla fine, quando uno dei due protagonisti alla fine riuscirà ad uscire dalla scatola decretando la fine dello spettacolo e allo stesso tempo del teatro inteso come arte.

Uno spettacolo da strada intenso che attraverso la mimica e il suo particolare focus vuole mettersi in relazione con il mondo reale del pubblico e con l’universo dei passanti che si fermeranno ad osservare. La sintesi dell’azione scenica, calibrata e cosciente sarà messa in relazione con quella istintiva e inconscia della vita reale offrendo così un cortocircuito tra i due mondi (dentro e fuori la scatola scenica) e un possibile momento di riflessione.

Gennadi Nikolaevic Bogdanov si è laureato come attore al GITIS (Istituto Statale d’Arte Teatrale di Mosca). Nel 1972 entra come attore nella compagnia stabile del Teatro della Satira, dove frequenta le lezioni di Biomeccanica Teatrale di Mejerchol’d con Nikolaj Kustov, attore ed istruttore di Biomeccanica Teatralepresso il Teatro Mejerchol’d fino al 1938.

Alla morte del suo maestro ne eredita la pedagogia, decidendo di dedicare la propria vita artistica totalmente alla divulgazione del sistema mejeercholdiano.

Come regista in teatro ha prodotto spettacoli in Italia, Germania, USA, Francia, Inghilterra, Russia.

Prezzi Euro 15,00 Intero, Euro 10,00 Ridotto (Over 65, militari, insegnanti) e Euro 8,00 Rid. Speciale (Studenti, Cral)

 

 

Informazioni e prenotazioni Tel. 0862/67335 - 329/7488830  e-mail: teatrozeta@hotmail.it

Pubblicato in Musica e Spettacolo

GIULIANOVA (TE) - Sono partiti questa mattina i lavori di rifacimento dell’asfalto in via Cupa ad opera della Provincia di Teramo. Il Sindaco Jwan Costantini ha visitato il cantiere insieme al Consigliere provinciale delegato alla Viabilità Lanfranco Cardinale, per seguire le operazioni di sistemazione del manto stradale.

“Il nostro doveroso ringraziamento va al Presidente Diego Di Bonaventura e al Consigliere Cardinale per l’attenzione riservata ad una strada strategica per la viabilità cittadina – dichiara il Sindaco Costantini – questi interventi si aggiungono a quelli che, come Comune di Giulianova, stiamo portando avanti in via Sette Fratelli”.

Il Sindaco, insieme al tecnico comunale Fabrizio Iacovoni, si è recato in via Sette Fratelli, dove, da stamattina, sono in corso interventi di manutenzione straordinaria.

Pubblicato in Politica
L'AQUILA - La prima Commissione consiliare del comune dell'Aquila, Programmazione e bilancio, presieduta dal consigliere Luigi Di Luzio, è convocata per martedì 3 dicembre, alle ore 9,00 (seconda convocazione ore 9.30), con il seguente argomento all'ordine del giorno: "Situazione attuale, criticità e prospettive dell'Aquilana società multiservizi (Asm).
La riunione si terrà nella sala "Eude Cicerone" della sede comunale di Villa Gioia.
Pubblicato in Politica

L’AQUILA – di Goffredo Palmerini - E’ ancora fresco di stampa il volume “Il fuoco sotto la cenere – L’onda della Solidarietà” uscito dalle Edizioni One Group e curato da Fernando Vaccarelli. E’ il tributo che gli Alpini dell’Aquila hanno inteso rendere, nel decennale del terremoto, alle penne nere d’Italia e alle decine di migliaia di volontari venuti in soccorso alle popolazioni colpite dal sisma dopo quel terribile 6 aprile 2009. Il volume sarà presentato a L’Aquila giovedì 28 novembre, alle 17:30, nell’Auditorium “E. Sericchi” in via Pescara 2. Interverranno Gian Paolo de Rubeis, presidente del Comitato organizzatore del 4° Raduno “Ricordando il Battaglione Alpini L’Aquila”, Fulgo Graziosi, direttore del periodico “L’Alpino d’Abruzzo”, Fernando Vaccarelli, curatore del volume”, Pietro D’Alfonso, presidente della Sezione Abruzzi dell’ANA. Il giornalista Massimo Alesii modererà e coordinerà l’incontro.

Il Comitato organizzatore del 4° RadunoRicordando il Battaglione Alpini L’Aquila”, dopo le splendide ed emozionanti giornate del raduno tenutosi dal 13 al 15 settembre scorso, ha voluto promuovere anche questa interessante pubblicazione con lo scopo di documentare la straordinaria onda di Solidarietà giunta in aiuto dell’Aquila e dei centri colpiti dal terremoto del 2009. Un libro di pregevole veste per ricordare l’opera di soccorso e ringraziare gli Alpini della Protezione Civile ANA, i Dipartimenti di Protezione Civile delle Regioni e delle Province autonome di Trento e Bolzano, il Corpo dei Vigili del Fuoco, la Croce Rossa, l’Esercito, l’Arma dei Carabinieri, la Polizia di Stato, la Guardia di Finanza, il Corpo Forestale dello Stato, l’Aeronautica, la Marina, le tante Associazioni di Volontariato e tutti i Volontari venuti da ogni angolo d’Italia e anche dall’estero. Circa 70 mila soccorritori si alternarono nell’opera di aiuto e sostegno alla popolazione nei mesi dell’emergenza post sisma.

Celebrare il Decennale del terremotoè scritto nel risvolto di copertina - è l’occasio­ne per commemorare le vittime e per ringra­ziare coloro che sono intervenuti in soccorso alle nostre popolazioni. Un flusso enorme di volontari, delle più disparate estrazioni. Dare testimonianza dell’onda di solidarietà che ha abbracciato la città dell’Aquila è un do­vere colmo di gratitudine verso quanti hanno contribuito a far risollevare le nostre genti. Solidarietà che testimonia anche l’enorme patrimonio che l’Italia possiede di organizza­zione, cuore, partecipazione che, sebbene si manifestino particolarmente in momenti di cri­si, è come un fuoco nascosto sotto la cenere, è un sentimento altamente civico e cristiano e misura la maturità di una società”.

Dunque una pubblicazione preziosa, non solo per il valore morale e per la testimonianza di gratitudine e riconoscenza che esprime, ma anche perché ha il merito di aver raccolto con puntigliosa e certosina attenzione tutti i dati del soccorso, i numeri dei soccorritori e le comunità assistite. Una documentazione organica ed essenziale che ha il pregio di offrire un quadro esaustivo di quanto operato, sotto ogni forma, in quanto a sostegno e solidarietà verso le popolazioni della città capoluogo d’Abruzzo e degli altri centri colpiti dal terremoto del 2009, nei 174 Campi di accoglienza e tendopoli, allestiti con eccezionale tempestività dai soccorritori nei centri del cratere del sisma.

C’è voluta tutta la determinazione e la caparbietà del curatore del volume per raggiungere un simile risultato. Va certamente ascritto a merito di Fernando Vaccarelli l’aver condotto in porto non una pubblicazione celebrativa della ricorrenza del decennale, ma un’opera essenziale di ricerca che potrà restare punto di riferimento nella documentazione di quale e quanta sia stata l’eccellente mole di soccorso messa in piedi nel dopo terremoto dell’Aquila. Non potremo mai dimenticare questa che è stata una pagina splendida del Paese, l’immagine della più bella Italia, quella del Volontariato e della Solidarietà. Come pure non dimenticheremo mai l'amore e la solidarietà di tutti gli Italiani, anche dall’estero, espresse con innumerevoli gesti di grande valore morale e di significativa generosità.

Nella Introduzione il curatore del volume, che è capogruppo del Gruppo Alpini “Giovanni Vaccarelli” dell’Aquila, tra l’altro scrive: “[…] Il sapere dell’emergenza sisma e di tutto quello che è seguito alla “normalizzazione” è statu un obiettivo che si è voluto raggiungere, per sgombrare il campo da notizie non certe. Si è riscontrato che la gente ha ignorato, quasi del tutto, quello che stava accadendo intorno. Senza dubbio ha avuto i suoi buoni motivi per non interessarsi, gli stessi abitanti dei paesi, interrogati a distanza di tempo, non sapevano da chi fossero stati assistiti nei campi di accoglienza. Gli stessi alpini dei nostri Gruppi ignoravano in quali campi fossero impegnati i volontari della protezione Civile ANA. E così è nata l’iniziativa – aggiunge Fernando Vaccarelli – d’individuare quali strutture operative avevano svolto funzioni importanti nel territorio. E’ stata condotta una ricerca che ha portato ad individuare 174 campi di accoglienza, una miriade di volontari che si sono susseguiti settimanalmente. Sapevamo del contingente dei volontari dell’Associazione Nazionale Alpini, impressionante, circa 8.500 per sette giorni, 60.000 presenze. Si è tracciato il flusso di tutte le Protezioni Civili delle Regioni, comprese le Province autonome di Trento e Bolzano, costituite da un volontariato di innumerevoli associazioni. E poi le Organizzazioni di volontariato autonome, una forza trainante. Sono stati stimati circa 70 mila volontari provenienti da tutta Italia, per un totale di più di 730 mila giornate di presenza individuale. […]”

Un libro, quindi, di significativo valore documentale, peraltro arricchito di immagini a colori, le più toccanti di quei giorni difficili e terribili, ma anche così segnati dalla vicinanza e dalla generosità di tanti italiani. Il volume, oltre a diversi contributi e testimonianze, reca in particolare un’intensa Prefazione di Sergio Basti, già dirigente generale del Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile, che dal 1° aprile 2009 fu Direttore Generale per l’Emergenza. L’ing. Basti, nato ad Ortona ma pienamente naturalizzato aquilano, intitola la sua bella Prefazione “Il mio terremoto”. E’ una testimonianza a tratti commovente, il racconto di quella notte terribile e degli immediati giorni seguenti, tra le macerie, nell’infaticabile opera di soccorso dei Vigili del Fuoco. Che gli aquilani immediatamente definirono “gli angeli del terremoto”. E’ un libro da leggere e soprattutto da conservare.

Pubblicato in Eventi
Mercoledì, 27 Novembre 2019 11:16

Apre a Pettino “La Villa di Nonno Guido”

L’AQUILA – Sabato 30 Novembre 2019 taglio del nastro per una nuova struttura di accoglienza per anziani e non solo.

A due passi dall’Ospedale San Salvatore dell’Aquila in Via Uruguay n. 8 nel quartiere Pettino il personale della struttura con la propria professionalità ed accoglienza farà sentire gli ospiti come a casa loro.

La struttura è destinata a tutti quelli che vogliono socializzare e mantenersi attivi partecipando a tanti laboratori e tantissime attività proposte. Ha un’organizzazione di tipo alberghiero di ottimo livello con assistenza specializzata di operatori qualificati socio sanitari.

La struttura vi aspetta per conoscere da vicino la struttura che accoglie uomini, donne, ragazzi e bambini e per constatare la qualità dei servizi offerti.

Per ogni informazione è possibile contattare la Villa di Nonno Guido al 347.0695477 e allo 0862.294911. Pagina facebook "La villa di nonno Guido".

Pubblicato in Cronaca

Le più lette

05 Maggio 2017 12:58:09

Terremoto L'Aquila: governo richiede soldi a familiari vittime

in Politica
L'AQUILA - Il premier Paolo Gentiloni rivuole i soldi per i morti del terremoto…
11 Marzo 2019 12:07:03

Una legge per risarcire i familiari delle vittime dei terremoti 2009 e 2016

in Cronaca
ROMA - Una proposta di legge che intende dare finalmente una risposta a tutte le famiglie…
24 Gennaio 2017 17:39:49

L'Aquila: caduta elicottero, proclamato giorno di lutto cittadino nel giorno dei funerali delle 6 vittime

in Cronaca
L'AQUILA: - “Esprimo, a nome dell’intera Municipalità aquilana, un incredulo dolore per…
10 Maggio 2016 09:57:18

L'Aquila: Giro d'Italia, venerdì 13 maggio scuole chiuse in città

in Cronaca
L'AQUILA: - di Cristina Parente - Come anticipato dalla Polizia Municipale, nel…
11 Agosto 2016 16:09:17

L'Aquila: i sotterranei del Castello si aprono per uno spettacolo ispirato ai racconti di Edgar Allan Poe

in Eventi
L'AQUILA: - Per I Cantieri dell’Immaginario, in via del tutto eccezionale, grazie al…
A sinistra la Basilica di Santa Maria Paganica all'Aquila dopo sisma 2009, a destra la chiesa di Sant'Agostino ad Amatrice
24 Agosto 2016 13:28:24

Terremoto Centro Italia: ecco il vero legame tra Accumoli, Amatrice e L'Aquila in una notte di dolore

in Cronaca
L'AQUILA: - di Cristina Parente - Quante volte è capitato ad ognuno di noi di essere…
right_3_1
right_0_1

Iscriviti alla nostra newsletter

Multimedia

CookiesAccept

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo