http://www.rl1.it
http://www.rl1.it
Articoli filtrati per data: Novembre 2019 - Radio L'Aquila 1

MONTESILVANO (PE) - “Una bella giornata nella quale i bambini di prima elementare sono stati protagonisti di una iniziativa che ha l’obiettivo di sensibilizzare le nuove generazioni all’ambiente. Grande entusiasmo tra i bambini che accompagnati dalle insegnanti hanno potuto ascoltare, attraverso le parole della esperta dottoressa Caterina Artese, come è importante piantare e curare gli alberi. Infatti, saranno proprio i bambini ad occuparsi delle piante da frutto piantate negli spazi verdi delle loro scuole. 

“Un gesto concreto per restituire alla comunità spazi vivibili e accoglienti e per ricordare che senza gli alberi non c’è futuro” queste le parole del deputato Andrea Colletti (M5S) a seguito della giornata “Alberi per il futuro” nella quale sono stati messi a dimora 10 alberi presso le scuole elementari di Ignazio Silone, e sua sede distaccata di Montesilvano Colle, e la scuola ex Mazzocco in via Tordino al fine di sensibilizzare le giovani generazioni sui temi ambientali.

"Esperienza importante perché è molto bello condividere insieme ai bambini un semplice ma importante gesto come la piantumazione di un albero. I bambini sono il nostro futuro ed è principalmente a loro che dobbiamo trasmettere il rispetto e l'amore per la natura" sottolinea Barbara Stella, consigliere regionale del Movimento 5 Stelle.

"Abbiamo riscontrato un entusiasmo tra i bambini. Sono loro che rappresentano il germe da cui poi nasce la società del domani, nella speranza che, anche se non nella totalità, riusciamo a sentire come davvero nostro l'ambiente, e che quindi va tutelato" conclude il consigliere comunale e capigruppo di Montesilvano Paola Ballarini.

"Ogni iniziativa comporta un grande impegno per organizzare e coordinare il tutto, ma quando riscontriamo una grande partecipazione, e soprattutto la gioia e l'entusiasmo dei bambini che hanno partecipato, sentiamo di aver intrapreso la strada giusta.  Sono bimbi della prima elementare che hanno dimostrato interesse e curiosità e questo vuol dire che è già un risultato raggiunto" ci tiene a precisare Gabriele Straccini, consigliere comunale di Montesilvano.

 

Pubblicato in Varie

L’AQUILA - Si è concluso sabato scorso 23 novembre, nell’ambito della quarta edizione del Festival Della Partecipazione a L’Aquila, l’incontro dedicato alle esperienze concrete ed ai programmi futuri dal titolo “Praticare la partecipazione”.

Si è parlato di democrazia partecipativa, cioè̀ del coinvolgimento dei cittadini da parte delle istituzioni; è necessario che queste ultime abbiano capacità di favorire una partecipazione di qualità̀, riconoscendo e attribuendo potere ai cittadini, garantendo risultati e rendendo conto della pratica partecipativa.

Gli interventi sono stati suddivisi in più parti. Nella prima parte abbiamo assistito ad un intervento sulla cultura della partecipazione, interessante per gli aspetti concreti connessi con la pratica quotidiana, a cura di Annalisa Mandorino (Vice Segretario di Cittadinanttiva ONLUS) ed Emma Amiconi (Presidente di FONDACA) che hanno descritto esperienze in cui si è andati oltre l’uso della parola “partecipazione” fino alla prassi attuata ed agli effetti ottenuti. La questione emersa è che l’approccio alla partecipazione è molto diversificato e ancora troppo limitato. Si è dibattuto sulle ragioni per le quali la partecipazione lungo tutto il ciclo delle politiche pubbliche non è favorita o rischia di risultare inefficace, e come sia difficile confrontarsi sul valore aggiunto che le decisioni e l’operato delle istituzioni riceverebbero da processi partecipativi efficaci. È necessario operare individuando i fattori di una partecipazione di qualità̀, ma anche come sia possibile mettere a punto norme, strumenti, procedure necessari alle istituzioni per trarre beneficio dalla partecipazione e dall’ascolto dei cittadini oppure, in alternativa, sensibilizzare i decisori all’ascolto anche senza dover normare in maniera burocratica il processo partecipativo.

La seconda parte ci ha dato modo di conoscere esperienze di partecipazione locali, quelle che noi a L’Aquila viviamo ogni giorno, e che danno un grande senso alla socialità perché ci fanno capire come si possa intervenire per il bene comune con l’impegno collettivo.

Cecilia Cruciani, Coordinatrice del progetto “Solo posti in piedi. Educare oltre i banchi” ha parlato del contrasto alla povertà educativa minorile effettuata con un grande impegno di nove associazioni culturali che hanno lavorato insieme per oltre un anno.

Tommaso Cotellessa e Massimo Prosperococco “L’appello alle istituzioni nell’esperienza del Comitato Scuole Sicure” ci ha dimostrato come, con cortesia istituzionale e chiarezza di intenti, si possano sensibilizzare anche il Ministro del MIUR ed il Presidente della Repubblica se la ragione ed il disagio sono evidenti e se la mancata ricostruzione delle nostre scuole è ormai ingiustificabile.

Americo Di Benedetto, Consigliere Regionale, ha espresso la sua convinzione sull’utilità dei processi partecipativi e ci ha portato i saluti di Giovanni Legnini.

Mauro Chilante, Cittadinanzattiva Teramo, ci ha illustrato l’impegno profuso ed i risultati ottenuti nella progettazione partecipata con il Comune di Teramo del Polo Scolastico, nella battaglia per la salubrità dell’acqua pubblica, della necessità di attivare le commissioni partecipate per la ricostruzione delle zone colpite dal terremoto del 2016, disposte con Ordinanza Commissariale e mai attivate dalle Regioni. Mauro Chilante ha portato i saluti del Presidente ANCI Regionale Gianguido D’Alberto il quale ha dichiarato il suo interesse a lavorare insieme per favorire esperienze di partecipazione;

Da Giulia Tomassi, Presidente Urban Center dell’Aquila “La partecipazione all’Aquila: l’esperienza dell’Urban Center” sono stati illustrati i tratti fondamentali dell’azione civica dell’Urban Center dell’Aquila con la sua struttura e le sue azioni civiche numerose, costanti ed indispensabili, fino ad ipotizzare la codecisione tra cittadini ed Istituzioni.

Da tutti gli interventi, moderati da Paolo Tella (Cittadinanzattiva L’Aquila), è emerso che i risultati effettivi sono modesti rispetto all’impegno profuso perché la difficoltà più grande è quella di trovare interlocutori istituzionali capaci di dedicare ascolto alle istanze dei cittadini.

Si deve parlare di “partecipazione alle decisioni”, diverso da informazione, consultazione ed altro spesso usato più per convincere che coinvolgere nelle scelte di Governo.

È in atto un dibattito tra Democrazia Rappresentativa e Democrazia Partecipativa; mentre è vero che i cittadini partecipano eleggendo i propri rappresentanti, è anche evidente che i luoghi di ascolto da parte della politica sono molto limitati e la percezione sempre più diffusa è quella di una politica arroccata nei propri ruoli senza alcuna apertura. Ciò genera proteste, come l’astensione dal voto, fino ad altre forme sempre più diffuse e diversificate di dissenso. Ciò genera proteste, come l’astensione dal voto, fino ad altre forme sempre più diffuse e diversificate.

I decisori delle Istituzioni non si rendono conto che l’ascolto serve soprattutto a loro per indirizzare l’azione amministrativa, invece lo ostacolano dimostrando di essere attenti solo ad interessi di parte invece che agli interessi diffusi ed al bene comune.

La terza parte ha dato modo di conoscere il parere dei cittadini presenti in sala che hanno evidenziato come sia difficile portare istanze della società civile all’attenzione dei decisori istituzionali. Le domande hanno preso in esame le caratteristiche della richiesta di partecipazione più movimentista, differente da quella più organizzata come le associazioni.

In ogni caso la percezione che le istituzioni siano sorde alle richieste ed alle esigenze della società civile è evidente e chiara, mentre sono sempre aperte alle istanze dei portatori di interesse che condizionano le loro decisioni senza mai tener conto delle esigenze diffuse e del bene comune. È stato evidenziato da Carmine Basile (Forum Terzo Settore Regione Abruzzo) come, anche se i regolamenti e le leggi per la partecipazione ci sono, è la pratica quotidiana che manca perché spesso ci concentriamo su singoli aspetti senza tener conto di un quadro generale d’insieme dimostrando una scarsa cultura civica ed una bassa disponibilità a “fare delle cose”. Chiede alla politica, in conclusione, di facilitare l’utilizzo degli strumenti che già esistono per favorire la partecipazione, magari attivando servizi specifici.

In conclusione la tavola ritonda, moderata da Antonio Gaudioso, Segretario Generale di Cittadinanzattiva ONLUS, che ha introdotto il tema del dibattito con Roberto Santangelo, Vice Presidente vicario Consiglio Regionale Abruzzo, e Valentina Corneli, Deputata Movimento 5 Stelle, Commissione Affari costituzionali della Camera. Antonio Gaudioso ha ringraziato i nostri due relatori, i quali sono stati presenti fin dall’inizio ascoltando tutti gli interventi, a dimostrazione di un concreto interesse al tema, ed evidenziando che ciascuno sceglie dove essere presente.

La Deputata Valentina Corneli ha ribadito la necessità di attivare i processi partecipativi, anche partendo dalla scuola e di combattere ancora di più per andare in questa direzione.

Il Vice Presidente del Consiglio della Regione Abruzzo, Roberto Santangelo, ha esordito dicendo che “oggi la politica è stata tra i banchi ad ascoltare” dichiarando che spesso i politici portano i saluti e scappano ma si può sempre scegliere dove si vuole stare. Ha descritto il suo progetto di lista civica che rappresenta una grande esperienza di ascolto. È vero che la politica si è chiusa dentro il Palazzo ed è anche giusto che i cittadini, a volte, diano “spallate” per farsi ascoltare e trasmettere le esigenze della collettività. In particolare ha apprezzato il lavoro svolto e gli interventi ascoltati aggiungendo che “la democrazia è bella perché è plurale”, ma non dobbiamo rischiare che l’istituto della partecipazione si limiti alle minoranze che vogliono imporre il proprio pensiero. Parlando delle scuole riconosce che, a volte, la politica si comporta come lo struzzo e decide di non decidere; sono passati dieci anni e finalmente è in discussione in Consiglio Comunale il piano con la nuova programmazione delle scuole da demolire e ricostruire che è già tutto finanziato. Ma esistono gli strumenti per la partecipazione e, prima che fosse Consigliere Regionale, ha presentato una legge di iniziativa Regionale raccogliendo 5.000 firme oltre le delibere di Comuni e provincie. Si rende conto però che gli strumenti, così come congegnati, rappresentano un’asticella forse un pò troppo alta e inaccessibile a molti cittadini. Concorda quindi sulla necessità di estendere la partecipazione e cita. Serve il rispetto delle Istituzioni anche da parte della politica stessa; partecipare ad iniziative come questa è importante per attivare un confronto come, ad esempio, discutere la legge per la partecipazione della Regione Toscana, dichiarando la sua disponibilità a lavorare insieme per costruire insieme una legge in Regione Abruzzo per favorire la Partecipazione, anche di concerto con altre forze politiche ed i Comuni abruzzesi, facendo in modo che sia la Regione a fornire un ruolo di indirizzo su questa tematica.

Pubblicato in Eventi

PESCARA - Un’asta per finanziare il Museo delle Genti d’Abruzzo. A Pescara il 1 dicembre si ripeterà ancora una volta  , dopo il successo delle precedenti nove edizioni, la vendita al miglior offerente di opere donate dagli artisti.

Alla presenza dell’Assessore alla Cultura Mariarita Paoni Saccone, del presidente della Commissione Cultura Manuela Peschi, del direttore della Fondazione Museo Genti d’Abruzzo Letizia Lizza, della curatrice dell’Asta Alessandra Moscianese, del vicepresidente della Fondazione Giovanni d’Aquino e dei consiglieri della Fondazione Giulio De Collibus e Ermanno De Pompeis, è stata illustrata l’iniziativa che si terrà domenica alle ore 17.00  nella sala “Giovanni Favetta” del museo, per finanziare le attività istituzionali della Fondazione Genti d’Abruzzo Onlus.   

“Anche per questo 2019 – ha precisato l’Assessore Mariarita Paoni Saccone  - siamo riusciti ad organizzare questo evento di grande rilevanza che permetterà di poter raccogliere dei fondi, affinché il Museo delle Genti, con la sua Fondazione, possa continuare ad operare per fare cultura nella nostra città come ha fatto molto bene fino ad oggi. Ringrazio gli artisti che hanno mostrato ancora una volta una grande generosità”.

La curatrice della mostra, Letizia Lizza, ha sottolineato che  le opere sono già esposte dal 17 novembre, per permettere a chiunque di vederle. Tra le 61 opere vi sono quelle di  vari artisti italiani e stranieri. Il ricavato verrà utilizzato per finanziare le attività della Fondazione :  mostre, le biblioteche, i corsi, e le numerose altre attività di carattere non solo culturale ma anche sociale.  

La curatrice dell’asta, Alessandra Moscianese, ha poi aggiunto che “le stime delle opere riflettono i reali valori di mercato delle opere che vanno da un minimo di 100 euro ad un massimo di cinquemila. Le basi d’asta partiranno partiranno dal 50% del valore di stima. Ci sarà la totale assenza di commissioni e costi aggiuntivi per cui il prezzo di aggiudicazione corrisponde alla cifra da pagare”. Lo scorso anno erano stati raccolti 35mila euro.

Questi gli artisti che hanno aderito all’iniziativa donando le loro opere, presenti anche nel catalogo della mostra: Ubaldo Bartolini, Alberto Biasi, Andrea Boldrini, Rosette Bonello, Fabrizio Campanella, Tonino Caputo, Tommaso Cascella, Bruno Ceccobelli, Arturo e Celso Ceccobelli, Giuseppe Cipollone, Piero Cipollone, Gioia Cleonice, Bruno Colalongo, Ilenia Colazzilli, Laura Conti, Carlo Marcello Conti, Sebastian Contreras, Giancarlo Costanzo, Marcella D’Amico, Fabio De Poli, Paolo Dell’Elce, Claudio Dell’Osa, Giuliano Della Casa, Alfredo Di Bacco, Luciano Di Gregorio, Gino Di Paolo, Peppe Esposito, Antonio Frailes, Maurizio Gabbana, Omar Galliani, Guido Giancaterino, Piero Gilardi, Elisabetta Gut, Arrigo Lora Totino, Luigi Mainolfi, Pierpaolo Mancinelli, Enrico Manera, Roberto Micolucci, Giordano Montorsi, Sandra Moss, Franco Mulas, Magdalo Mussio, Giuseppe Muzii, Michele Palazzi, Claudio Penna, Ottavio Perpetua, Mario Persico, Lamberto Pignotti, Mauro Pispoli, Pino Procopio, Gualtiero Redivo, Massimo Ruiu, Alfredo Saino, Lorenzo Speziale, Danilo Susi, Vittorio Tapparini, Tiziana Torcoletti, Stefano Turrini, Wainer Vaccari, Canziana Virtù.

Pubblicato in Varie
Venerdì, 29 Novembre 2019 17:47

Grande successo prima edizione di CONNEXT,

PESCARA -  È stata un grande successo la prima edizione di CONNEXT Chieti  Pescara, il primo evento di Business matching targato Confindustria che si è svolto oggi nella suggestiva cornice dell'Aurum.

Più di 1000 i partecipanti tra imprenditori, manager, startupper, istituzioni, enti e stakeholder ai vari eventi della giornata. Circa 250 le aziende, di cui il 66 per cento delle province di Chieti e Pescara. 640 gli incontri B2B che si sono svolti nella sala d'Annunzio. Tredici le regioni coinvolte, 50 le imprese espositrici e oltre 300 le aziende in piattaforma.

Un faccia a faccia con altre realtà d’interesse che ha aperto le porte a collaborazioni e nuove opportunità, portando linfa agli imprenditori e soluzioni alle loro esigenze. Connext, come marketplace virtuale, resterà on line per altri 6 mesi, offrendo così a tutti gli iscritti, un servizio innovativo per continuare a fare business.

“Più che un evento questa è stata una giornata di lavoro, nella quale le aziende hanno testimoniato la positività e la ricchezza che le contraddistinguono. I numeri così significativi che hanno partecipato alla prima edizione di Connext, ma soprattutto la convinzione con la quale gli imprenditori e tutti gli stakeholder si sono avvicinati al format che abbiamo voluto proporre sul nostro territorio – ha dichiarato Silvano Pagliuca, presidente di Confindustria Chieti Pescara – è la chiara dimostrazione di essere sulla strada giusta. Creare business si può, ma solo con uno sguardo aperto, capace di cogliere le opportunità derivanti dal confronto. Dallo scambio tra piccole e medie imprese, ma anche dall'incontro con i grandi player. Connext è un'idea che si era dimostrata vincente sul piano nazionale e che oggi a Pescara non ha tradito le nostre aspettative”.

“Connext è un’iniziativa di assoluta importanza - ha sottolineato Carlo Robiglio, vice presidente Confindustria - perché oggi siamo in un momento difficile, che si sta protraendo ormai da oltre dieci anni. Mai come in questo momento è necessario creare connessioni tra le imprese. Da questa necessità nasce un anno fa la prima iniziativa nazionale tenutasi a Milano, volta proprio a creare relazioni tra le imprese, perché si conoscano, perché gli imprenditori possano scambiarsi non solo idee, ma confrontarsi sui propri business e sulla possibilità di creare insieme valore. Quella di oggi è un’iniziativa che va a ricondursi nell’alveo di quella nazionale e mi complimento con gli organizzatori perché è sempre più importante creare relazioni tra gli imprenditori e le imprese”.

Connext ha radunato il mondo imprenditoriale abruzzese e non solo, creando tavoli di confronto tra aziende, start up, potenziali clienti, fornitori, finanziatori. Presente anche il mondo della pubblica amministrazione rappresentato da enti e dall'università.

“Innovare oggi per un’impresa - ha commentato il direttore generale di Confindustria Chieti Pescara Luigi Di Giosaffatte  - significa partire dall'idea di fare squadra, per ampliare gli orizzonti del proprio mondo. È il momento di cominciare a parlare di fattori strategici, ovvero internazionalizzazione, innovazione, ricerca, credito, finanza, per citarne alcuni. Lo abbiamo fatto attraverso Connext, mettendo a disposizione uno spazio  virtuale che è la piattaforma, ma anche fisico, con l'incontro diretto tra domanda e offerta e i seminari tematici,  organizzati per approfondire quegli elementi ormai sempre più imprescindibili nella vita di un'impresa, come ad esempio la digitalizzazione. In uno di questi momenti di approfondimento abbiamo rilanciato il progetto Autoctonie, nato con lo scopo di rivalorizzare una filiera centrale per il tessuto abruzzese: la pastorizia, che accomuna due grandi rami imprenditoriali, quello moda e quello agroalimentare”.

Sei in totale i seminari che si sono susseguiti durante la giornata. Oltre al progetto autoctonie, la trasformazione digitale è stata sviluppata in due momenti di approfondimento: “IoT, l'evoluzione in atto”, incentrato sull'evoluzione del modo di fare business legata all'innovazione tecnologica e sulla “Digital Trasformation nelle aziende”, per comprendere i benefici nella gestione e nel controllo dei processi al fine di avere l'informazione aziendale in tempo reale.

Determinante il seminario “Crescere con le reti di impresa”, soluzione ottimale per le imprese che vogliono allargare la portata o l'ambito delle proprie attività senza perdere la propria autonomia, centralità, storia e identità.

“Ho creduto fortemente in questo progetto sin dalla sua edizione nazionale - ha affermato Angelo Taraborrelli, amministratore Regie srl -. Ho partecipato alle altre tappe, in giro per l'Italia e oggi finalmente a Pescara. Connext è un evento che mi ha permesso di conoscere numerosi imprenditori, realtà diverse fatte di tanta innovazione, di giovani che hanno le competenze e le capacità, ma non hanno la visibilità che oggi il mercato gli può dare. Connext non è la solita fiera, che si esaurisce in un singolo evento, ma è un marketplace digitale che permette di proseguire nel tempo gli incontri b2b, dando l'opportunità di fare squadra sia tra le piccole e le medie imprese, ma anche di confrontarsi con i grandi player nazionali”.

Ha parlato di “generatore di opportunità, un'occasione per le imprese di rendere visibili i propri prodotti e servizi - Alessandra Rosica, district manager Abruzzo Molise di Synergie Italia Spa -. Crediamo che l'obiettivo del format si sposi benissimo con la nostra mission: il matching tra le imprese.  Connext è un terreno di scambio, fondato su quella capacità di ascolto che genera un'idea di business completamente diversa, che gioca sulla relazione tra partner e non su un rapporto tra cliente e fornitore”.

CONNEXT, ha visto la presenza di protagonisti internazionali come ad esempio Eni, Enel, Schneider Electric, Tim e Fastweb, e si è avvalsa della collaborazione di sponsor di grande caratura come Reteindustria, Odoardo Zecca,  Regie srl, Z3 engineering, Ance Chieti Pescara e Bentley Soa, Synergie Italia, Mfm, Pasquarelli Auto, Federazione BCC, Gruppo Filippetti, Metamer, Società Chimica Bussi, Te Connectivity, Ubibanca, Talent Training.

Assieme al presidente di Confindustria Chieti Pescara Silvano Pagliuca, sono intervenuti il vice presidente Confindustria nazionale Carlo Robiglio, i sindaci di Pescara Carlo Masci e di Chieti Umberto Di Primio, il presidente della CCIAA Chieti Pescara Gennaro Strever, il prorettore dell’Università D’Annunzio Augusta Consorti il delegato terza missione Università D’Annunzio Arcangelo Merla, il presidente di Federmanager Abruzzo Molise Florio Corneli.

L'appuntamento è per Connext 2020, nella sua edizione nazionale a Milano il prossimo 20 e 21 febbraio e nella sua seconda edizione abruzzese che si terrà il 23 ottobre.v

Pubblicato in Eventi

GIULIANOVA (TE) - Dal 27 settembre, data di presentazione agli istituti scolastici del territorio dell’ampia proposta di progetti e laboratori per gli alunni di ogni ordine e grado, sono circa 700 gli studenti provenienti dalle scuole di Giulianova, Mosciano, Pineto, Tortoreto e Cologna, che stanno prendendo parte o lo faranno alle attività dei laboratori e delle visite del Polo Museale Civico di Giulianova, fino alla fine dell’anno scolastico in corso. Per rendere maggiormente raggiungibili e smart la serie di informazioni e le modalità di prenotazione da parte delle scuole, i musei civici, grazie ad Angelo Gozzi, hanno realizzato un nuovo portale web raggiungibile dalla home page del sito istituzionale del Comune o direttamente all’indirizzo  https://polomuseale.comune.giulianova.te.it/

Sul nuovo sito si potranno scoprire le caratteristiche di ogni attività proposta, dai contenuti all’età indicata, e prenotare le stesse attraverso un apposito form da compilare.

Dall’archeologia alla scultura, dalla fotografia al 3d, dalla musica alla geografia, dalla pittura alle visite guidate tematiche, un paniere di proposte adatto a tutti gli ordini di scuola, infanzia, primaria e secondaria di I e II grado, che mettono al centro la didattica esperienziale e il contatto diretto con i musei, ma anche con il centro storico e il territorio, il cosiddetto museo diffuso.

Inoltre, in occasione dell’evento “Leonardo. Saperi, architettura e guerra tra Quattro e Cinquecento: dalla Città ideale alle invenzioni del Genio", che vedrà l’esposizione nel centro storico e in alcune sedi museali comunali, dal 7 dicembre 2019 al 6 gennaio 2020, delle riproduzioni delle grandiose macchine pensate dal grande maestro del Rinascimento, il Polo Museale ha inserito un’ulteriore offerta per le scuole fino al 31 gennaio 2020 con una visita guidata alla mostra e alla città quattrocentesca.

Per informazioni e prenotazioni è possibile chiamare il numero 0858021290, mandare una mail a museicivici@comune.giulianova.te.it o visitare il nuovo sito https://polomuseale.comune.giulianova.te.it/

Pubblicato in Arte e Cultura

ROMA - Ultimi giorni per pagare la rata in scadenza il prossimo 2 dicembre per tutti coloro che nei mesi scorsi hanno aderito alla “rottamazione-ter” e al “saldo e stralcio” delle cartelle. Si tratta di una platea di 1,8 milioni di contribuenti per oltre 15 milioni di cartelle e avvisi che saranno pagati in modo agevolato (11,4 milioni per la “rottamazione-ter” e 4,2 milioni per il “saldo e stralcio”).

L’Agenzia riscossione fa sapere che la scadenza del 2 dicembre (il termine fissato al 30 novembre cade di sabato ed è posticipato al lunedì successivo) riguarda il pagamento della prima rata di circa 385 mila contribuenti che hanno aderito al “saldo e stralcio” e di circa 267 mila “ritardatari” della “rottamazione-ter”, cioè chi ha usufruito della riapertura dei termini fino al 31 luglio 2019 per presentare la domanda (la scadenza iniziale era fissata al 30 aprile 2019). A questa platea si aggiungono circa 1 milione 170 mila contribuenti che hanno aderito alla “rottamazione-ter” entro il 30 aprile, compresi coloro che hanno mancato l’appuntamento della prima rata fissato allo scorso 31 luglio. Per questi ultimi, infatti, è prevista la possibilità di rientrare nei benefici della “rottamazione” saldando prima e seconda rata entro il 2 dicembre. Alla stessa data è fissato il termine per il pagamento della seconda rata della “rottamazione-ter” per i contribuenti che hanno versato la prima entro lo scorso 31 luglio.

Si ricorda che il mancato, insufficiente o tardivo pagamento anche di una sola rata, oltre la tolleranza di cinque giorni prevista per legge (sono validi i pagamenti effettuati entro il 9 dicembre 2019), determina l’inefficacia della definizione agevolata, il debito non potrà essere più rateizzato e l’Agente della riscossione dovrà riprendere le azioni di recupero.

Rientrano nel “saldo e stralcio” (Legge n. 145/2018) i contribuenti persone fisiche che versano in una situazione di grave e comprovata difficoltà economica (ISEE del nucleo familiare inferiore a 20 mila euro). Per questa tipologia di agevolazione è previsto il pagamento nella misura che varia dal 16 al 35% dell’importo dovuto, già scontato di sanzioni e interessi. La “rottamazione-ter” (Decreto Legge n. 119/2018) prevede invece l’annullamento esclusivamente delle sanzioni e degli interessi di mora.

COME E DOVE PAGARE. È possibile pagare le rate del “saldo e stralcio” e della “rottamazione-ter” presso la propria banca, agli sportelli bancomat (ATM) abilitati ai servizi di pagamento Cbill, con il proprio internet banking, agli uffici postali, nei tabaccai aderenti a Banca 5 SpA e tramite i circuiti Sisal e Lottomatica, sul portale www.agenziaentrateriscossione.gov.it e con l'App Equiclick tramite la piattaforma PagoPa oppure direttamente agli sportelli. Infine, è possibile effettuare il versamento mediante compensazione con i crediti commerciali non prescritti, certi liquidi ed esigibili (c.d. crediti certificati) maturati per somministrazioni, forniture, appalti e servizi nei confronti della Pubblica Amministrazione. Sul portale agenziaentrateriscossione.gov.it sono attivi i servizi online per richiedere la copia della “Comunicazione delle somme dovute” con i relativi bollettini e per scegliere le cartelle/avvisi che si intendono effettivamente pagare in via agevolata.

Pubblicato in Economia

L’AQUILA - “Chiedo la convocazione urgente delle Commissioni Consiliari – così il capogruppo PD in Consiglio regionale Silvio Paolucci -. L'assenza di una strategia del governo regionale su una delle maggiori ASL del territorio abruzzese qual è quella di Lanciano-Vasto-Chieti, è diventata un’emergenza. L’azienda è in una situazione di stasi: ferma  riguardo alle nomine dei direttori di struttura complessa, a quelle dei direttori di dipartimento, ma anche per quanto riguarda il ruolo di oltre 300 dirigenti medici. È come una nave che va alla deriva, senza guida. La Asl deve erogare prestazioni sanitarie che siano garantite dai professionisti competenti, senza questi non si procede e senza gerarchie non si governa un sistema complesso. Invece ci troviamo di fronte una realtà in cui mancano i direttori di chirurgia, ortopedia, neurologia, pronto soccorso, urologia, otorino, direzione medica di presidio. Inoltre, dopo la chiusura del Distretto di Chieti Scalo, la revoca degli angiografi a Lanciano e Vasto, nonché a oltre dieci giorni dal provvedimento di chiusura delle cucine dell’ospedale di Vasto, non registriamo altro che l’inaudito silenzio dell’esecutivo regionale, che ha invece il dovere di stanziare le risorse per l’Ospedale S. Pio”.

Un dovere pressante, incalza Paolucci: “Tenuto conto che la Regione ha appena dato 1 mln di euro per il Festival Cartoons e decine di migliaia di euro per svariati festival del cioccolato. Il maggior quantitativo di risorse possibili vanno trasferite alla Asl perché dia immediata risposta alle istanze urgenti. Tutto questo accade perché l’amministrazione regionale di centrodestra non ha una visione concreta sul da farsi e senza una visione è difficile prendere decisioni che garantiscano il buon funzionamento dei servizi sanitari aziendali. È comprensibile che in queste condizioni diventi complicato anche agire positivamente per un direttore generale, specie se a fronte degli annunciati tagli che solo per la Asl di Chieti saranno pari a 30-40 milioni di euro annui e che senza una nessuna guida e indirizzo politico, rischiano di trasformarsi in enormi problemi per l’utenza. Per questo l’attuale condizione della sanità nel nostro territorio, sollecita il confronto e la discussione.”

Da qui l’idea di convocare gli organi di controllo regionale: “Devono essere investiti di tale inerzia e delle illegittimità anche delle delibere adottate senza il parere del direttore sanitario aziendale in quanto vacante – conclude Paolucci - A tal fine chiederò alla Commissioni competenti di convocare l’assessore oltre al manager, per capire innanzitutto quale sia la rotta e quali i mezzi per raggiungere la meta di servizi sanitari che non vadano alla deriva come invece preannuncia la situazione attuale. Va anche capito perché il nuovo direttore generale non abbia ancora potuto prendere nessuna decisione strategica, nel mentre registriamo sterili e inappropriate polemiche su Twitter: ci aspettiamo risposte non tweet, risposte che chiaramente innanzitutto stanno in capo alla Giunta Regionale. La produzione che è diminuita, la carenza di personale, la scarsa compliance del livello decisionale con i professionisti, determinano sicuramente a lungo andare un deterioramento dei servizi, manca un’agenda strategica e un dialogo organizzativo e questo in sanità non si può tollerare. Di certo la principale responsabilità è della Giunta più immobile della storia, che porterà il Consiglio a discutere degli atti di programmazione del 2019 nel 2020! Se tutto va bene”.

Pubblicato in Politica

FRANCAVILLA AL MARE (CH) - Dopo il sold-out registrato al primo appuntamento con il concerto internazionale degli “Yellowjackets”, anche il concerto del “Premio OscarNicola Piovani, previsto per sabato 30 novembre alle ore 21 al “Teatro Sirena” di Francavilla al Mare, con la direzione artistica del Maestro Davide Cavuti, ha registrato il tutto esaurito ormai da settimane.

Sabato 30 novembre si tornerà a respirare la grande musica da film a Francavilla al mare, “Città del Cinema” grazie ai grandi personaggi che vi hanno vissuto quali il compositore Alessandro Cicognini, uno dei padri della musica da film e autore delle musiche di oltre 300 colonne sonore, tra cui i film premiati con l’Oscar “Sciuscià” e “Ladri di Biciclette”, ma anche l’attore Guido Celano, il compositore Ettore Montanaro: Francavilla al Mare è anche sede del “Centro Ricerche e Studi Nazionale Cicognini”, istituzione di musica applicata alle immagini, che studia e divulga in particolar modo le opere dei grandi compositori del Novecento e collabora con istituzioni prestigiose quali il “Centro Sperimentale di Cinematografia” di Roma, la “Cineteca Nazionale, l’Agiscuola Nazionale, il “Conservatorio Verdi” di Milano e produce il “Festival Cicognini” (che, per la decima edizione, si terrà nel mese di giugno 2020) e il “Premio Internazionale Alessandro Cicognini”.

“Il Maestro Nicola Piovani è legato alla nostra cittàha dichiarato il Maestro Davide Cavuti, direttore del “Teatro Sirena” - avendo ricevuto il “Premio Cicognini” nell’agosto di quest’anno, riconoscimento dedicato ad uno dei più grandi compositori di colonne sonore del cinema internazionale quale il Maestro Cicognini, e terrà a Francavilla al Mare uno straordinario concerto-spettacolo “La musica è pericolosa”, titolo che prende spunto da una frase di Federico Fellini, tra i registi con cui il Maestro Piovani ha lavorato nella sua carriera: Francavilla si conferma città dalla grande tradizione musicale che, oltre al genio del Maestro Cicognini, ha dato i natali al compositore Ettore Montanaro, al cornettista di fama nazionale Gaetano Catena e ad un altro compositore contemporaneo Bruno Zambrini, autore di musiche da film e canzoni per Gianni Morandi, Patty Pravo, Rita Pavone, Andrea Bocelli, Eros Ramazzotti e che quest’anno riceverà il “Premio Cicognini 2020”.”

“La musica è pericolosa – Concertato” è un racconto musicale; scandendo le stazioni di questo viaggio musicale in libertà, il Maestro Nicola Piovani racconta al pubblico il senso dei frastagliati percorsi che l’hanno portato a fiancheggiare il lavoro di De André, Fellini, Magni e di molti altri registi, cantanti, strumentisti, per il teatro, il cinema, la televisione, alternando l’esecuzione di brani totalmente inediti a nuove versioni di brani più noti, arrangiati per l’occasione. Nel racconto teatrale la parola arriva dove la musica non può, ma, soprattutto, la musica la fa da padrona là dove la parola non sa e non può arrivare. Lo spettacolo percorre con parole e suoni alcune tappe della vita del maestro, quelle in cui si è trovato dinanzi alla pericolosità seduttiva della musica: la scoperta di grandi autori, il fascino delle bande musicali, la potenza di una canzonetta. Per l’occasione il Maestro Piovani si esibirà con il suo Ensemble composto da Marina Cesari (Sax/clarinetto), Pasquale Filastò (Violoncello/ chitarra/mandoloncello), Ivan Gambini (Batteria/percussioni), Marco Loddo (Contrabbasso), Rossano Baldini (Tastiere/fisarmonica), oltre allo stesso Piovani al Pianoforte.

Il calendario degli eventi del “Teatro Sirena” proseguirà il 15 dicembre con la musica classica e il concerto di Luciano Bellini (ingresso libero) e il 19 dicembre con lo show dello “storyteller” Federico Buffa, interprete della piece “Italia Mundial”, spettacolo già sold-out. La stagione artistica vedrà successivamente protagonisti il cantautore Sergio Cammariere (24 gennaio) e l’attore Giancarlo Giannini (15 febbraio).

Pubblicato in Arte e Cultura

PESCARA - 4 giorni all’insegna dello swing  nel nome di Norma Miller. Questo in sintesi il programma di una manifestazione dedicata alla leggendaria “regina dello   Swing", Norma Miller,  ballerina di Jazz e di Lindy Hop, coreografa, cabarettista, scrittrice, attrice, autrice e cantante,  che ha speso gli ultimi dieci di carriera in tournée in alcuni paesi europei per diffondere la Storia orale dello Swing e del Jazz, e addirittura per esibirsi come cantante nell’ultimo lustro.

A dedicarle l’omaggio saranno la Italian Swing Dance Society  di Roberta Bevilacqua e la Billy Bros. Swing Orchestra di Maurizio Meterangelo, che   dal 29 novembre al 02 dicembre presenteranno al Grand Hotel Adriatico di Montesilvano conferenze, workshop di ballo e serate con musica dal vivo.

Oggi in Sala Giunta, il Sindaco Carlo Masci,  Roberta Bevilacqua e Maurizio Meterangelo hanno presentato il ricco programma, alla presenza   del  ballerino e coreografo Chazz Young, allievo di Norma Miller e figlio del grande Frankie Manning, e del ballerino e coreografo di Hollywood  Chester “Lord of Swing” Whitmore il quale  in questi giorni che festeggerà anche il proprio compleanno.

“Pescara e Montesilvano – ha spiegato Maurizio Meterangelo - sono state le basi operative di Norma Miller negli ultimi gloriosi 5 anni di una lunga carriera artistica iniziata a 12 anni e sviluppatasi al fianco di artisti quali Duke Ellington, Louis Armstrong, Count Basie, Cab Calloway, Ella Fitzgerald, Chick Webb, oltre che a grandi cabarettisti quali Redd Foxx, Richard Prior e Bill Cosby e vogliamo dar seguito al giusto riconoscimento artistico arrivato dai  Sindaci di entrambe le Città adriatiche”. 

Norma Miller, nata a New York 02.12.1919 e morta Fort Myers 05.05.2019 ha scritto numerosi brani  che saranno suonati dal vivo sabato 30 novembre dalla Billy Bros. Swing Orchestra, mentre sabato 29 alle ore 21.00 ci sarà il  Happy birthday "Lord of Swing" party: DJ e live music con BILLY BROS. Swing Orchestra e domenica 1° dicembre toccherà a The Hoofers Club e alla Norma Miller Orchestra, con ingresso sempre dalle ore 21.00.

Il sodalizio con l’Italian Swing Dance Society e la Billy Bros. Swing Orchestra ha prodotto filmati, dischi e libri che verranno presentati durante il week-end commemorativo della “Regina dello Swing” mentre dagli Stati Uniti giungerà anche  il regista, agente ed erede di Norma, John Biffar, della Dreamtime Entertainment che porterà filmati inediti e le ultime interviste rilasciate dalla Regina;    

“Verranno trasmessi  - ha sottolineato ancora l’organizzatore Maurizio Meterangelo - video inediti e interviste esclusive con la "Regina dello Swing" e sarà possibile acquistare il documentario sulla sua vita  “Queen of Swing”, il suo ultimo libro "Swing, Baby Swing!", il suo primo cd "A Swingin' Love Fest" e prenotare il cd di prossima pubblicazione "When Harlem Was King and the Music Was Swing”. 

Pubblicato in Musica e Spettacolo
Venerdì, 29 Novembre 2019 16:53

RFI Abruzzo: presentato piano neve e gelo

PESCARA - Un piano operativo per la stagione invernale 2019/20 dedicato alla gestione della circolazione ferroviaria in caso di criticità legate alle condizioni meteo avverse, in particolare a situazioni di neve e gelo.

Il “Piano Neve e Gelo” è stato presentato oggi a Pescara da Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane) alla Regione Abruzzo (Protezione civile e Assessorato ai trasporti). Partendo da un’analisi approfondita delle criticità gestite in seguito agli eventi meteorologici che hanno colpito l’Abruzzo negli scorsi inverni, sono previste una serie di attività preventive: controlli straordinari dello stato di funzionamento delle scaldiglie, lubrificazione periodica degli scambi e delle linee di alimentazione elettrica dei treni con liquido antigelo, taglio della vegetazione potenzialmente critica, corse raschiaghiaccio, spargimento sale sui marciapiedi delle stazioni e vigilanza specifica da parte del personale che sarà chiamato a intervenire sull’infrastruttura.

Il piano sarà articolato in diverse fasi sulla base delle previsioni del Bollettino Meteo della Protezione Civile e da bollettini dedicati attraverso le stazioni meteo di monitoraggio continuo dotate anche di telecamere, a partire dai due giorni precedenti la dichiarazione di allerta.

Il documento presentato oggi prevede anche una possibile riduzione dei treni in circolazione, programmata e annunciata il giorno precedente la dichiarazione di allerta, in stretta relazione all’andamento delle condizioni meteorologiche, oltre a specifiche misure tecniche e organizzative per garantire la regolarità del servizio ripianificato, per preservare l’efficienza dei mezzi e il regolare funzionamento dei sistemi di sicurezza.

La riduzione dell’offerta di trasporto, attuata sulla base degli aggiornamenti del Bollettino Meteo della Protezione Civile e del continuo monitoraggio sia delle previsioni meteo sia delle condizioni oggettive (quantità delle precipitazioni nevose, diminuzione  delle temperature) produrrà una rimodulazione dei flussi in transito sulle linee e nei nodi definita da una task force centrale/territoriale di RFI, tale da assicurare la continuità in sicurezza della mobilità ferroviaria, unita a un’adeguata regolarità della circolazione. I programmi di circolazione preventivamente pianificati prevedono una riduzione del servizio pari a circa il 30 per cento in caso di un livello di allerta gialla, sale al 50 % nei casi di allerta arancione/ fino alla sospensione dei servizi in caso di particolari condizioni nevose incompatibili con la circolazione ferroviaria.

RFI garantisce l’impiego di oltre 100 persone dedicate alla gestione delle situazioni di emergenza per il mantenimento in efficienza degli impianti ferroviari e delle stazioni e per le informazioni ai viaggiatori.

Tutte le variazioni a quanto previsto dall’Orario Ufficiale saranno tempestivamente comunicate utilizzando tutti i media del Gruppo FS Italiane (siti web trenitalia.com, fsnews.it, la sezione Infomobilità del sito RFI.it); gli account Twitter (@LeFrecce, @Fsnews_it e FSNewsRadio), a cui si aggiungono i tradizionali canali di customer care e biglietterie dell’impresa ferroviaria, dei tabelloni elettronici, annunci sonori e locandine.

Pubblicato in Varie

Le più lette

05 Maggio 2017 12:58:09

Terremoto L'Aquila: governo richiede soldi a familiari vittime

in Politica
L'AQUILA - Il premier Paolo Gentiloni rivuole i soldi per i morti del terremoto…
11 Marzo 2019 12:07:03

Una legge per risarcire i familiari delle vittime dei terremoti 2009 e 2016

in Cronaca
ROMA - Una proposta di legge che intende dare finalmente una risposta a tutte le famiglie…
24 Gennaio 2017 17:39:49

L'Aquila: caduta elicottero, proclamato giorno di lutto cittadino nel giorno dei funerali delle 6 vittime

in Cronaca
L'AQUILA: - “Esprimo, a nome dell’intera Municipalità aquilana, un incredulo dolore per…
10 Maggio 2016 09:57:18

L'Aquila: Giro d'Italia, venerdì 13 maggio scuole chiuse in città

in Cronaca
L'AQUILA: - di Cristina Parente - Come anticipato dalla Polizia Municipale, nel…
11 Agosto 2016 16:09:17

L'Aquila: i sotterranei del Castello si aprono per uno spettacolo ispirato ai racconti di Edgar Allan Poe

in Eventi
L'AQUILA: - Per I Cantieri dell’Immaginario, in via del tutto eccezionale, grazie al…
A sinistra la Basilica di Santa Maria Paganica all'Aquila dopo sisma 2009, a destra la chiesa di Sant'Agostino ad Amatrice
24 Agosto 2016 13:28:24

Terremoto Centro Italia: ecco il vero legame tra Accumoli, Amatrice e L'Aquila in una notte di dolore

in Cronaca
L'AQUILA: - di Cristina Parente - Quante volte è capitato ad ognuno di noi di essere…
right_3_1
right_0_1

Iscriviti alla nostra newsletter

Multimedia

CookiesAccept

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo