Stampa questa pagina
Martedì, 21 Gennaio 2020 11:55

Delegazione cubana in visita area interna Basso Sangro Trigno

SANTA MARIA IMBARO (CH) – Sta suscitando grande interesse la visita al comprensorio dell’area interna Basso Sangro Trigno da parte di una delegazione dei rappresentanti istituzionali centrali e locali dello Stato di Cuba, organizzata nell’ambito dell’iniziativa PADIT - Piattaforma Articolata per lo Sviluppo Integrale Territoriale.

La delegazione, accompagnata da rappresentanti dell’UNDP (ONU), dopo la prima giornata tra Montenerodomo, Torricella Peligna e Casoli, si è spostata oggi a Santa Maria Imbaro, per partecipare a un incontro presso il Patto Territoriale Sangro-Aventino a Santa Maria Imbaro, dove sono state illustrate l’Agenzia di sviluppo locale e l’attività della DMC turistica e il progetto card, lo Sportello Unico per le Attività Produttive e il Sistema Informatico Territoriale (GIS). Dopo pranzo (14.30), la delegazione fa invece visita alla cooperativa vitivinicola FRENTANA di Rocca San Giovanni.

La visita studio è iniziata nella giornata di ieri, lunedì 20 gennaio, presso la Mediateca John Fante di Torricella Peligna, dove è stata illustrata la governance locale e la Strategia Basso Sangro Trigno. Nel pomeriggio, ci si è invece spostati presso la sede del GAL Maiella Verde a Casoli per parlare di governance e piani di sviluppo locale.

Non sono mancati, nelle due giornate, momenti di degustazione dei prodotti tipici della tradizione locale, visite alle aziende agricole del territorio e alle bellezze paesaggistiche e storico-culturali, tra cui il Parco archeologico Juvanum.

“Iniziative come queste – sottolinea Antonio Tamburrino, referente d’Area Interna Basso Sangro Trigno – danno ulteriore valore alla nostra Strategia d’Area, alla capacità di rafforzare la nostra comunità, facendo rete tra territori vicini ed aprendo ad esperienze condivise, e la presenza, nel corso della visita della delegazione cubana, dei sindaci dei Comuni della Strategia ne è una testimonianza”.

“Siamo particolarmente soddisfatti – aggiunge il coordinatore tecnico Raffaele Trivilino – nel poter constatare che il nostro modello di governance e partenariato, che comprende tantissime iniziative (l’Agenzia di sviluppo locale, la DMC turistica, lo Sportello Unico per le Attività Produttive e il Sistema Informatico Territoriale, solo per citarne alcune), si conferma non soltanto un esempio da portare ai tavoli istituzionali nazionali, ma anche una best practice da esportare a livelli internazionali”.

Letto 88 volte