http://www.rl1.it
http://www.rl1.it
Articoli filtrati per data: Maggio 2019 - Radio L'Aquila 1

ROSETO DEGLI ABRUZZI (TE) - Il 4 e 5 Maggio 2019 , all’Hotel Liberty di Roseto Degli Abruzzi, in occasione del Festival delle Pro Loco si terrà la prima edizione della Mostra fotografica “Una Riserva D’Amare e una Riserva Da Scoprire”.

La mostra è nata da una collaborazione fra Guide del Borsacchio e Istituto Moretti di Roseto Degli Abruzzi.

Un progetto importante perché, curato dal responsabile della fotografia delle Guide: Angelo Stama ed il corpo docente dell’Istituto Moretti.

La parte principale però è stata svolta dai giovani studenti di Roseto Degli Abruzzi.

Guidati da esperti di storia ed ambiente, hanno percorso sentieri della Riserva Borsacchio immortalando con scatti unici le meraviglie dell’area protetta.

Uno sguardo nuovo sul Borsacchio grazie al filtro dei giovani che hanno puntato a valorizzare il tratto collinare e meno conosciuto della Riserva.

Studenti al centro di una nuova stagione di impegno per l’ambiente. Un messaggio che parte dalle nuove generazioni che dovranno un giorno correggere tutti i nostri errori.

La mostra ha il fine di veicolare attraverso la bellezza un messaggio di rispetto per l’ambiente e punta a valorizzare i tesori della città che tutti possiamo apprezzare a due passi da casa.

Per trovare una natura integra e la sostenibilità basta affacciarsi, nel caso della Riserva Borsacchio, dalla finestra di casa.

La mostra durerà due giorni e sarà ad ingresso gratuito.

La mostra continuerà durante l’estate per continuare a veicolare il suo messaggio di sostenibilità.

In caso di maltempo sarà spostata ad altra data.

Pubblicato in Varie

L'AQUILA - Domani, venerdì 3 maggio, alle ore 17.00, presso la sala Rivera di Palazzo Fibbioni, in via San Bernardino all'Aquila, Articolo UNO L'Aquila terrà un incontro dal titolo "Lavoro, ambiente, diritti. Per una nuova Europa".

Parteciperanno la deputata di Liberi e Uguali, già presidente di Legambiente, Rossella Muroni e l'eurodeputato di Articolo UNO - gruppo S&D, nonché candidato al Parlamento Europeo nelle elezioni che si terranno il prossimo 26 maggio, Massimo Paolucci.

Pubblicato in Politica
Giovedì, 02 Maggio 2019 19:00

Meteo L'Aquila, ancora nuvole

L'AQUILA - di Elio Ursini - In serata, durante la notte e nella giornata di domani nubi sparse con possibilità di qualche locale addensamento senza fenomeni di rilievo associati.
Venti durante la notte e nella giornata di domani moderati prevalentemente da Sud-Ovest.
Temperatura minima prevista 6 gradi, massima di domani 19 gradi.
Pubblicato in Varie

SHENZHEN (CINA) - ZTE Corporation, uno dei principali player al mondo per soluzioni di telecomunicazioni, enterprise e consumer technology per internet mobile, ha annunciato i risultati del primo trimestre del 2019 e i risultati preliminari per il primo semester dell’anno.

ZTE ha stimato che per il semestre che chiuderà il 30 giugno 2019 l'utile netto attribuibile ai possessori di azioni ordinarie della società quotata oscillerà tra 1,2 miliardi e 1,8 miliardi di RMB cinesi.

Secondo i dati forniti dalla compagnia, i ricavi operativi del primo trimestre sono stati pari a 22,202 miliardi di RMB e l'utile netto attribuibile ai possessori di azioni ordinarie della società quotata è ammontato a 0,863 miliardi di RMB. Durante il primo trimestre del 2019 la società ha costantemente rafforzato il controllo e la gestione delle spese, con il conseguente calo dei costi di vendita e di distribuzione rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.

Durante il primo trimestre, ZTE ha aumentato la spinta all'innovazione, intensificando gli investimenti in ricerca e sviluppo nell’area core del 5G. I costi di ricerca e sviluppo per i primi tre mesi sono ammontati a 3,093 miliardi di RMB, pari al 13,9% dei ricavi operativi, con una percentuale in aumento del 4,1%, rispetto al 9,8% dello stesso periodo dell'anno precedente.

ZTE ha implementato la propria strategia concentrandosi costantemente sul canale principale degli operatori, con la preparazione per la commercializzazione end-to-end 5G in pieno svolgimento. Nelle reti wireless, ZTE ha avviato la cooperazione 5G con 40 operatori globali e ha assunto la guida delle pratiche commerciali di Massive MIMO, una delle tecnologie chiave per il 5G. Ad oggi, la società ha sviluppato oltre 420 casi NFV commerciali / PoC in tutto il mondo. Allo stesso tempo i prodotti e le soluzioni commerciali 5G end-to-end di ZTE e la serie completa di prodotti NR hanno raggiunto una copertura all-band e all-scenario. Il suo Common Core realizza l'accesso completo e la piena integrazione 2/3/4 / 5G / fissa, supportando al tempo stesso sia le reti SA che quelle NSA, in modo da ottenere un'evoluzione regolare verso la rete di destinazione al costo più basso. Inoltre, il motore di intelligenza artificiale sviluppato dalla società è in grado di supportare l'intelligenza 5G in tutti gli scenari. ZTE ha firmato più di 320 contratti commerciali LTE / EPC in tutto il mondo e le spedizioni totali di 4G eNB di ZTE hanno raggiunto quasi il 20% del mercato globale.

Nelle reti Wireline, le competenze di ZTE nei settori del trasporto 5G, del trasporto ottico, del trasporto IP, dell'accesso ottico e del big video sono state costantemente migliorate. Nel settore dei trasporti 5G, l'azienda ha completato oltre 20 prove e test, raggiungendo gli indicatori tecnici chiave e un significativo progresso commerciale. Come piattaforma di accesso ottico di punta di ZTE, TITAN è primo in termini di capacità e integrazione nel settore, con la sua architettura innovativa a supporto della convergenza fisso-mobile e del computing embedded edge. È stato adottato su larga scala in Cina, Italia e Giappone.

Nei dispositivi mobili, ZTE si è concentrata sui principali clienti e sui principali mercati per mantenere la propria leadership commerciale sul 5G. Ad oggi, la società ha assunto un ruolo guida nel completamento della connessione end-to-end 5G dei tre principali operatori cinesi e ha condotto test su dispositivi 5G in paesi come Cina, Australia, Spagna, Austria, Italia e Finlandia. In collaborazione con China Unicom, Elisa e Hutchison Drei Austria, ZTE ha lanciato il primo smartphone 5G di punta, ZTE Axon 10 Pro 5G, che entrerà in commercio in Cina all'inizio di maggio 2019. I CPE 5G per interni ed esterni di ZTE, così come e altri dispositivi 5G di serie, saranno disponibili anche nei principali mercati globali in futuro.

Nel campo delle applicazioni industriali del 5G, ZTE è impegnata a collaborare con i principali operatori e partner per condurre attività di ricerca ed esplorazione "5G +", la costruzione di demo e l’incubazione commerciale nelle aree del manufactoring intelligente, nuovi media, reti intelligenti, porte intelligenti, aeroporti intelligenti, protezione dell'ambiente, turismo e sanità, facilitando così la trasformazione digitale delle industrie verticali nell'era del 5G. Ad esempio, ZTE ha firmato un accordo di cooperazione strategica con Sany per esplorare congiuntamente l'integrazione approfondita di 5G e del settore. Inoltre, ZTE ha collaborato con Hunan Branch di China Telecom per costruire una fabbrica intelligente, e Tianjin Branch di China Unicom per costruire la prima porta intelligente 5G e MEC al mondo. Inoltre, in collaborazione con China Telecom, ZTE ha realizzato le prove 5G a Xiong'an e completato una serie di servizi 5G tra cui guida senza conducente, sicurezza intelligente, gestione intelligente dell'acqua Baiyangdian, trasmissione live VR HD panoramica, trasmissione live video HD a 16 canali, e videoconferenza 4K HD a due città.

Guardando al futuro, la società continuerà a rafforzare i suoi investimenti in importanti aziende e mercati chiave, migliorando costantemente le competenze dei suoi principali prodotti e intensificando la cooperazione con terze parti del settore, in modo da promuovere uno sviluppo positivo della filiera.

Pubblicato in Economia

L'AQUILA - “Grazie al lavoro certosino svolto dalla Commissione consultiva per l’Onomastica Comunale, recentemente ricostituita sotto l’amministrazione Biondi e composta da personaggi autorevoli della comunità aquilana, - ha detto l’Assessore Carla Mannetti - abbiamo approvato in Giunta le proposte di intitolazione di alcune aree di circolazione insistenti sul territorio comunale. Da questo sforzo corale di confronto e di riflessione sui fatti storici e i personaggi che sono entrati a far parte della memoria collettiva e che hanno reso famosa l’Italia nel mondo, ora avvieremo l’iter per l’intitolazione di nuove vie, che entreranno a far parte della toponomastica comunale”.

La Giunta comunale, nella seduta del 24 aprile scorso, ha preso atto dei pareri espressi dalla Commissione, che - si ricorda - sono obbligatori ma non vincolanti per l’Amministrazione comunale, ed ha stabilito di procedere alle intitolazioni delle vie della città in ricordo di eventi storici o di alcuni personaggi famosi che hanno dato lustro alla Nazione.

Tra questi, l’astronomo Gian Domenico Cassini (Perinaldo, 8 giugno 1625 - Parigi, 14 settembre 1712), scopritore di  quattro satelliti di Saturno e della Grande Macchia Rossa di Giove, al quale sarà intitolata l’area di circolazione prospiciente gli stabilimenti industriali della Leonardo Global Solution S.p.A. ed Alenia Spazio Italia, già Via Campo di Pile.

Mentre al letterato John Fante (Denver, 8 aprile 1909 - Los Angeles, 8 maggio 1983), scrittore e sceneggiatore statunitense di origini italiane, autore della Saga di Arturo Bandini e di altri romanzi di spicco nel panorama mondiale, sarà intitolata una piazza insistente lungo Via della Stazione (Loc. L’Aquila-Pile).

La Giunta, inoltre, ha accolto positivamente la proposta della Commissione consultiva per il ripristino della denominazione storica di “Chiassetto Valleverde”, area di circolazione chiusa nella parte terminale di Via del Crocifisso e ha stabilito il ripristino di “Via XI Febbraio”, area di circolazione compresa tra Piazza XI Febbraio ed il Gran Sasso Science Institute, come risulta dalla documentazione storica.

Alcune proposte sono state rinviate in quanto al momento non risultano altre aree di circolazione disponibili da intitolare. Le proposte con parere favorevole saranno, invece, inoltrate alla Prefettura e alla Soprintendenza per i pareri di competenza.

Pubblicato in Varie

L’AQUILA. L’ultimo concerto inserito nella 73.ma stagione della Società Aquilana dei Concerti “B. Barattelli” porta nell’Auditorium del Parco dell’Aquila, domenica 5 maggio con inizio alle ore 18, “Woodstock Revolution!”, un progetto nato dall’incontro tra il noto bassista e contrabbassista jazz Enzo Pietropaoli ed il suo Wire Trio formato da Enrico Zanisi al pianoforte e tastiere e Alessandro Paternesi alla batteria insieme a due famosi giornalisti italiani, Ernesto Assante e Gino Castaldo che, dopo una memorabile serata all’Auditorium di Roma sotto l’egida di “Lezioni Di Rock”, hanno deciso di consolidare questa esperienza per riproporla nel 2019 in occasione del cinquantenariodi questo storico evento musicale ma non solo.

Da una parte c’è l’idea di Enzo Pietropaoli che ripropone in chiave contemporanea alcune tra le pagine più significative di un evento epocale e irripetibile come quello che nell’agosto 1969 ha rappresentato l’apice della cultura hippie, e non solo nella sua accezione musicale. Il progetto, testimoniato dal cd “Woodstock Reloaded” pubblicato da Jando Music e VVJ, non vuole essere solo una proposta di “cover” ma una rilettura originale, appunto una sorta di “aggiornamento” di quelle lontane emozioni, un contenitore all’interno del quale si armonizzano il tributo e la ricerca di un nuovo linguaggio musicale. Gli artisti presi in considerazione rappresentano, nell’immaginario di Pietropaoli, alcune tra le punte più significative di quei quattro giorni, a volte per ragioni musicali, a volte di costume, a volte per come hanno rappresentato quel movimento culturale: Santana, The Who, Janis Joplin, Joan Baez, Joe Cocker, Creedence Clearwater Revival, Sly And The Family Stone, Jimi Hendrix.

Dall’altra parte ci sono Ernesto Assante e Gino Castaldo, due tra le firme più prestigiose del giornalismo in Italia, che da anni raccontano la musica oltre i confini di genere, sia con il format “Lezioni Di Rock”, proposto con successo da anni all’Auditorium di Roma, che con la rubrica Web Notte” sul sito di “Repubblica”, che dà spazio alle correnti più diverse nel campo musicale contemporaneo. I due aprono il “concerto-lezione” proponendo e commentando ascolti, filmati, e testimonianze che contribuiscono a informare ma anche a incuriosire e stimolare il pubblico.

I loro ritmi, nonostante la grande cultura, sono tutt’altro che cattedratici, molto vicini alla musica e all’improvvisazione e la loro passione è contagiosa.

Pubblicato in Musica e Spettacolo

SAN DEMETRIO NE’ VESTINI (AQ) - Prosegue Musica in Tour, il progetto di circolazione musicale ideato e promosso dalla Società Aquilana dei Concerti “B. Barattelli” nei comuni del cratere sismico.

L’appuntamento per domenica 5 maggio alle ore 18,30 è presso la Sala Aurora, sita su via Indipendenza, in San Demetrio ne’ Vestini.

Si esibisce il gruppo musicale giovanile che fa capo a Livio Visca, un chitarrista e compositore formatosi al Conservatorio di Musica “A. Casella” dell’Aquila. Il sestetto jazz che porta il suo nome e composto dallo stesso Livio Visca alla chitarra è formato da Cristian Rantucci sax, Giorgio Filippetti trombone, Manuel Masciantonio pianoforte e tastiera, Mauro Vaccarelli contrabbasso e basso elettrico, Daniele Ciocca batteria.

I brani in programma sono originali o standard rivisitati e percorrono tante strade del jazz.

Il concerto, ad ingresso libero, è in collaborazione con il Comune di San Demetrio ne’ Vestini, Visit San Demetrio e Grotte di Stiffe.

Pubblicato in Musica e Spettacolo

CANISTRO (AQ) - Revocare l’aggiudicazione provvisoria assegnata alla Gran Guizza Spa per l’utilizzo della sorgente Valle Reale di Popoli (Pescara) per il ritardo di un giorno, rispetto al termine tassativo di 60 giorni, con cui è stata consegnata alla Regione Abruzzo la documentazione tecnica da sottoporre all'istruttoria Comitato di coordinamento regionale per la Valutazione dell'impatto ambientale (Crr-Via), nell’ambito del bando per il nuovo affidamento della concessione.

È l’istanza formulata nella diffida inviata all’ente dalla società Santa Croce che lo ritiene “atto a carattere vincolante non discrezionale”. I documenti andavano presentati il 7 ottobre, una domenica, e non l’8 ottobre, come fatto dal management del gruppo San Benedetto.

Lo rende noto la stessa società dell'imprenditore Camillo Colella, ex concessionaria della sorgente Sant’Antonio Sponga di Canistro (L'Aquila), fino alla revoca che ha innescato un durissimo contenzioso, con la preziosa acqua che finisce nel fiume da quasi tre anni.

La Santa Croce ha partecipato al bando indetto il 12 maggio 2017 per le sorgenti Valle Reale, dal valore di 9 milioni di euro, aggiudicate provvisoriamente l'8 agosto del 2018 alla Gran Guizza Spa, società del gruppo San Benedetto, già concessionaria delle stesse sorgenti ed ancora gestore a seguito di ripetute proroghe, con la motivazione che doveva essere portato ancora a compimento un accordo di programma tra Regione Abruzzo e Comune di Popoli, e poi con la motivazione di espletare l’iter del nuovo bando.

Proprio per la mancata presentazione, entro i termini, della documentazione Via, la Regione ha revocato nel novembre 2018, la concessione provvisoria della sorgente Sant'Antonio Sponga alla società Acque minerali per l'Italia, ex Norda.

Del resto, queste procedure, come sottolineano nella diffida gli avvocati della Santa Croce, Claudio Di Tonno, del foro di Pescara, e Matteo Di Tonno, del foro di Bologna, sono soggette "ai principi di par condicio, trasparenza ed efficienza amministrativa". Ed il provvedimento di decadenza, in caso di irregolarità, costituisce "atto a carattere vincolato e non discrezionale", a cui la Regione Abruzzo, stazione appaltante, non può sottrarsi.

L'istanza di decadenza dalla concessione a firma del legale rappresentante della Santa Croce Nicolino Montanaro, è stata inviata il 24 aprile scorso, ai due servizi "Politica energetica e Qualità dell’aria, S.i.n.a, Risorse del territorio e Attività estrattive", e "Valutazioni ambientali", del Dipartimento Governo del territorio e Politiche ambientali.

La Santa Croce, sullo stesso bando, ha fatto già ricorso al Tar contestando la violazione del principio di anonimato dei partecipanti alla gara.

Ora il sodalizio contesta il fatto che i termini perentori per la consegna della documentazione Via scadevano "tassativamente" domenica 7 ottobre 2018, ovvero 60 giorni dopo l'aggiudicazione provvisoria dell'8 agosto 2018. Gli atti però sono stati inviati dalla Gran Guizza con un giorno di ritardo, lunedì 8 ottobre.

Nella diffida si ricorda che all'articolo 15 del bando dell’avviso pubblico, è prescritto a chiare lettere che “l’assegnatario provvisorio, a pena di decadenza e nel termine massimo di 60 (sessanta) giorni dall'aggiudicazione provvisoria, sottoporre al Crr-Via idonea documentazione tecnica volta ad identificare tutti gli aspetti che permettono di valutare l’entità della risorsa idrica sotterranea, i volumi di acqua utilizzabili e il sistema di sfruttamento”.

Il provvedimento di aggiudicazione provvisoria è avvenuto alle ore 14.20 dell'8 agosto 2018.

"La Gran Guizza spa - si legge ancora nella diffida - ha però trasmesso al Comitato Via l’istanza e il progetto di affidamento della menzionata concessione in data 8 ottobre 2018, alle ore 10.56, così come risulta anche dalla schermata della pagina web del Comitato Via ('acquisizione in atti')". Ovvero, oltre i termini di legge.

Al fine di prevenire eventuali osservazioni, "comunque mai formulate dell’aggiudicataria provvisoria", la Santa Croce sottolinea dunque che "nessuna rilevanza giuridica ha la circostanza che il termine ultimo del 7 ottobre 2018 coincideva con una domenica".

La legge 260 del 27 maggio 1949, (Disposizioni in materia di ricorrenze festive) dispone infatti il divieto "di compiere nella giornata della domenica determinati atti giuridici", ma tra questi non vi rientrano gli atti di parte, come quello della comunicazione arrivata in ritardo della Gran Guizza.

In materia di gare d’appalto, anzi, "la giurisprudenza amministrativa è univoca nell'escludere la possibilità di posticipare una scadenza coincidente con una domenica".

Inoltre, si osserva che "il procedimento di Via deve essere incardinato per via telematica, così come realmente avvenuto, non esistendo, quindi, alcun impedimento per Gran Guizza spa per l’invio della detta domanda nella giornata di domenica".

Infine si ricorda che il Consiglio di Stato ha già stabilito che “è legittimo il provvedimento con il quale la Stazione appaltante ha disposto l’esclusione di una offerta perché pervenuta al preposto ufficio con ritardo rispetto al giorno di scadenza indicato nel bando, a nulla rilevando che quest’ultimo giorno veniva a scadere di domenica, atteso che nella specie la non superabilità del limite temporale posto per la presentazione delle offerte - ancorché domenicale - era conseguenza sia della in equivoca formulazione degli atti di gara sia del fatto che i concorrenti, per rispettare la scadenza, ben potevano fare ricorso a diverse ed alternative forme di trasmissione della loro documentazione”.

Pubblicato in Cronaca

L'AQUILA - Si è tenuta oggi la prima seduta della commissione Vigilanza presieduta dal M5S. Tre i temi all’ordine del giorno: Banca della terra, Pet Tac ospedale di Pescara, Tac ospedale di Vasto.

“Siamo contenti che la commissione vigilanza abbia esordito ponendo il focus su due grandi sprechi della sanità pubblica e sull’occasione persa relativamente alla Legge sulla Banca della terra, che in altre regioni sta rappresentando un valido strumento per l’occupazione mentre in Abruzzo, nonostante sia stata la prima Regione ad approvare la legge, fa fatica a decollare. Le audizioni di oggi hanno confermato tutti i dubbi che come M5S avevamo espresso su questi temi nella scorsa legislatura”.

E’ questo il commento del Presidente della Commissione Pietro Smargiassi che continua: “Per quanto riguarda la Banca della terra a due anni dall’entrata in vigore del regolamento ed a quattro da quella della norma, abbiamo la certezza che la legge regionale sulla banca della terra è ancora un miraggio. Quella che doveva rappresentare un’opportunità di lavoro per le nuove generazioni oggi sconta un sostanziale disinteresse da parte dei comuni (solo 6 su 305 hanno provveduto a fornire l’elenco dei terreni incolti o abbandonati) e una totale apatia strutturale da parte dell’assessorato agricoltura che sotto la guida di Pepe non ha creato le figure e le strutture di riferimento, dando peraltro scarsa risonanza agli obblighi previsti dalla norma. La speranza è che il nuovo esecutivo prenda maggiormente a cuore le sorti della banca della terra e di quanto di buono possa venire per il territorio e per i cittadini dall’attuazione fattiva di questa norma voluta dal M5S.

Anche sulla Pet Tac di Pescara dall’audizione del Direttore Mancini si evince che il M5S aveva sottolineato giustamente i rallentamenti burocratici che hanno, di fatto, frenato l’acquisto dello strumento per la diagnostica oncologica di vitale importanza per il reparto, costringendo le casse pubbliche a sborsare una cifra enorme per la locazione. La Pet Tac di proprietà della Asl di Pescara, secondo quanto sostenuto da Mancini, non entrerà in funzione prima del primo semestre 2020 nel frattempo continueremo a pagare una locazione di circa 4000 euro/giorno.

Per la Tac di Vasto la situazione non è positiva, oggi a seguito dell’audizione dei dirigenti Asl abbiamo scoperto per l’ Azienda Sanitaria il concetto di “avere la tac” vuol dire indire la procedura di gara mentre per i cittadini significa poter usufruire sin da subito di un macchinario nuovo. Quindi ci spiace comunicare che dagli annunci datati 2015 la Asl oggi ci ha svelato che deve ancora completare l’iter di gara per l’affidamento dei lavori di adeguamento delle sale che dovranno ospitare la nuova tac. Rimangono tante le perplessità sulle giustificazioni fornite dagli auditi circa il ritardo nella procedura di gara per adeguamento dei locali” conclude il Presidente.

Pubblicato in Politica

L'AQUILA - Martedì 7 maggio alle ore 10:30 si terrà, nell’Aula magna dell’Università dell'Aquila, presso il Dipartimento di Scienze umane in viale Nizza 14, un convegno sulle migrazioni internazionali, sugli immigrati in Italia e in Abruzzo, occasione nella quale sarà anche presentato il Dossier Statistico Immigrazione 2018, uno strumento irrinunciabile di diffusione e analisi dei principali dati statistici sul fenomeno migratorio in Italia, a partire dalla dimensione globale e, più in particolare, europea.

L’evento culturale, dopo gli indirizzi di saluto delle autorità accademiche, proietterà un filmato di presentazione del Dossier che illustra in sintesi la condizione dei migranti nel mondo, focalizzando poi l’attenzione sul contesto nazionale, introducendo così, sommariamente, le principali questioni che saranno affrontate in dettaglio durante il convegno.

I relatori si dedicheranno dapprima ai flussi migratori internazionali e ai rapporti privilegiati che, sotto questo profilo, esistono tra Italia ed Europa, ma anche con l’Africa, riservando particolare attenzione ai residenti di origine straniera nel nostro paese, all’inserimento lavorativo e sociale, all’economia dell’immigrazione, alle discriminazioni e alle pari opportunità. Successivamente, tra le regioni italiane, verrà scandagliato in profondità l’Abruzzo, un territorio in cui i migranti hanno raggiunto un grado d’integrazione talvolta superiore anche a quello di regioni del Centro Italia e del Nord.

Ampliando il quadro di riferimento, si riserverà spazio al tema della tolleranza religiosa e al dialogo interreligioso nel contesto di società ormai multiculturali, come è per esempio il caso della città di Norimberga, riguardo al quale verranno presentate le politiche dei diritti umani in una società che offre spunti di riflessione per meglio affrontare e comprendere anche il caso italiano.

Ma l’obiettivo generale del convegno resta quello di far conoscere alla società civile, mediante i dati forniti dal Dossier, le condizioni di vita degli immigrati. La sequenza di sbarchi e morti nel Mediterraneo, con lo spazio che tutti i media le riservano, fa infatti dimenticare i cinque milioni di migranti regolari in Italia che quotidianamente svolgono il loro lavoro e conducono una vita normale con la propria famiglia sperimentando gioie e dolori, problemi e affetti come tutti noi. Pochi organi di stampa, oggi, si preoccupano di restituire un’immagine di normalità dell’immigrazione nel nostro paese. E nemmeno la televisione lo fa, neppure il web. È ciò che precisamente da 28 anni si preoccupa di fare, invece, il Dossier Statistico Immigrazione che in questo convegno verrà appunto presentato e distribuito gratuitamente a tutti i partecipanti.

Pubblicato in Varie

Le più lette

05 Maggio 2017 12:58:09

Terremoto L'Aquila: governo richiede soldi a familiari vittime

in Politica
L'AQUILA - Il premier Paolo Gentiloni rivuole i soldi per i morti del terremoto…
11 Marzo 2019 12:07:03

Una legge per risarcire i familiari delle vittime dei terremoti 2009 e 2016

in Cronaca
ROMA - Una proposta di legge che intende dare finalmente una risposta a tutte le famiglie…
24 Gennaio 2017 17:39:49

L'Aquila: caduta elicottero, proclamato giorno di lutto cittadino nel giorno dei funerali delle 6 vittime

in Cronaca
L'AQUILA: - “Esprimo, a nome dell’intera Municipalità aquilana, un incredulo dolore per…
10 Maggio 2016 09:57:18

L'Aquila: Giro d'Italia, venerdì 13 maggio scuole chiuse in città

in Cronaca
L'AQUILA: - di Cristina Parente - Come anticipato dalla Polizia Municipale, nel…
11 Agosto 2016 16:09:17

L'Aquila: i sotterranei del Castello si aprono per uno spettacolo ispirato ai racconti di Edgar Allan Poe

in Eventi
L'AQUILA: - Per I Cantieri dell’Immaginario, in via del tutto eccezionale, grazie al…
A sinistra la Basilica di Santa Maria Paganica all'Aquila dopo sisma 2009, a destra la chiesa di Sant'Agostino ad Amatrice
24 Agosto 2016 13:28:24

Terremoto Centro Italia: ecco il vero legame tra Accumoli, Amatrice e L'Aquila in una notte di dolore

in Cronaca
L'AQUILA: - di Cristina Parente - Quante volte è capitato ad ognuno di noi di essere…
right_3_1
right_0_1

Iscriviti alla nostra newsletter

Multimedia

CookiesAccept

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo