Stampa questa pagina
Sabato, 27 Aprile 2019 16:39

Pezzopane, rendiconto di un anno alla Camera: "Un grande lavoro per rappresentare e difendere la mia terra"

Fabrizio D’Alessandro, Stefania Pezzopane e Gilda Panella Fabrizio D’Alessandro, Stefania Pezzopane e Gilda Panella

L'AQUILA - “Presento oggi un rendiconto dettagliato di tutte le mie iniziative intraprese da parlamentare da inizio legislatura ad oggi. È un dovere di ogni eletto, ma è anche un piacere, perché per me è un onore rappresentare questo vasto territorio e lo faccio con passione ed impegno". Così la deputata Dem Stefania Pezzopane in conferenza stampa, accompagnata da Fabrizio D’Alessandro e Gilda Panella della segreteria provinciale del Pd dell’Aquila e da numerosi attivisti.

"Sono deputata all’opposizione, ma rappresentare la mia terra in Parlamento - premette - è una missione che assolvo quotidianamente nell’esclusivo interesse di portare a casa risultati e difendere l’Abruzzo da un governo che finora ha solo preso e nulla dato. Questo primo anno è stato segnato da una attività intensa, che sintetizzo anche con qualche numero per rappresentare parte del mio lavoro nella avara legislatura pentaleghista. Oltre 48 interventi in aula, 53 interrogazioni, 10 proposte di legge di cui sono prima firmataria, oltre 100 emendamenti a prima firma".

"Gli argomenti e le tematiche da me seguite - aggiunge Pezzopane - riguardano prevalentemente l’Abruzzo, i terremoti del 2009 e del 2016/17 con ben 5 decreti in cui mi sono battuta per le esigenze del territorio, le infrastrutture e le nostre autostrade per il problema sicurezza e tariffe, i temi ambientali dai Parchi, a Bussi, alle acque del Gran Sasso e poi le questioni del lavoro tra vertenze seguite, proposta di legge organica sui call center, le iniziative su scuola e cultura ed altro ancora. Ho spaziato a 360’ spesso in raccordo con sindaci, associazioni e sindacati".

"In campagna elettorale per le elezioni regionali abbiamo avuto le 15 visite di Salvini e le 8 di Di Maio. Ma poi? Ci scippano soldi continuamente - incalza l'esponente Dem -, la ricostruzione è diventata il bancomat di altre esigenze, ci sono voluti 6 decreti per ottenere i 10 milioni di euro per il bilancio del Comune, ma in compenso ce ne hanno tolti 75. Una vergogna. E poi le tasse sospese e da restituire. Condivido i temi e l’approccio della conferenza stampa delle categorie su tasse. Per me questa battaglia è una priorità ed Il problema va risolto, la soluzione è portare a 500 mila euro con franchigia il de minimis. Questa soluzione è un emendamento da me presentato fin dal decreto di luglio, ma sempre bocciato. Bisogna quindi riprovarci con il decreto appalti, il governo non lo ha fatto nemmeno questa volta, dovremo provarci nel dibattito parlamentare, spero nell’unita’ dei parlamentari abruzzesi. Se non ora quando? Questo decreto è una occasione importante, va approvato entro la metà di giugno nei 60 giorni della ratifica. La mannaia della scadenza del 30 giugno si sta avvicinando pericolosamente".

"Il mio impegno - termina Stefania Pezzopane - ci sarà anche questa volta, non mi faccio certo abbattere dalle precedenti bocciature, ci riproverò finché il governo lo approverà“.

Letto 162 volte
Find us on Facebook
Follow Us