http://www.rl1.it
http://www.rl1.it
Articoli filtrati per data: Maggio 2019 - Radio L'Aquila 1

TORNIMPARTE (AQ) - Si terrà martedi 21 maggio, alle ore 11 a Palazzo Fibbioni la conferenza stampa di presentazione della seconda edizione della giornata dello Sport e dell’Integrazione del Comune di Tornimparte.

La manifestazione, istituita dal Comune di Tornimparte, è organizzata da un comitato, istituito con deliberazione di Giunta comunale, presieduto dalla campionessa olimpica Paola Protopapa. Gli altri membri del Comitato sono Martina Pasqualone, Assessore del Comune di Tornimparte; Giovanni Compagni, Consigliere comunale di Tornimparte; Mario Fischione, Presidente della Consulta giovanile di Tornimparte; Guido Grecchi; Massimiliano Prosperococco; Claudio Carducci; Caterina Di Ventura; Gianfranco Di Cristoforo e Roberto Naccarato.

Il programma prevede, nella giornata del 24 maggio, presso il Teatro Comunale di Tornimparte, convegno "La Squadra: dagli atleti ai dirigenti, dallo spogliatoio alla trasferta", con la presenza di personalità importanti dello sport a livello nazionale e non solo.

Il 25 maggio, presso il campo comunale di Tornimparte, le associazioni sportive presentano le loro attività, con la possibilità per tutti di provare le varie discipline sportive.

Il sabato, presso il campo,ci saranno moltissime associazioni sportive che si esibiranno ma ci sarà la possibilità per i partecipanti di provare le varie discipline.

A fine giornata, inoltre, ci sarà la premiazione dei ragazzi della scuola media "Giulio Verne" partecipanti al concorso scolastico: "Tra sogno e realtà: Il tuo centro sportivo ideale", che con la loro immaginazione e fantasia hanno dato forma ai loro sogni.

In questa Manifestazione abbiamo voluto unire un forte richiamo al tema dell’Integrazione impegnandoci a creare un'occasione educativa e sociale, imparando che lo sport non ha barriere o limiti ma libera le potenzialità di ognuno.

Pubblicato in Eventi

L'AQUILA - Al via "Officina L’Aquila, incontri internazionali”, rassegna internazionale di restauro e riqualificazione urbana promossa e organizzata da Carsa srl in collaborazione con Ance Abruzzo, insieme ad Ance L’Aquila, Ance Chieti, Ance Pescara, Ance Teramo, che si tiene due volte l'anno nel capoluogo di regione colpito dal sisma. La rassegna affronta e scandaglia la ricostruzione della città e del suo territorio colpiti dal terremoto, indagandone tutti gli aspetti urbanistici, strutturali e architettonici, ma anche quelli sociali e culturali.

Al centro dell’edizione primaverile di ‘Officina L’Aquila’ ci sarà il racconto della ricostruzione dell’Aquila e del suo cratere nel decennale del terremoto che nel 2009 ha messo in ginocchio un intero territorio. Da un lato la città, che sboccia nella sua nuova vita ma cerca ancora un suo equilibrio sociale ed economico oltre la ricostruzione; dall’altro i 56 borghi che affrontano la sfida più difficile: quella contro lo spopolamento, di certo non causato dal sisma ma da quest’ultimo amplificato. Una sfida che chiama a impegnarsi i cittadini, le istituzioni e soprattutto i governi che devono mettere in campo politiche mirate, incentivi, programmi di infrastrutturazioni, piani di sviluppo economico a partire, ad esempio, dal turismo sull’Appennino.

Un discorso che nel decennale del sisma del 6 aprile 2009 sarà orientato a fare un bilancio dei dieci anni della ricostruzione, avendo come chiave di lettura e focus - nello spirito tipico di “Officina L’Aquila” - il “bello dell’Aquila”, ciò che dalla ricostruzione di un dramma emerge di positivo: dall’università al mondo scientifico, dallo sviluppo di formule di recupero artistico e architettonico alla nascita delle due straordinarie macchine organizzative degli uffici speciali della ricostruzione: il cosiddetto “modello L’Aquila”.

Si parte dunque mercoledì 22 maggio. Alle 10.00 con i saluti istituzionali. Alle 10.30 il via con “Il racconto della ricostruzione 2009-2019” in un dibattito moderato dal direttore editoriale di Carsa, Oscar Buonamano. Alla tavola rotonda parteciperanno il presidente nazionale dell’Ordine dei giornalisti Carlo Verna, il presidente del Fondo etico dell’Ance Aldo Mancurti, la rettrice Paola Inverardi, il presidente dell’Ordine dei Giornalisti d’Abruzzo Stefano Pallotta, il vicedirettore di Repubblica Sergio Rizzo, il sottosegretario di Stato del Mibac con delega alla ricostruzione del patrimonio culturale dei territorio colpiti dal sisma Gianluca Vacca e i giornalisti, Nello Avellani, Angelo De Nicola, Roberta Galeotti, Marianna Gianforte, Marina Marinucci e Antonio Monaco che racconteranno come hanno vissuto questi 10 anni. Durante il dibattito si analizzerà la ricostruzione del complesso di Sant’Emidio a piazza Duomo, attualmente il più grande cantiere dell’Aquila, con Davide Iannini e Antonio Masci.

Sono previsti accrediti per l’aggiornamento professionale per i giornalisti che si iscriveranno alla piattaforma Sigef.

A partire dalle 14.30 “Educational press Tour” riservato a media e istituzioni nell’ambito della sessione di Cantieri aperti.

Tanti i relatori di rilievo anche nella giornata di giovedì 23 maggio, nella quale si affronterà il tema dell’abitare e del ri-abitare i piccoli centri dell’entroterra aquilano. Cosa fare per frenare l’emorragia di abitanti? Quali azioni, progetti, strategie mettere in campo per evitare di trasformare meravigliosi borghi, ristrutturati con le più moderne regole architettoniche e ingegneristiche, sicuri e rinnovati, in paesi che rischiano di avere sempre meno residenti? Temi che saranno affrontati e approfonditi con nuove idee anche progettuali soprattutto nell’edizione di ottobre di ‘Officina L’Aquila’ e in quelle successive.

Anche giovedì 23 maggio si parte alle 10.00 con il saluto di benvenuto del sindaco dell’Aquila Pierluigi Biondi. A seguire i presidenti di Ance Pescara-Chieti e Teramo, Gennaro Strever e Raffaele Falone, e referenti degli ordini professionali dell’Aquila, Pierluigi De Amicis, Edoardo Compagnone, Giampiero Sansone, Maurizio Papale, per la Rassegna della ricostruzione 2009-2019. Alle10.30 l’incontro dal titolo ‘Riabitare l’Appennino per riabitare l’Italia’, con una iniziale analisi delle “Condizioni materiali e immateriali dell’Aquila e del cratere”. Alla tavola rotonda parteciperanno il sottosegretario di Stato alla presidenza del consiglio dei ministri con delega alle ricostruzione post-sisma Vito Crimi, l’assessore regionale per le Aree interne e del Cratere, Guido Quintino Liris, i responsabili dell’USRA e USRC, Salvo Provenzano e Raffaello Fico, il cooridnatore della Struttura Tecnica di missione, Raniero Fabrizi e il ricercatore in Economia regionale del GSSI, Marco Modica. Durante il dibattito le esperienze concrete di due comuni dell’aquilano, Fontecchio e Fagnano Alto, rappresentate dai rispettivi sindaci, Sabrina Ciancone e Francesco D’Amore.

A partire dalle 12.00 e fino alle 13.00 Nicola Di Battista, direttore della rivista “L’Architetto” dialoga con Oscar Buonamano sul tema “Rigenerazione urbana e architettura”.

Nella sessione pomeridiana “Resilienza e protezione del territorio e delle infrastrutture” (dalle 14.30 alle 18.30) si parlerà di “Strumenti di supporto alle decisioni” con Vittorio Rosato, Maurizio Pollino, Franco Di Fabio, Ilaria Capanna, Paola Rizzi, Antonio De Nicola, Maria Luisa Villani. La tavola rotonda, aperta anche la pubblico, sarà coordinata da Sonia Giovinazzi.

“Per la ricorrenza del decennale del sisma abbiamo pensato ad un’edizione speciale di ‘Officina L’Aquila’ che si articola in due momenti - spiega il coordinatore generale della rassegna Roberto Di Vincenzo - il primo si svolgerà nei giorni 22 e 23 di maggio prossimi e il secondo nei giorni 23, 24 e 25 ottobre. Nella sessione di maggio faremo un racconto, plurale, della ricostruzione dal 2009 ad oggi e ci occuperemo del grande tema, fino ad oggi poco esplorato, dell’abitare. ‘Riabitare l’Appennino per riabitare l’Italia’ sarà il primo momento di un percorso che inizia a maggio ed è destinato a durare per le prossime edizioni di ‘Officina L’Aquila’. Vogliamo riflettere sul come abitare questi territori, mostrando buone pratiche e indicando, con l’aiuto di esperti, ipotesi di progetti e strade nuove per aggregare e far stare bene insieme territori e comunità”.

Per il presidente dell’Ance Abruzzo, Armando Di Eleuterio, “dieci anni dal quel tragico aprile del 2009 sono per noi un’occasione importante per riflettere su ciò che si è fatto e su ciò che si deve ancora fare. Officina L’Aquila è l’occasione giusta per fare questo approfondimento perché anche in questa occasione ci sarà un programma molto articolato e ben costruito in grado di offrire informazioni utili per comprendere meglio ciò che sta accadendo. Lo faremo nelle giornate del 22 e del 23 di maggio e invitiamo tutta la popolazione a partecipare. Gli incontri si svolgeranno, come di consueto, all’Auditorium del Parco del castello dell’Aquila”.

Per il dettaglio degli interventi dei vari ospiti e relatori nella due giorni di rassegna si rimanda al programma in allegato.

Durante i lavori delle due giornate si terrà una diretta Facebook sulla pagina ufficiale di ‘Officina L’Aquila’ e il live tweeting delle due giornate.

Pubblicato in Eventi

L'AQUILA - “Strada facendo”, si intitola così il progetto che ha visto coinvolti gli alunni delle classi III, IV e V della scuola primaria “Roberto Ripandelli” di Civitella Roveto (AQ), insieme alle loro insegnanti Maria Teresa Alfano, Mariagrazia Fasciani, Daniela Mariani, Patrizia Pampana e Tiziana Rubeis.

Ad aprire il progetto, finalizzato a educare alle corrette norme di comportamento stradale e all’acquisizione di una maggiore sensibilità civica, due Carabinieri della stazione di Civitella Roveto, Alessandro Cipollone ed Ettore Tullio. I militari hanno tenuto ai bambini presenti un’interessante lezione incentrata sui comportamenti stradali che interessano proprio i più piccoli in qualità di pedoni e ciclisti. Hanno poi risposto alle tante domande che sono arrivate dagli alunni pronti ad imparare i comportamenti coscienti e responsabili da tenere ogni giorno sulla strada anche quando saranno più grandi.

Al termine dell’incontro, al quale i bambini hanno preso parte con grande entusiasmo e coinvolgimento, le insegnanti hanno ringraziato i Carabinieri per la loro professionalità e disponibilità.

Pubblicato in Varie

L'AQUILA - Il sisma bonus, una opportunità da non perdere. Questo strumento, di primaria importanza per quanto attiene prevenzione e ricostruzione anche post sisma, sarà al centro di un corso qualificato promosso dall'Ordine degli ingegneri della Provincia dell'Aquila e dall'Istituto superiore di scienze religiose "Fides et Ratio" - Scuola di Alta Formazione in Beni Culturali Ecclesiastici - di L’Aquila, con l'obiettivo di approfondire adeguatamente la conoscenza di un provvedimento ancora piuttosto sottoutilizzato e che, al contrario, può garantire livelli di sicurezza degli edifici ancora più alti e rappresenta anche una possibile chiave di crescita economica dei territori.

"A L’Aquila il sisma bonus potrà essere molto utile, anche se gli edifici ricostruiti lo sono secondo i più elevati parametri antisismici. Questo perché può innanzitutto essere richiesto per quelli classificati A o B, in città particolarmente numerosi, che hanno resistito al sisma senza subire danni strutturali, forse anche per le caratteristiche proprie dell’evento calamitoso, ma di cui non conosciamo il reale stato di integrità. Inoltre il provvedimento può essere applicato, se richiesto, anche agli edifici pubblici e produttivi, oltre che ovviamente a quelli residenziali. Infine il sisma bonus prevede la detrazione fiscale anche solo per la verifica iniziale su una struttura, senza poi procedere con interventi successivi, un passaggio questo che ci consente di avere comunque piena contezza della ‘salute’ del nostro edificio. Ecco perché lo riteniamo uno strumento decisivo in fatto di prevenzione e abbiamo deciso di realizzare un corso per i professionisti che investa non solo i temi di carattere ingegneristico ma anche legislativo e fiscale", ha detto il Presidente degli ingegneri aquilani Pierluigi De Amicis, annunciando una nuova proposta avanzata all’amministrazione comunale per definire, proprio attraverso le misure offerte dal Sisma Bonus, prezzi ultra concordati e calmierati per i Map e le abitazioni del progetto Case per il periodo di durata dei lavori.

"Il sisma bonus rappresenta uno strumento fondamentale di garanzia della sicurezza dei cittadini, oltre che delle abitazioni e degli edifici di varia natura per cui riteniamo che il corso possa essere un ulteriore opportunità attraverso cui arricchire il bagaglio di conoscenze che, attraverso i professionisti, può essere trasferito alla cittadinanza, che purtroppo lo conosce in misura ancora insufficiente”, ha detto Don Daniele Pinton, Preside dall'Istituto di scienze religiose "Fides et Ratio".

L'iniziativa, dal titolo "Sisma bonus. Classificazione del rischio sismico delle costruzioni, dalle linee guida alla realizzazione degli interventi", prenderà avvio il prossimo 21 maggio e continuerà per ulteriori due incontri, il 25 maggio e il 1 giugno, si terrà nella sede dell’Istituto Fides e Ratio e sarà trasmesso in streaming anche sul territorio provinciale. I temi oggetto di approfondimento sono legati alla classificazione sismica degli edifici con riferimento all'agevolazione fiscale per interventi edilizi su strutture esistenti.

Numerosi, come spiegato durante la conferenza stampa di presentazione del progetto, gli obiettivi del corso: richiamare le principali novità introdotte dalle Ntc 2018 (Norme Tecniche per le Costruzioni) per gli edifici esistenti; approfondire le metodologie per l'individuazione della classe di rischio sismico degli edifici ai sensi del decreto e delle linee guida del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti; Illustrare le strategie ed i criteri di scelta di interventi su strutture esistenti; presentare esempi di calcolo sul sisma bonus e sull'integrazione di interventi strutturali ed energetici; richiamare gli aspetti normativi e fiscali del Sisma Bonus, approfondendone possibilità e criticità.

Il corso si colloca, infine, nell'ambito delle iniziative di "prevenzione attiva" organizzate dall'Ordine degli Ingegneri, su promozione del Consiglio Nazionale degli Ingegneri a livello nazionale.

Pubblicato in Eventi

L'AQUILA - Il Comando di Polizia Municipale rende noto che domani, domenica 19 maggio, avrà luogo la 4^ edizione della competizione ciclistica Granfondo Città dell’Aquila. La competizione si snoderà lungo un percorso che interesserà non solo il territorio cittadino ma anche quello di molti comuni limitrofi; pertanto, la locale Prefettura ha emesso apposita ordinanza di sospensione temporanea della circolazione lungo le strade interessate, per un tempo massimo di 15 minuti dal passaggio del primo concorrente. Il percorso dettagliato è disponibile sul sito dell’organizzazione della gara http://granfondo.cclaquila.it.

Con propria ordinanza, inoltre, il Corpo di Polizia Municipale ha disposto dalle ore 7.30 alle ore 15.00, l’interdizione al transito e alla sosta dell’area di viale Collemaggio, tra il tunnel di Collemaggio e la Villa Comunale, ove sono previsti la partenza e l’arrivo della competizione.

La partenza è fissata alle ore 9.00; da quell’ora saranno chiuse al traffico in successione e per il tempo strettamente necessario al transito dei concorrenti, via Caldora, tunnel Collemaggio, via Girolamo da Vicenza, S.S. 17 Est, via Porta Napoli, viale Francesco Crispi, via XX Settembre, viale Corrado IV e la S.S. 80.

Successivamente tra le 11 e le 13, al rientro in città dei corridori provenienti da Tempera, saranno temporaneamente chiuse, prima per i concorrenti del percorso medio e poi per quelli del percorso lungo, la S.S.17 bis, la rotatoria di Gignano, via Panella, via Cencioni, via della Crocetta, via Girolamo da Vicenza, la S.S.17 Est direzione L’Aquila, via Porta Napoli e viale Crispi.

Naturalmente alla chiusura delle strade interessate dal percorso di gara, conseguirà la chiusura di quelle confluenti.

Si invitano gli utenti della strada ad utilizzare per quanto possibile percorsi alternativi e, comunque, a prestare la massima attenzione alla guida data la possibile presenza di ciclisti sulla sede stradale.

Pubblicato in Varie

L'AQUILA - L’arrivo all’Aquila del Giro d’Italia ha avuto vari eventi di contorno, uno dei quali organizzato dal Panathlon Club, che ha voluto attribuire un riconoscimento al giornalista Alessandro Fabretti, capo redattore di Rai Sport, che nel corso degli anni, in più occasioni, attraverso il ciclismo ha voluto contribuire a far conoscere il capoluogo abruzzese, in special modo dopo il sisma del 2009.

Fabretti, che non è riuscito a essere presente alla serata organizzata prima dell’arrivo del Giro perché arrivato in ritardo da San Giovanni Rotondo, è stato premiato dal Presidente del Club Francesco Tironi e dal panathleta esperto di ciclismo Renato Palumbo alla Villa comunale prima dell’arrivo della tappa.

Fabretti non è stato l’unico premiato dal Panathlon, che ha voluto attribuire riconoscimenti anche a tre campioni del mondo abruzzesi, Alessandro D’Ettorre, Vittorio Marcelli e Gianluca Capitano.

L’importanza della serata, che si è svolta nel ristorante Arcobaleno, è stata “certificata” dalla presenza all’Aquila del governatore Rocco Tondini e dei presidenti degli altri Club abruzzesi, Avezzano, Sulmona, Teramo, Pescara e Lanciano.

Grazie all’archivio di Renato Palumbo, sono state proiettate immagini degli arrivi all’Aquila del Giro d’Italia, ma anche filmati sui successi mondiali di Alessandra D’Ettore e degli altri campioni abruzzesi.

Nell’occasione c’è stato l’ingresso come socio del Club di Guido Grecchi, che vanta meriti dirigenziali nello sport, ma che soprattutto si adopera ogni giorno per lo sviluppo di Special Olympic e per avviare allo sport i ragazzi svantaggiati.

Pubblicato in Sport

L'AQUILA - "Tra i primati abruzzesi si può annoverare una delle autostrade più care d’Italia, l'A24/A25. Della tratta autostradale, inoltre, solo una parte è realmente percorribile come un'autostrada, visto che decine e decine di chilometri sono sottoposti a lavori continui, che obbligano a viaggiare come su una normale statale a una corsia. A questo primato dal 20 maggio fino a data da destinarsi dobbiamo aggiungere la chiusura di un tratto di 2 corsie per 'rischio di impatto ambientale'". Lo afferma in una nota il consigliere comunale dell'Aquila, Roberto Junior Silveri.

"Per gentile concessione e sollecita collaborazione della società con il Ministero delle Infrastrutture - aggiunge -, il traforo del Gran Sasso non chiuderà, ma sarà aperta una sola corsia per galleria, limitata a 60 km/h e con divieto di sorpasso, condizioni queste peggiori di una qualsiasi strada extraurbana gratuita con limite a 70 e possibilità di sorpasso.

E così, il tratto Assergi-Colledara, da 20 km, di cui 10 (di traforo) da percorrere a 60 km/h a una corsia, non dovrebbe costare 2,20 euro, bensì la metà 1,10 euro, cifra direttamente proporzionata al vero tratto autostradale che si percorre, almeno per indennizzare gli stessi automobilisti e trasportatori. Sono certo che un tale provvedimento sia anche un forte incentivo per gli attori principali a risolvere l’atavico problema in tempi rapidi e non biblici".

"Per l'importanza di queste ragioni - termina il consigliere -, ritengo che il Consiglio comunale debba farsi sentire dal Ministero delle Infrastrutture, con una seduta straordinaria (qualora il Presidente sia d’accordo) fuori la sede del Mit (come già sollecitato in Conferenza dei capigruppo) cosi da discutere e approvare (qualora altri 15 colleghi siano favorevoli) l’istanza della riduzione del pedaggio, da trasmettere in tempo reale allo stesso Ministro del Popolo".

Pubblicato in Politica

L'AQUILA - "La città in festa, tinta di rosa e dei colori del Giro d'Italia è stato solo l'ultimo, esaltante, sprint di un percorso iniziato in tempi non sospetti" lo dichiara il sindaco dell'Aquila, Pierluigi Biondi.

"Dal maggio scorso, per l'esattezza, quando scrissi ai vertici di Rcs e al presidente, Urbano Cairo, proponendo di inserire L'Aquila nel circuito della kermesse ciclistica. Da quel momento i contatti con gli organizzatori sono stati frequenti; con l'allora assessore allo Sport Alessandro Piccinini mi sono recato personalmente a Milano per chiudere un accordo che ha impegnato il Comune dell'Aquila sotto diversi punti di vista". "Perché essere città di tappa comporta un lavoro importante che abbiamo deciso di affrontare convinti del ritorno di immagine, di gioia e, verosimilmente economico, per i nostri commercianti, ristoratori, albergatori. Per avere i dati ufficiali bisognerà attendere qualche giorno, ma le prime stime di Confcommercio, che mi ha contattato parlando di 'ottima organizzazione', parlano di un sold out registrato pressoché ovunque".

"Abbiamo creato un comitato organizzativo ad hoc di 19 persone, che si è occupato della messa a punto di ogni singolo dettaglio per la riuscita di un evento sportivo di rilevanza internazionale come il Giro. Ai suoi componenti, agli operai, tecnici, funzionari e dirigenti comunali e agli agenti di Polizia municipale va il mio personale ringraziamento per aver svolto nel migliore dei modi un lavoro di poca visibilità ma senza il quale non si sarebbe potuta vivere una giornata di festa e sport come quella di ieri".

"Si è trattato, insomma, di uno sforzo a 360 gradi per L'Aquila: in termini finanziari, di logistica e risorse umane. Una città che domani vedrà alla partenza centinaia di ciclisti per la Gran Fondo, senza contare che per i prossimi giorni sarà animata da migliaia di atleti, tecnici e accompagnatori per i Campionati nazionali universitari" "Tutto questo affinché si comprenda, una volta di più, che dietro ogni risultato c'è un lavoro costante e silenzioso, fatto di persone che lavorano perché la città possa essere sempre più attrattiva per turisti, visitatori e ospiti. Noi, come pubblica amministrazione, facciamo la nostra parte: mi aspetto che anche altri lo facciano, almeno in termini di proposte e idee. Perché il rilancio del centro storico non è una medaglia per questa o quella maggioranza o gruppi di singoli cittadini, operatori e via dicendo, quanto, piuttosto, l'obiettivo che con metodi condivisi può essere raggiunto per la comunità" conclude il primo cittadino.

Pubblicato in Sport

L'AQUILA - "Si registra un preoccupante aumento di decessi in ospedale a causa di infezioni. Non è, purtroppo, una fatalità. Anche questo è un effetto delle politiche di austerity imposte dall'Europa”.

Così Elisabetta De Blasis, candidata della Lega alle elezioni il 26 maggio, nella circoscrizione Sud.

Unica salviniana a correre in Abruzzo, De Blasis, 45 anni di origini marsicane ma residente da tempo all’Aquila, svolge la professione di cardiologa all’ospedale dell’Aquila. Sposata con il medico e professore universitario Angelo Cacchio, con il quale ha tre figli.

“Probabilmente gli ospedali vengono mal gestiti dal punto di vista anche delle pulizie. Il servizio, per risparmiare, è stato infatti esternalizzato a imprese, il cui personale pulisce in fretta e male, perché magari ha solo tre ore di tempo, e gli addetti sono in pochi, perché per la società appaltatrice non c'è possibilità di spendere di più - spiega ancora De Blasis -. Quando ho iniziato la mia carriera da medico c'era invece una ditta di pulizie che era presente h24 in ospedale, e nello stesso tempo erano presenti i medici e quindi ogni qualvolta c'è la necessità di pulire per terra, di far disinfettare una stanza insomma perché magari c'era una necessità urgente, la squadra in loco interveniva invece adesso bisogna attivare tutta una procedura per chiedere l'intervento di una squadra, quindi con perdita anche di tempo materiale e qualità del servizio", conclude.

Pubblicato in Politica

L'AQUILA - Il consigliere delegato alla viabilità della Provincia dell'Aquila, Pierluigi Del Signore, in accordo con il dirigente del settore, Nicolino D’Amico, comunica che tutta la viabilità provinciale nel comprensorio del Gran Sasso è di nuovo percorribile.

In particolare è stata riaperta la carrabile che conduce dalla zona dei “ruderi di S. Egidio” fino al piazzale di Campo Imperatore, ricoperta nei giorni scorsi da copiose nevicate, con accumuli importanti che in alcuni tratti hanno raggiunto i due metri di altezza. Tali precipitazioni hanno reso necessario l’utilizzo della nuova turbina che la provincia impiega nel comprensorio di Campo Imperatore.

Si raccomanda di procedere su queste strada con la massima cautela, in modo particolare sugli ultimi tornanti che conducono all’arrivo della funivia, per la presenza dei muri di neve ai lati della strada.

Il consigliere Del Signore plaude al lavoro svolto dagli addetti, anche in presenza di condizioni gravose, per consentire a turisti e operatori di svolgere tutte le attività che questo magnifico luogo consente.

"Nello stesso periodo dello scorso anno - dichiara il Presidente della Provincia dell’Aquila, Angelo Caruso - con il nostro lavoro abbiamo permesso alla carovana del giro d’Italia di arrivare in questi luoghi, dimostrando professionalità e responsabilità di un Ente che, per il territorio e le municipalità, rappresenta un punto di riferimento ormai imprescindibile".

Pubblicato in Varie
Pagina 1 di 46

Le più lette

05 Maggio 2017 12:58:09

Terremoto L'Aquila: governo richiede soldi a familiari vittime

in Politica
L'AQUILA - Il premier Paolo Gentiloni rivuole i soldi per i morti del terremoto…
24 Gennaio 2017 17:39:49

L'Aquila: caduta elicottero, proclamato giorno di lutto cittadino nel giorno dei funerali delle 6 vittime

in Cronaca
L'AQUILA: - “Esprimo, a nome dell’intera Municipalità aquilana, un incredulo dolore per…
10 Maggio 2016 09:57:18

L'Aquila: Giro d'Italia, venerdì 13 maggio scuole chiuse in città

in Cronaca
L'AQUILA: - di Cristina Parente - Come anticipato dalla Polizia Municipale, nel…
11 Agosto 2016 16:09:17

L'Aquila: i sotterranei del Castello si aprono per uno spettacolo ispirato ai racconti di Edgar Allan Poe

in Eventi
L'AQUILA: - Per I Cantieri dell’Immaginario, in via del tutto eccezionale, grazie al…
A sinistra la Basilica di Santa Maria Paganica all'Aquila dopo sisma 2009, a destra la chiesa di Sant'Agostino ad Amatrice
24 Agosto 2016 13:28:24

Terremoto Centro Italia: ecco il vero legame tra Accumoli, Amatrice e L'Aquila in una notte di dolore

in Cronaca
L'AQUILA: - di Cristina Parente - Quante volte è capitato ad ognuno di noi di essere…
24 Agosto 2016 16:34:20

L'Aquila: Perdonanza, annullati tutti gli eventi in segno di lutto. Resta forma ridotta del Corteo Storico e apertura Porta Santa

in Cronaca
L'AQUILA: - La giunta comunale, anche sulla scorta del parere della Conferenza dei…
right_3_1
right_0_1

Iscriviti alla nostra newsletter

Multimedia

CookiesAccept

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
Find us on Facebook
Follow Us