http://www.rl1.it
http://www.rl1.it
Articoli filtrati per data: Febbraio 2019 - Radio L'Aquila 1

L'AQUILA - Si terrà alla libreria Polarville dell'Aquila, venerdì 1 marzo alle ore 18.00, la presentazione del libro “La custodia dei cieli profondi” (ed. 66thand2nd, 2018) con l’autore Raffaele Riba. Introduce lo scrittore Pier Franco Brandimarte.

Raffaele Riba dialoga con Pier Franco Brandimarte, a partire dal suo ultimo libro "La custodia dei cieli profondi”, per parlare anche di giovani autori, romanzi e scuole di scrittura.

Ogni libro fa tre viaggi. Il primo è quello della sua formazione, come un feto viene custodito e fatto crescere nella testa di chi lo scrive. Poi arriva un momento davvero travagliato, quello di trovare una via editoriale, qualcuno che aiuti la storia a uscire e andarsene per il mondo. E, infine, il terzo viaggio è quello che fa nella testa e nel cuore di chi quel libro lo legge e lo ama. Pier franco Brandimarte e Raffaele Riba, il 1 marzo alle ore 18.00, parleranno della vita dei libri e delle storie, come si formano (come si crea un personaggio? Cos'è una struttura?), come nascono (come ci si districa nel mondo dell’editoria? Di che pasta sono gli autori esordienti, quali inclinazioni hanno?) e infine come camminano sulle loro gambe.

Il libro

Cascina Odessa è un satellite periferico di un Pianeta ancor più periferico che naviga placido ai margini della Via Lattea. Un mausoleo eretto sopra i resti di un cane, un microcosmo un tempo forse perfetto e ora malato della malattia della dispersione. Gabriele lotta, contrappone la cura al disfacimento, è erede e custode, e resiste al progressivo sfaldarsi della propria famiglia. Finché non si consuma l’addio più doloroso, quello di suo fratello. Il legame è spezzato, e perfino l’universo sembra accordarsi a questo cataclisma minore: nel cielo compare un altro sole ‒ un sole debole ‒, una luce blu si fonde con la luce gialla, allaga la notte, sovverte il ritmo circadiano. Piovono poiane, i grilli tacciono, gli alberi sono allo stremo e le ore si dilatano in secoli, millenni. E per il Custode è arrivato il momento di abbandonarsi alla folle entropia del Tutto.

L'autore

Raffaele Riba è nato a Cuneo nel 1983. È tra i curatori di scrittorincittà e insegna presso la Scuola Holden. Ha esordito nel 2014 con Un giorno per disfare (66thand2nd) e nel 2015, per Loescher, è uscito Abbi pure paura. L'ultimo suo libro è La custodia dei cieli profondi.

Pier Franco Brandimarte è nato a Teramo nel 1986, si è laureato a Bologna in Mass media e politica, per poi frequentare la Scuola Holden di Torino. Con il suo romanzo di esordio, L’Amalassunta (Giunti, 2015), si è aggiudicato l’edizione del 2014 del Premio Calvino.

Pubblicato in Arte e Cultura

L'AQUILA - Dopo la contemporanea presenza su tre importanti volumi d'arte, Catalogo Arte Moderna Editoriale Giorgio Mondadori, Atlante d'atre De Agostini e Annuario Artisti Mondadori Store, continua l'ascesa artistica del pittore aquilano Mimmo Emanuele.

Molte le iniziative dell'artista per le celebrazioni del decennale del sisma 6 aprile 2009 all'Aquila. Di rilievo la realizzazione di una croce dal titolo emblematico "L'Aquila - la Croce della speranza". La croce dalle misure di 2,40 x 1,80 metri, su base in legno di arte povera, si compone di 12 dipinti - tessere 30x30 - raffiguranti immagini sacre (sacralità per la vita) ed immagini delle basiliche aquilane, le più importanti. Agli estremi della croce sono state disegnate le immagini - chiese - dei quattro quarti della città.

L'altra significativa iniziativa di Emanuele è la realizzazione di due cartoline artistiche per il decennale. In una compare una rosa stilizzata con immagini dell'Aquila avvolte dai colori 'della speranza' dell'arcobaleno. In fondo alla cartolina campeggia una frase significativa della canzone di San Remo di Simone Cristicchi (Direttore artistico del teatro stabile dell'Aquila e ritratto da Emanuele) che recita: "TI immagini se cominciassimo a volare tra le montagne e il mare. Dimmi dove vorresti andare, abbracciami se avrò paura di volare".

Le nuove creazioni artistiche di Mimmo Emanuele verranno pubblicamente presentate in occasione di eventi del decennale. L'idea di Emanuele, poi, è quella di donare la croce ad una parrocchia dell'Aquila.

Una croce che secondo l'artista vuole rappresentare un motivo concreto e speranzoso di ripartenza della città, pur tra mille difficoltà; guardando così il futuro con più gioia.

 
Pubblicato in Arte e Cultura

L'AQUILA - Nicoletta Verì, eletta con la Lega in Abruzzo, è il consigliere regionale cui, da statuto, spetta il compito di convocare e presiedere la prima seduta dell'Assemblea legislativa della Undicesima Legislatura.

Abbiamo sentito le sue impressioni e raccolto il suo appello ai nuovi consiglieri regionali in vista dell'avvio dei lavori d'aula.

Pubblicato in Politica

L'AQUILA - "Non abbiamo imparato niente perché dopo l'Aquila c'è stato il 2012 in Emilia, il 2016 ad Amatrice, il 2017 a Campotosto e l'unica cosa che sappiamo è che i terremoti sono eventi naturali periodici. Non si scappa. Eppure in Italia ogni volta è la prima volta, non impariamo niente".

Disincanto e amarezza nel bilancio che, non senza rimpianti, l'ex primo cittadino Massimo Cialente, il sindaco del terremoto a L'Aquila il 6 aprile 2009, traccia nel decennale del sisma. È una lunga intervista quella che Cialente ha rilasciato alla giornalista Federica Tourn per l’osservatorio permanente sul dopo sisma 'Lo Stato delle cose' e tale doveva essere. Perché dieci anni di storia di una comunità, di una città e di un territorio che ancora portano le cicatrici del terremoto non si possono liquidare in due parole.

"Ho perso alcune battaglie", ammette Cialente, riconoscendo anche gli errori fatti: "Ho chiesto di accelerare i lavori pubblici ma col nuovo governo c'è stato un rallentamento. Ho lasciato una città che si stava rialzando e ora invece è ferma".

E non manca un auspicio: "Vorrei che il decennale dell'Aquila fosse un'occasione per una vera condivisione nazionale di tutto quello che abbiamo visto dopo i terremoti di questi anni. Dobbiamo riprendere in mano i fascicoli e capire passo passo dove sono emerse delle difficoltà, dove si è perso tempo, dove i progetti si sono incagliati".

Da leggere qui http://www.lostatodellecose.com/scritture/20092019-laquila-dieci-anni-bilancio-rimpianti-del-sindaco-del-terremoto-massimo-cialente-cuore-aperto-federica-tourn/

Pubblicato in Politica
L'AQUILA - di Elio Ursini - Oggi cielo sereno durante l'intero arco della giornata.
VENTI: Moderati prevalentemente da Nord-Est (raffiche oggi 30km/h).
TEMPERATURA: Massima prevista 16 gradi.

CAMPO IMPERATORE - Oggi cielo sereno durante l'intero arco della giornata.
VENTI: Moderati prevalentemente da Nord-Est (raffiche oggi 50km/h).
TEMPERATURA: Massima prevista 3 gradi.
PERICOLO VALANGHE (METEOMONT): 1 debole
 
CAMPO FELICE - Oggi cielo sereno durante l'intero arco della giornata.
VENTI: Moderati prevalentemente da Nord-Est (raffiche oggi 50km/h).
TEMPERATURA: Massima prevista 7 gradi.
PERICOLO VALANGHE (METEOMONT): 1 debole
Pubblicato in Varie
Mercoledì, 27 Febbraio 2019 09:46

Si ride e si riflette con Giobbe Covatta a Sulmona

SULMONA (L'AQUILA) - Domani, giovedì 28 febbraio alle 21 al Teatro Comunale Maria Caniglia di Sulmona ACS Abruzzo e Molise Circuito Spettacolo propone fuori abbonamento, Giobbe Covatta in scena con la Divina Commediola, uno spettacolo grazie al quale Covatta, che è testimonial di AMREF (Fondazione Africana per la Medicina e la Ricerca) tra le risate invia messaggi importanti legati alla solidarietà e al riconoscimento dei Diritti dei bambini.

Si ride, e parecchio anche, ma il nocciolo è che i bambini, così come tutti gli esseri umani, non hanno razza ed è inaccettabile che un bimbo nato in Italia goda di tutti i diritti negati invece ad uno che nasce in Africa. Conoscere i diritti della Convenzione Internazionale sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, conoscere i modi più comuni con cui questi diritti vengono calpestati equivale a diffondere una cultura di rispetto, di pace e di eguaglianza per tutte le nuove generazioni.

La scusa per parlare di questi temi è aver reperito in una discarica il manoscritto di una versione “apocrifa” della Commedia scritta da tal Ciro Alighieri, ovviamente in napoletano dove è descritto solo l’inferno, l’inferno che vivono i bambini cui ogni diritto è negato…. Sulla scena una lavagna e un leggio, due elementi scenografici semplici perché in verità tutto gira intorno alla grande maestria di Covatta che ci regala una performance che lascia il segno.

 

Recensioni estratti

“…Covatta, sulla cui maglia è impresso il logo di AMREF (la Fondazione Africana per la Medicina e la Ricerca, per la quale da tempo si impegna fattivamente), passa da un’immagine all’altra con un fare divertito e contagioso, spostandosi dal leggio ad una lavagna dove, disegnando, accentua l’effetto ilare delle battute. Si ride, si ride tanto e si apprezza la generosità di un comico che non si risparmia mai e riesce a coniugare sul palco la sua anima profondamente umana e l’irresistibile capacità di divertire in modo intelligente. Molti applausi e la consapevolezza finale che solo la genialità può ironizzare e, al contempo, suscitare consapevolezza su argomenti drammatici.” (Nicoletta Cavanna – Radio Gold News)

“Grande narratore, ci racconta i mali del mondo con ironia e leggerezza, cogliendo le ingiustizie, le diseguaglianze, ma anche i difetti e i vizi dell’umanità. La sua coerenza ci porta alle sue esperienze ed al suo impegno in Africa, per cui è testimonial di Amref, in cui il teatro è stato ed è il grande “palcoscenico” per parlare e per raccogliere solidarietà. Dopo quasi due ore da autentico mattatore, il pubblico numerosissimo presente in sala non poteva far altro che manifestargli il suo gradimento tramite un applauso ininterrotto durato diversi minuti.” (Claudio Farina - Il Foyer©)

BIGLIETTERIA

Teatro Comunale Maria Caniglia, Via Antonio De Nino, 30 Sulmona (AQ)

Tel. 0864/52224 - info@acsabruzzo.it - www.acsabruzzo.it - APP “Abruzzo dal Vivo”.

ORARI BOTTEGHINO

Martedì e giovedì dalle ore 10.30 alle ore 12.30 e dalle ore 16.00 alle ore 18.00 e nei giorni di spettacolo a partire da un’ora prima dell’inizio.

PREVENDITA ONLINE Prevendita online sul sito www.ciaotickets.com, nei punti vendita autorizzati (elenco disponibile sul sito ciaotickets.com) oppure scaricando la nostra APP “Abruzzo dal Vivo”.

Pubblicato in Musica e Spettacolo

CESAPROBA (L'AQUILA) - Torna domenica prossima, 3 marzo, la kermesse carnascialesca di Cesaproba, tradizionalmente la più importante del territorio aquilano, organizzata dall'Associazione culturale "Carnevale storico Cesaproba", con l'alto patrocinio della Regione Abruzzo, il patrocinio della Provincia dell'Aquila e del Comune di Montereale e la collaborazione delle Pro loco di Ville di Fano, Campotosto, Borbona e Murata Gigotti di Coppito; Associazione culturale Cesaproba '96, Cesaproba 1995, Gruppo giovanile Borbona e Movimento "Confraternite Sant'Agnese".

Nel solco dell'antica tradizione sfileranno per la via principale del paese, frazione di Montereale, mastodontici carri allegorici improntati alla satira politica, all'attualità più stretta e per la gioia dei più piccini al mondo dei cartoni animati.
La sfilata dei carri allegorici, con la partecipazione della banda della Città di Borbona, terminerà in piazza delle Scuole tra giochi, scherzi, spettacoli, coriandoli e dolci offerti dagli organizzatori. Con la morte di Re Carnevale ci si darà appuntamento al prossimo anno.
IL PROGRAMMA
Ore 14:30: sfilata di carri allegorici lungo la via principale del paese con musiche, maschere e coriandoli;
ore 18:00: arrivo della sfilata in Piazza delle Scuole;
ore 18:30: spettacoli di arte varia e allegre sorprese;
ore 19:30: morte del Re Carnevale.
Pubblicato in Eventi

L'AQUILA - La Siae, Società italiana degli autori e degli editori, tramite il suo presidente Giulio Rapetti in arte Mogol, lancia un appello ai suoi associati affinché sostengano la proposta di legge del deputato leghista ed ex direttore di Radio Padania Alessandro Morelli sulle quote da destinare alla musica italiana trasmessa in radio.

"Cari Associati - scrive Mogol - da qualche settimana si parla molto di una proposta di legge dal titolo 'Disposizioni in materia di programmazione radiofonica della produzione musicale italiana'. L'onorevole Alessandro Morelli, presidente della Commissione Trasporti e telecomunicazioni della Camera, che ne è il primo firmatario, chiede "che le emittenti radiofoniche, nazionali e private debbano riservare almeno un terzo della loro programmazione giornaliera alla produzione musicale italiana, opera di autori e di artisti italiani e incisa e prodotta in Italia, distribuita in maniera omogenea durante le 24 ore di programmazione" - aggiunge il presidente della Siae - e inoltre che una quota "pari almeno al 10 per cento della programmazione giornaliera della produzione musicale italiana sia riservata alle produzioni degli artisti emergenti". La proposta di legge richiama altri esempi in Europa, come il sistema delle quote, utilizzato da molto tempo in Francia, dove dal 1994 le radio sono obbligate a trasmettere musica francese per una percentuale pari almeno al 40% della programmazione giornaliera".

"L'argomento è ampio e complesso ed è stato già affrontato in passato con diverse proposte, tra cui quella avanzata dalla Fimi nel febbraio 2016 - scrive ancora Mogol agli associati - che chiedeva di garantire il 20% della programmazione radiofonica alle opere prime e seconde di artisti italiani e con l'intervento nel novembre 2017 dell'allora ministro dei Beni e delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini che in apertura della Milano Music Week parlò della possibilità di prevedere quote di obbligatorietà di trasmissione della musica italiana grazie ad alcune norme introdotte nella nuova Legge dello spettacolo".
 
"In base ai nostri dati medi di ripartizione dei diritti d'autore, relativi al periodo 2010-2017 - spiega - su dieci stazioni radiofoniche, soltanto quattro rispetterebbero la soglia del 33% della proposta di legge dell'onorevole Morelli. Tale iniziativa avrebbe dunque un impatto positivo sul mercato radiofonico italiano generando maggiori introiti in diritti d'autore e in diritti connessi e contribuendo ad aumentare la quantità di musica prodotta in Italia. Come sapete - aggiunge - promuovere la musica italiana significa infatti sostenere l'industria culturale del nostro Paese e quindi le tante persone che ci lavorano".
 
Il presidente della Siae conclude la sua lettera con un appello: "Per questo motivo chiedo a tutti voi di contribuire a questa battaglia per la valorizzazione della nostra musica nelle radio. Qualsiasi vostra iniziativa sarà preziosa affinché si affermi il principio che la musica italiana fa parte del nostro patrimonio culturale e in quanto tale va valorizzata e difesa", dice ancora Mogol. (AGI)

 

 

 

Pubblicato in Musica e Spettacolo

L'AQUILA - "Della mia proposta di legge sulla tutela della musica italiana vorrei sapere cosa ne pensa Piero Pelù, che è di sinistra, perché io credo che questa norma sia una cosa che a sinistra dovrebbe andare bene". Così all'AdnKronos Alessandro Morelli, presidente leghista della Commissione Trasporti della Camera e fino allo scorso anno direttore di Radio Padania, dopo le polemiche per la richiesta di riservare in radio una quota del 33% alle canzoni italiane. "Da sinistra mi attaccano, dicendo che è una cosa sovranista, ma in realtà non l'hanno neanche letta, visto che non mi hanno chiesto cosa prevedesse".

"Mi sorprende molto, ma il fatto che questa discussione vada avanti da giorni dimostra la sua importanza, però va detto che già altri, che ora attaccano, avevano proposto cose analoghe" dice Morelli. Negli anni "ne avevano parlato già Giorgia Meloni, quando era ministra della Gioventù con Berlusconi, e poi Dario Franceschini, ora invece c'è Alessandro Morelli che la mette nero su bianco, in una proposta di legge, non è più solo una cosa a parole".

"Ora puntano il dito contro, dicendo che è una cosa sovranista - sottolinea - ma lo dicono in base al fatto che la proposta è di un leghista, allora prima, ad esempio quando lo chiedeva Franceschini, che cosa era? Una cosa democristiana?", ironizza l'ex direttore di Radio Padania.

MOGOL - "Anche Mogol e la Siae appoggiano la mia proposta? Bene, si tratta di una cosa che dicono loro, che apprezzo, in linea con i tanti 'Mario Rossi', magari cantanti di piano bar di provincia, che mi riempiono di messaggi, ringraziandomi per la sensibilità che ha avuto" aggiunge Morelli dopo il plauso del presidente della Siae, Mogol, che ha scritto una lettera ai suoi associati in cui chiede di appoggiare la norma. (ADNKRONOS)

Pubblicato in Politica
Mercoledì, 27 Febbraio 2019 09:07

Legittima difesa, Lega-M5S chiedono rinvio

L'AQUILA - Lega e M5S hanno chiesto il rinvio ad altra data della legge sulla legittima difesa. La richiesta è arrivata subito dopo che l'aula aveva largamente respinto le pregiudiziali di costituzionalità, poste sul testo dal Pd.

Lega e M5S hanno chiesto che al posto della legge sulla legittima difesa vengano discussi i provvedimenti a favore del settore lattiero-caseario. (ADNKRONOS)

Pubblicato in Politica

Le più lette

05 Maggio 2017 12:58:09

Terremoto L'Aquila: governo richiede soldi a familiari vittime

in Politica
L'AQUILA - Il premier Paolo Gentiloni rivuole i soldi per i morti del terremoto…
11 Marzo 2019 12:07:03

Una legge per risarcire i familiari delle vittime dei terremoti 2009 e 2016

in Cronaca
ROMA - Una proposta di legge che intende dare finalmente una risposta a tutte le famiglie…
24 Gennaio 2017 17:39:49

L'Aquila: caduta elicottero, proclamato giorno di lutto cittadino nel giorno dei funerali delle 6 vittime

in Cronaca
L'AQUILA: - “Esprimo, a nome dell’intera Municipalità aquilana, un incredulo dolore per…
10 Maggio 2016 09:57:18

L'Aquila: Giro d'Italia, venerdì 13 maggio scuole chiuse in città

in Cronaca
L'AQUILA: - di Cristina Parente - Come anticipato dalla Polizia Municipale, nel…
11 Agosto 2016 16:09:17

L'Aquila: i sotterranei del Castello si aprono per uno spettacolo ispirato ai racconti di Edgar Allan Poe

in Eventi
L'AQUILA: - Per I Cantieri dell’Immaginario, in via del tutto eccezionale, grazie al…
A sinistra la Basilica di Santa Maria Paganica all'Aquila dopo sisma 2009, a destra la chiesa di Sant'Agostino ad Amatrice
24 Agosto 2016 13:28:24

Terremoto Centro Italia: ecco il vero legame tra Accumoli, Amatrice e L'Aquila in una notte di dolore

in Cronaca
L'AQUILA: - di Cristina Parente - Quante volte è capitato ad ognuno di noi di essere…
right_3_1
right_0_1

Iscriviti alla nostra newsletter

Multimedia

CookiesAccept

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo