http://www.rl1.it
http://www.rl1.it
Articoli filtrati per data: Luglio 2019 - Radio L'Aquila 1

L’AQUILA - Il presidente del Consiglio comunale dell’Aquila Roberto Tinari ha fissato la prossima riunione dell’assemblea per venerdì 5 luglio, alle ore 9, nell’aula “Tullio De Rubeis” della sede comunale di Villa Gioia.

In apertura dei lavori verrà esaminata la proposta deliberativa contenente il contratto di servizio tra l’ente comunale e l’Aquilana società multiservizi (Asm), avente ad oggetto l’affidamento in house della gestione integrata del ciclo dei rifiuti urbani e di igiene ambientale nel territorio comunale.

Seguirà la discussione in ordine, rispettivamente, ad una richiesta di permesso a costruire in deroga,  riferito a lavori di sostituzione edilizia di un aggregato, danneggiato dal sisma del 2009, sito in via Roma 118, e all’istituzione della Consulta per il Commercio e l’Artigianato del centro storico della città dell’Aquila, con l’approvazione del relativo regolamento.

All’attenzione dell’assemblea, infine, due richieste di pareri comunali riferiti ad altrettanti provvedimenti regionali di autorizzazione per il mutamento di destinazione e alienazione di terreni ricadenti nel demanio di Preturo.

Pubblicato in Politica

L'AQUILA - "Quello di oggi è un giorno di festa e di grande emozione. San Silvestro è un gioiello che viene restituito non solo all'Aquila, ma alla regione Abruzzo, all'intero Paese, a tutti gli amanti dell'arte e del bello".
   

Così il sottosegretario per i Beni culturali, il pentastellato abruzzese Gianluca Vacca, intervenendo alla cerimonia di riapertura della chiesa di San Silvestro all'Aquila, riconsegnata alla città e al culto oggi al termine dei lavori di recupero e di restauro per i gravi danni subiti nel terremoto del 6 aprile 2009. In particolare, il sisma aveva danneggiato la facciata, il campanile, la parte absidale e la caratteristica cappella Branconio. All'interno vi erano danni diffusi sia sull'apparato decorativo sia su quello strutturale, parte della copertura è crollata sull'ingresso della chiesa e i pilastri della navata centrale subirono uno schiacciamento. Il finanziamento complessivo per il restauro e il miglioramento sismico della chiesa è stato di oltre 3 milioni e 600 mila euro. (ansa.it)

Pubblicato in Arte e Cultura

L'AQUILA - Si è tenuta oggi a palazzo Fibbioni all'Aquila la conferenza stampa di presentazione della 12esima 'Granfondo alte cime d'Abruzzo'.

Una gara di 97 chilometri e oltre 1.600 metri di dislivello per un percorso unico che attraverserà alcuni dei borghi più attrattivi del comprensorio di Campo Imperatore, come Castel del Monte a Calascio, e poi Santo Stefano di Sessanio, Barisciano, San Demetrio, San Gregorio, Paganica, Camarda e Assergi. La granfondo chiude un weekend che mette insieme sport e intrattenimento.

Si parte con lo spettacolo dedicato al campione del ciclismo italiano Marco Pantani, sabato 6 alle 21,30 al teatro comunale "Francesco Giuliani" con lo spettacolo "D5, Pantani. Storia di un capro espiatorio", diretto da Chiara Spoletini, il racconto della vicenda umana e sportiva del ciclista Marco Pantani, dalla squalifica alla penultima tappa del Giro d'Italia 1999 a Madonna di Campiglio.

Si proseguirà domenica 7 con la 12esima edizione della 'Granfondo alte cime D'Abruzzo', che partirà da Castel del Monte alle 9 per attraversare alcuni dei Comuni più attrattivi del Gran Sasso. A presentare la manifestazione c'erano il sindaco di Castel del Monte Luciano Mucciante, che ha illustrato il cartellone estivo del paese, e tutto il gruppo della Polisportiva locale, che organizza la gara dal 2014.

"Abbiamo sempre cercato di puntare sulle attività sportive e culturali per tenere insieme il paese – ha commentato Mucciante – grazie al lavoro importante dei giovani della Polisportiva abbiamo avuto negli anni la presenza di atleti che puntano ai campionati nazionali o regionali, ad esempio Francesco Moser (che ha presentato anche un suo libro), 
Danilo De Luca (vincitore del Giro d'Italia) e Giulio Ciccone nell'edizione dell'anno scorso. In questi anni abbiamo cercato di destagionalizzare le attività turistiche, già a gennaio la Polisportiva organizza attività, come la Marcia di Campo Imperatore, ciaspolate e altro: ognii mese c'è un evento o sportivo, enogastronomico o culturale, proprio per cercare di far conoscere le nostre terre e far arrivare gente da tutt'Italia e anche dall'estero. Proprio in questi giorni c'è un grande flusso di persone dalla Germania, dall'Austria, dall'Olanda, dall'America e ora stiamo lavorando per portare a Castel del Monte anche turisti cinesi. Vuol dire che tutto quello che è stato fatto con la collaborazione di coloro che amano Castel del Monte, ha realizzato e diffuso un'immagine molto attrattiva. Questo è il mio ultimo anno da sindaco, con il cartellone estivo 2019 vorremmo lasciare un segno positivo. Vorremmo che i giovani continuassero a impegnarsi per il futuro del paese".

A spiegare i dettagli della gara sono stati Luca Tuccella Marco Petronio della Polisportiva di Castel del Monte. "Un circuito unico di gara, per un totale di 97 chilometri e oltre 1.600 metri di dislivello – ha spiegato Tuccella - la gara ha un andamento semplice all'inizio: raggiungerà con dei saliscendi il Comune di San Demetrio, per poi arrivare a Paganica, da cui comincerà la parte più importante e impegnativa dellla granfondo con una salita che ci porterà a quota 1.759 metri, il Valico della Fossa di Paganica. Una salita divisa in due tronconi: una parte va dalla frazione di Assergi fino a Fonte Cerreto, molto impegnativa per 3 chilometri di pendenze elevate. Da qui la salita diventa più agevole fino ad arrivare alla Piana di Campo Imperatore, da cui parte un'altra piccola salita che immette sulla discesa finale fino a rientrare in paese. Un percorso adatto a ciclisti allenati, per questo vi abbiamo associato un secondo percorso cicloturistico di 50 chilometri, con partenza e arrivo sempre alle 9 da viale della Vittoria e che arriverà fino alla Piana di Campo Imperatore. Alla cicloturistica possono partecipare tutti i ciclisti a prescindere dalla preparazione atletica, famiglie e ragazzi, con bici da corsa, mountainbike ed e-bike".

Gli organizzatori ricordano che domani giovedì 4 luglio scade il termine per iscriversi con quota agevolata online. Le iscrizioni riprenderanno in loco a Castel del Monte sabato pomeriggio e domenica mattina. La festa continuerà nel pomeriggio con un ricco pasta party e divertimento per tutti. Gli atleti troveranno nel pacco gara integratori, prodotti alimentari e una borsa porta scarpe, mentre per i premiati ci saranno prodotti tecnici e tipici del comprensorio. Saranno premiati i primi tre ciclisti assoluti sia per gli uomini che per e donne e i primi tre per le 11 categorie previste.

La granfondo punta ai 400 iscritti, media più o meno raggiunta negli ultimi anni, considerando che il percorso è molto impegnativo. Per Marco Petronio della Polisportiva "è uno degli eventi che proponiamo prima di tutto come gruppo di amici che ha deciso di animare con eventi non soltanto sportivi la vita del comprensorio di Campo Imperatore. Durante l'anno cerchiamo ad esempio di svolgere ciaspolate enogastronomiche a febbraio. La 'Granfondo alte cime d'Abruzzo' unisce molto la vita di noi ragazzi di Castel del Monte e degli altri borghi, perché dietro l'organizzazione della gara c'è un lavoro lungo e complesso che occupa molte persone del paese, disposte a darci una mano con il loro contributo, a partire dall'amministrazione comunale. Abbiamo preso il testimone di questa manifestazione nel 2014, molte cose sono cambiate cercando sempre di migliorarci. Quest'anno puntiamo a crescere anche con le iscrizioni".

Tanti gli eventi descritti da Mucciante, c'è la 'Notte delle streghe' il 17 agosto, passando per le giornate di agosto dedicate al decennale del sisma, in occasione delle quali sarà consegnata la 'Verga d'Argento' alle personalità nazionali e non che hanno accompagnato il cratere sismico in questi 10 anni: dall'ex ministro Fabrizio Barcaal sottosegretario Gianni Letta, al vicepresidente del Csm Giovanni Legnini, fino all'ex sottosegretaria con delega alla ricostruzione Paola De Micheli, una serie di eventi che coinvolge anche tutti i Comuni di Villa Santa Lucia e Santo Stefano di Sessanio, mentre il 5 agosto ci sarà l'inaugurazione del Museo nazionale della Transumanza. Torna anche la 'Rassegna degli ovini', quest'anno di nuovo organizzata dalla Camera di commercio dell'Aquila. Altri eventi sportivi previsti per l'estate castellana 2019 sono lo 'Street boulder' tra le mura del centro storico il 20 e 21 luglio.

Sarà anche l'occasione per fare il punto sulla ricostruzione dei Comuni del comprensorio colpiti da sisma nel 2009. "La ricostruzione privata a Castel del Monte procede bene, ha superato il 70% - ha spiegato Mucciante - dobbiamo assegnare la ricostruzione di una decina di aggregati che sono quasi pronti e ci auguriamo di finire entro la fine dell'anno. Poi ci vorrà qualche anno ancora per ricostruire effettivamente. Procede anche la ricostruzione pubblica, che dovrebbe concludersi nei prossimi anni: entro settembre affideremo la ricostruzione del Comune, mentre quella della torre civica la stiamo assegnando in questi giorni".

Per chi vorrà il Comune organizza per sabato e domenica visite guidate nel centro storico di Castel del Monte, che è uno dei borghi più belli d'Italia, dedicate agli atleti e ai loro accompagnatori.

A sostegno della 'Polisportiva Castel del Monte', oltre al Comune, anche la Provincia dell'Aquila e tante altre associazioni e cittadini del territorio.

"La 'Granfondo alte cime d'Abruzzo', che fa parte del circuito 'Centro d'Italia' e del campionato Acsi, è una gara ormai consolidata – ha aggiunto Tuccella Per noi della polisportiva organizzare la granfondo è una occasione per rivitalizzare questi territori così belli e per sensibilizzare sempre più i giovani ad avvicinarsi allo sport. Un evento reso possibile grazie al nostro attaccamento a Castel del Monte, e grazie alla passione per lo sport, che alleggeriscono il duro lavoro, con il sostegno anche di altre associazioni del posto".

Per domenica 7 luglio nel campo sportivo del paese sarà allestito il villaggio sportivo, quartier generale per mettere a punto le ultime iscrizioni e il ritiro dei pettorali. Nel campo sportivo saranno anche allestite le docce per gli atleti e, al termine della competizione, si terrà il pasta party (nella palestra comunale), con un pasto a base di prodotti tipici preparato dagli Alpini di Castel del Monte, e tanta buona musica.

Pubblicato in Eventi
Mercoledì, 03 Luglio 2019 16:36

Scivola dalla mietitrebbia e muore

FURCI (CH) - Incidente mortale sul lavoro in un campo di grano al confine dei Comuni di Furci e San Buono.

Roberto Cupaiolo, 46 anni di San Buono, mentre stava salendo sulla scaletta della mietitrebbia in movimento condotta dal padre, Nicola, è scivolato finendo sotto la ruota posteriore del mezzo, che non gli ha lasciato scampo. L'incidente è avvenuto in un terreno che non presenta particolari asperità. Sul posto sono giunti un'ambulanza del 118 dall'ospedale di Gissi e i carabinieri della stazione di San Buono e del Nor di Vasto. Su disposizione del magistrato di turno Francesco Parente, del servizio di medicina del lavoro della Asl, ha effettuato una ricognizione cadaverica. "Sono sconvolto per quanto è accaduto. E' così assurda la dinamica dell'incidente" ha detto il sindaco di Furci, Angelo Marchione "per una famiglia che da anni svolge questo lavoro. Addolorato anche per figli della vittima, Roberto ha compiuto gli anni lo scorso primo luglio e di recente è diventato papà per la terza volta". (ansa.it)

Pubblicato in Cronaca

L'AQUILA - Si è tenuto oggi a Casa Onna il Convegno Dieci In Emergenza per celebrare i dieci anni dalla nascita del primo Centro Studi Italiano specializzato nei temidella Sicurezza, della Resilienza e dello Sviluppo, nato proprio nei giorni di grande impegno perla gestione dell’emergenza del terremoto del 2009.

Tutti presenti i grandi protagonisti della Sicurezza, locale e nazionale, per constatare, ancora una volta il grande insegnamento che L’Aquila ha dato in termini di resilienza e gestione dell’emergenza.

La Professoressa Guerra, fondatrice del Centro Studi e della Scuola Internazionale Etica &Sicurezza, ha voluto ringraziare il territorio Aquilano e tutti i professionisti del soccorso e della sicurezza: “L’esperienza che ho vissuto con voi dieci anni fa mi ha cambiato la vita. Penso che L’Aquila debba diventare un modello non solo a livello nazionale ma anche a livello mondiale, un grande insegnamento da cui si può continuamente attingere”. Il Comune dell’Aquila ha commentato i lavori con le parole di Tiziana Del Beato, delegata dal Sindaco: “Nonostante ci sia ancora tanto da fare, ci ritroviamo oggi una città diversa, migliorata, più innovativa e sono davvero orgogliosa che la nostra città possa essere presa come modello anche a livello internazionale”.

Il Comandante Nazionale dei Vigili del Fuoco, Fabio Dattilo, ha puntato l’attenzione sulla prevenzione sostenendo che per avere una macchina dell’emergenza che funzioni con parametri di eccellenza si deve lavorare costantemente sulla prevenzione, anche e soprattutto a luci spente, quando si spegne l’interesse mediatico.

Il Questore Orazio D’Anna ha ringraziato tutti gli uomini della sicurezza che operano instancabilmente in un settore così complesso e articolato e ha preso in prestito una frase di Monsignor Petrocchi che l’ha fortemente colpito “Abbiamo ricostruito il corpo di questa città eora dobbiamo ricostruirne l’anima”.

Ha parlato di intelligenza emotiva e resilienza invece il Comandante dei Carabinieri dell’Aquila, Luigi Balestra: “Siamo un Paese straordinario perché diamo il massimo e otteniamo grandissimirisultati nella gestione dell’emergenza: i nostri operatori sono un esempio di intelligenza emotiva che è la perfetta sintesi di empatia e resilienza. Si deve continuare a operare con impegno e costanza, mettendo sempre al centro le strategie preventive”.

Il Tenente Colonnello Maione, Comandante del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria presso laGuardia di Finanza ha constatato la necessità di non ‘resistere’ al cambiamento, ma muoversi nella direzione del ‘nuovo’ con un occhio attento sempre rivolto al miglioramento del tessuto sociale.

Paola Guerra ha poi ricordato la storia della Scuola, quando tutto iniziò, quando si recò nei luoghi del devastante terremoto per portare il suo contributo personale e professionale. L’insegnamento che trasse da quella catastrofe, da quei luoghi e dalla straordinaria resilienza della popolazione fu unico e di incredibile ispirazione. Si accorse che i processi alla base delle grandi emergenze e delle catastrofi ambientali potevano diventare un modello di riferimento unico per tutte le aree della sicurezza, di qui la decisione di aprire il primo Centro Studi Italiano interamente dedicato al tema. Da quel momento ogni anno, i più alti vertici della sicurezza pubblica e privatasi sono riuniti nel capoluogo abruzzese per confrontarsi su modelli e best practices. Sei anni dopo, nel 2015, la decisione di aprire anche una sede a Milano che potesse rappresentare la Scuola in ambito nazionale e internazionale.

Oggi Paola Guerra, a dieci anni di distanza, ha formato 1200 professionisti della sicurezza, conta su un team di 200 docenti specializzati in tutte le aree, dalla gestione operativa delle emergenze di terrorismo all’intervento preventivo su temi come le molestie o le violenze sul posto di lavoro o ancora nel campo della tutela dei lavoratori durante le trasferte nei Paesi a rischio terrorismo, catastrofi ambientali o conflitti sociali.

L’impegno della Scuola va anche nella direzione dell’inclusione, grazie alla sensibilizzazione e alla promozione della formazione il ruolo del professionista della sicurezza si apre finalmente anche al genere femminile: “Nel nostro campo la presenza maschile è ancora del 90% con ricadute addirittura più negative se si prendono in considerazione i ruoli apicali. Ma grazie all’impegno ditutti gli operatori, dei docenti e delle Associazioni oggi in aula la presenza delle donne raggiunge il 30% sul totale dei partecipanti. Un risultato incredibile che ci stimola alcoinvolgimento sempre maggiore delle giovani professioniste che si affacciano sul mercato” (Paola Guerra).

E L’Aquila rimane sullo sfondo e nel cuore, laboratorio e luogo ispiratore, modello e testimonianza.

Il messaggio conclusivo è interamente rivolto al futuro: durante l’anno 2019-2020 la Scuola si impegna anche in un’iniziativa sociale che supporterà il progetto di una Onlus del territorio devolvendo il 1% del proprio fatturato, iniziativa che è stata presentata alle Istituzioni presenti alla giornata di celebrazione.

La Scuola Internazionale Etica e Sicurezza Milano – l’Aquila è un centro studi e di formazione manageriale e professionale specializzato nelle tematiche di security, data protection, risk management, crisis e business continuity management, etica e compliance.

La Scuola si avvale di un comitato tecnico e scientifico costituito da docenti universitari, rappresentanti istituzionali, professionisti e manager del mondo dell’Etica e della Sicurezza. L’Aquila è insieme testimonianza, laboratorio e luogo ispiratore.

Pubblicato in Cronaca

L'AQUILA - “Piena soddisfazione” è stata espressa dal sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi, per l’elezione di Angelo Liberati alla guida del Consiglio direttivo della sezione comprensoriale aquilana di Confcommercio. “La sua solida esperienza di imprenditore, unita alla virtuosità di una famiglia che da mezzo secolo opera con profitto nel terziario, sono le migliori garanzie per un organismo di così spiccata importanza per le nostre imprese – ha scritto Biondi in un messaggio rivolto al neo presidente – a nome della Municipalità, oltre le felicitazioni, Le esprimo la certezza che saprà svolgere il Suo mandato con quelle capacità che si richiedono al massimo esponente di un’organizzazione di importanza vitale per la rinascita del territorio, visto che abbraccia quasi tutti i Comuni del cratere sismico del 2009”.

Il sindaco si è inoltre rallegrato con tutti i nuovi componenti del Consiglio direttivo. “Si tratta di Aquilani di marcato spessore, sia di nascita che di adozione – ha osservato ancora Biondi – che certamente sapranno fornire il supporto necessario per operare al meglio”.

Biondi ha inoltre salutato e ringraziato il presidente uscente della Confcommercio comprensoriale dell’Aquila, Alberto Capretti “per il proficuo lavoro svolto in questi anni” grazie al quale è stato offerto “un sostegno determinante alla faticosa ripresa delle attività produttive all’Aquila e nel territorio del cratere sismico. Un obiettivo tutt’altro che agevole – ha concluso il sindaco Biondi - viste le gravi problematiche che hanno investito questo e gli altri settori della nostra società, originate da una tragedia di rilevanti proporzioni”.

Pubblicato in Cronaca

L'AQUILA - Torna a Pianelle di Tornimparte l’appuntamento con il gusto e la tradizione, sabato 6 luglio e domenica 7 da non perdere la quarta edizione di Forninfesta.

Punto focale dell’evento sarà l’antica arte della panificazione con lievito madre e farine di grani antichi. Per l’occasione saranno riaperti e accesi vecchi forni di tufo.

A passeggio tra le vie e gli incantevoli scorci del piccolo borgo si potrà assistere alla dimostrazione e cottura del pane e pizza alla pala, ma anche degustare e acquistare prodotti provenienti da aziende agricole del territorio.

FORNINFESTA con la collaborazione di Slow Food L’Aquila si conferma infatti una vetrina delle produzioni territoriali, per offrire al pubblico un percorso incentrato sulla qualità del mangiare.

Per il secondo anno ci sarà uno stand gluten free con un menù di degustazione per tutti gli ospiti celiaci.

Un percorso enogastronomico che avverrà in una cornice ricca di intrattenimenti: mostra vespa 50, mostre degli artisti locali, un SEMI-nario itinerante sul paesaggio rurale a cura di Slow Food L’Aquila e dell’Università dell’Aquila, per i più piccoli “MANI IN PASTA” laboratori a cura dell’associazione Arcobaleno e non mancheranno i gruppi musicali:

- sabato 6 alle 21.30 Live music Disko, allieterà la giornata della domenica il gruppo itinerante Folkavacca, domenica 7 alle 21.30 Simone Cocciglia e la sua band.

Gli stand gastronomici saranno aperti sabato 6 alle ore 19:00 e domenica 7 alle ore 12:30 e alle ore 19.00.

Pubblicato in Eventi

NAVELLI (AQ) – Con le note della Società aquilana dei concerti “Bonaventura Barattelli” si apre sabato prossimo, 7 luglio, alle ore 21,30 nell’incantevole scenario del chiostro quattrocentesco dell’ex convento di Sant’Antonio a Civitaretenga, “Meraviglie a portata di mano”, il cartellone che fino al 17 agosto porterà in cinque borghi della piana di Navelli -concerti e spettacoli, escursioni a piedi e in mountain bike, degustazioni enogastronomiche, incontri e visite guidate.

Protagonisti Katia Ghigi al violino e Michele Rossetti al pianoforte. Musicista affermata e direttrice del Summer Festival di Gubbio la Ghigi, artista in carriera e direttore degli storici corsi internazionali di Norcia e direttore artistico del Concorso Pianistico Internazionale “Città di Spoleto” Rossetti, i due eseguiranno musiche di Bach, Mozart, Schubert, Brahms, Rachmaninov e Bartók.

Al concerto sarà abbinata una degustazione di vini di qualità, curata dalla delegazione dell’Aquila dall’Associazione italiana sommelier (Ais), e di prodotti locali di eccellenza con il Consorzio per la tutela dello zafferano dell’Aquila Dop, con la presenza dei Presìdi Slow Food, al termine dell’esibizione dei musicisti.

“Meraviglie a portata di mano” è un progetto finanziato con i fondi Restart e che vede come Comune capofila Navelli, in partnership con Caporciano, Carapelle Calvisio, Prata d’Ansidonia, San Pio delle Camere. Una proposta artistica realizzata in collaborazione con la Società aquilana dei concerti “Barattelli”.

Un progetto ambizioso, un calendario ricco e variegato, un ventaglio di occasioni per scoprire le “Meraviglie a portata di mano” offerte dai borghi della Piana di Navelli. 

I cinque comuni, raggruppati nella cosiddetta Area omogenea n. 6, hanno colto al volo la ricca occasione offerta dal Programma Restart per unire le forze e lavorare insieme, riuscendo a mettere in piedi un cartellone comune, lungo tutta l’estate, che si propone di attirare visitatori, turisti e anche tanti aquilani alla ricerca di un’offerta che soddisfi passioni diverse, dalla musica classica alla musica pop, dallo spettacolo puro alla valorizzazione delle ricchezze architettoniche e paesaggistiche, passando per degustazioni dei prodotti tipici locali.

Un approccio a tutto tondo anche nella scelta di affidarsi a professionisti, come la Società aquilana dei concerti “Barattelli” per la cura dell’offerta musicale di qualità e di impatto, ma anche di coinvolgere giovani locali per proporre visite guidate e aperture di Chiese, monumenti e di un piccolo “museo diffuso” sparso per il territorio, e associazioni come il Consorzio per la Tutela dello Zafferano dell’Aquila Dop, l’associazione culturale Le Vie dello Zafferano e la Pro loco di Navelli, per arricchire gli eventi facendo sinergia.

Le “Meraviglie a portata di mano” sono i borghi stessi, cornice naturale del ricco calendario di eventi, i prodotti tipici, il paesaggio incontaminato nel suo complesso, grazie anche agli appuntamenti settimanali con escursioni trekking e mountain bike a cura del Parco avventura “Il Regno dei Mazzamurelli”.

Pubblicato in Eventi

GIULIANOVA – Giovedì 4, venerdì 5 e domenica 7 luglio alle 21.15, al Centro Socio Culturale in via Dei Pioppi all’Annunziata, andranno in scena i tre spettacoli di fine laboratorio  “Progetto Teatrale Knà” per Giulia Eventi Estate 2019 VI Edizione, rispettivamente dei bambini, ragazzi ed adulti. La rassegna, con il patrocinio del Comune di Giulianova, è ad ingresso è gratuito.

I tre spettacoli sono il frutto di mesi di laboratori tenuti da Giuliana Cianci e Francescomaria Di Bonaventura dell’Associazione Culturale Knà.

Inoltre, bisogna ricordare, che quest’anno sono andati in scena con ben due spettacoli corali che hanno unito tutti gli attori dai più piccoli ai più grandi dell'Associazione, il primo “HAOHS” in occasione della “Giornata della memoria” sull’olocausto ed il “Quadro della meraviglie” di Miguel De Cervantes Saavedra.

Quest’anno il filo conduttore degli spettacoli finali sarà la surrealtà: “la surrealtà, come antidoto al logorio della vita frenetica”.

"LA CITTÀ ABBANDONATA" da Italo Calvino

Si parte giovedì 4 luglio con lo spettacolo liberamente tratto da "La città abbandonata", breve capolavoro semi sconosciuto di Italo Calvino, datato 1978, messo in scena da bambini e ragazzi della scuola primaria e secondaria di primo grado:

Antonio Branciaroli, Mattia Bonadduce , Stella Cappelletti,  Giulia Caprioni, Luca De Santo, Luigi Di Bonaventura, Antonio Di Rocco, Giulia Grossi, Emanuele Liberati, Riccardo Liberato, Michel Manè, Sofia Morelli, Leonardo Moreno.

La piéce teatrale narra del destino di alcuni viaggiatori che si trovano, senza sapere come, in una città abbandonata, dove vi sono:

"Vie vuote a perdita d’occhio. Palazzi spalancati in cui rimbomba l’eco". 

Gli unici abitanti di questa città, continuano a vivere come se vi fosse ancora l'antico splendore d'un tempo, mentre tutto intorno cade a pezzi per via di un'antica disputa tra due fate, fata Cespugliosa, col potere sulla natura, e fata Altamura, col potere sulle metropoli. I viaggiatori si ritroveranno, loro malgrado, rapiti in questo surreale mondo. Una sottile ironia accompagnerà tutta la storia per suscitare divertimento e ilarità, ma anche riflessioni sul valore del nostro habitat che troppo spesso è preda di interessi di pochi che ne rovinano la bellezza .

"SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE" da Williamo Shakespeare

Venerdì 5 luglio sarà la volta dei ragazzi 14+ (un intruso) che affronteranno una commedia sull'amore, un capolavoro di William Shakespeare. 

Edoardo Belisari, Federico Caprioni, Marco Ciabattoni, Martina Cirillo, Alba Curgo, Chiara Curgo, Luigi Di Bonaventura, Piera Di Bonaventura, Giorgia Di Donato, Serena  Di Rocco, Caterina Granito, Alex Porciello

Mito, fiaba e quotidianità si susseguiranno freneticamente, al passo con l'energia e la freschezza dei giovani interpreti che vedremo in scena.

"Sogno di una notte di mezza estate" è un vero e proprio teorema sull'amore, questo sentimento così necessario e controverso, con le sue contraddizioni e i suoi misteri.

La trama principale si snoda attorno alle vicende amorose di Ermia e Lisandro, e di Elena e Demetrio, le cui avventure sentimentali sono complicate dall’entrata in scena di Oberon e Titania, re e regina delle fate che, servendosi di un folletto di nome Puck, creano scompiglio ai sentimenti degli amanti.

Un gruppo improbabile di "artigiani" colora la trama con interventi impacciati e esilaranti, ridicolizzando ancor di più il nonsense della vita degli uomini che si rincorrono e si affannano per amarsi, che si cercano, si desiderano, litigano per riconciliarsi senza una spiegazione razionale.

Scritto tra il 1595 e il 1596 questa commedia, tra le prime scritte da Shakespeare, ci parla di un amore romantico beffeggiato ma non per questo, privo di significato.

“Se noi ombre vi abbiamo irritato non prendetela a male, ma pensate di aver dormito, e che questa sia una visione della fantasia…noi altro non v’offrimmo che un sogno”.

"I 7 VIZI + 1 DI UBU" da Alfred Jarry

Un giorno di pausa per riordinare le idee (e le scenografie) e domenica 7 luglio alcuni strampalati personaggi popoleranno il palcoscenico del Centro Polivalente.

Con: Alessandro Caricola, Salvatore Citzia, Lorenzo Garbatini, Marco  Nazionale, Michela Spinozzi, Davide Vagnozzi, Moira Vespasiani, Jacqueline Walsh.

Qui la surrealtà prende il sopravvento per parlarci di uno strano essere, Padre Ubu, dai modi rozzi e discutibili ma, nonostante questo, "Capitano dei Dragoni, officiale di fiducia di re Venceslao, decorato con l'ordine dell'aquila rossa di Polonia, ex re d'Aragona, conte di Sandomir" e della sua consorte, Madre Ubu.

I servitori e militari seguono costantemente i loro padroni, con una assurda assiduità e controversa adorazione che altro non è che un falso atteggiamento di convenienza per accattivarsi la benevolenza, ora di Padre Ubu, ora di Madre Ubu i quali non fanno altro che litigare e rimandare ad altri una responsabilità che non gli appartiene perché troppo impegnati a "guardarsi allo specchio".

La coppia Ubu è viziosa, rancorosa, falsa e opportunista. I vizi sono la loro passione e durante la piéce ce ne parleranno i servitori che, tra una scena e l'altra, si alterneranno in monologhi tratti da altrettanti capolavori di autori come Dacia Maraini, Pier Paolo Pasolini, Diego Fabbri, Mary Shelley, Molière, Anna Cappelli e...lo stesso Ubu, il quale fa incetta di ogni bene confiscato al popolo, dietro subdoli suggerimenti di Madre Ubu, assetata di potere.

"Mio mio, tutto mio...mio mio tutto me...mi sono fatto da me...me, me, me! Mio, mio, mio, è tutto mio! Me, me, me..."

Quando Alfred Jarry scrisse "Ubu Roi", non era cominciato il secolo in cui dall'Occidente all'Oriente si susseguirono i più sanguinari dittatori della storia. 

L'opera teatrale, scritta nel 1896, si ispira al "Macbeth" di Shakespeare, non meno tragica ma sicuramente più divertente e rivoluzionò la drammaturgia europea.

Pubblicato in Musica e Spettacolo

L'AQUILA - “Hanno ragione i cittadini abruzzesi a chiedere con forza una soluzione alle interminabili liste di attesa delle prestazioni ambulatoriali», afferma la Consigliera regionale del M5S Barbara Stella. «Fortunatamente siamo finalmente al giro di boa, è solo questione di pochi giorni e tutte le A.S.L. regionali da fine Luglio c.a. dovranno necessariamente adeguarsi alle indicazioni del Ministro Grillo e dare seguito alle conseguenti disposizioni regionali», continua la consigliera. «Finalmente dopo anni di immobilismo a danno dei cittadini abruzzesi, tutte le Aziende Sanitarie Locali d’ora in poi dovranno uniformare i processi delle liste di attesa, integrandoli con un sistema di priorità della prestazione ambulatoriale che darà la precedenza alle urgenze e non all’ordine di prenotazione, garantendo ai cittadini tempi brevi e certi, con un costante monitoraggio delle criticità delle liste d’attesa». Numerose sono le iniziative volte allo snellimento delle liste: anche la possibilità da parte delle ASL di incrementare le attività dei laboratori con orari di apertura nei prefestivi e nei festivi. La stampa locale in questi giorni ha messo in evidenza ancora ritardi e difficoltà nella macchina della sanità abruzzese: «come cittadina abruzzese monitorerò da vicino l’attuazione delle disposizioni governative incalzando il governo regionale qualora non intervenisse tempestivamente in caso di mancato adeguamento da parte degli enti locali» continua la 5 stelle. «Questa è l’occasione per tutti i cittadini abruzzesi di vedersi finalmente riconosciuto il diritto alla salute, da troppo tempo negato a causa dell’inefficienza di governi e amministrazioni locali guidati dagli interessi delle cliniche private e non dalla salvaguardia della salute dei cittadini».

Pubblicato in Politica

Le più lette

05 Maggio 2017 12:58:09

Terremoto L'Aquila: governo richiede soldi a familiari vittime

in Politica
L'AQUILA - Il premier Paolo Gentiloni rivuole i soldi per i morti del terremoto…
11 Marzo 2019 12:07:03

Una legge per risarcire i familiari delle vittime dei terremoti 2009 e 2016

in Cronaca
ROMA - Una proposta di legge che intende dare finalmente una risposta a tutte le famiglie…
24 Gennaio 2017 17:39:49

L'Aquila: caduta elicottero, proclamato giorno di lutto cittadino nel giorno dei funerali delle 6 vittime

in Cronaca
L'AQUILA: - “Esprimo, a nome dell’intera Municipalità aquilana, un incredulo dolore per…
10 Maggio 2016 09:57:18

L'Aquila: Giro d'Italia, venerdì 13 maggio scuole chiuse in città

in Cronaca
L'AQUILA: - di Cristina Parente - Come anticipato dalla Polizia Municipale, nel…
11 Agosto 2016 16:09:17

L'Aquila: i sotterranei del Castello si aprono per uno spettacolo ispirato ai racconti di Edgar Allan Poe

in Eventi
L'AQUILA: - Per I Cantieri dell’Immaginario, in via del tutto eccezionale, grazie al…
A sinistra la Basilica di Santa Maria Paganica all'Aquila dopo sisma 2009, a destra la chiesa di Sant'Agostino ad Amatrice
24 Agosto 2016 13:28:24

Terremoto Centro Italia: ecco il vero legame tra Accumoli, Amatrice e L'Aquila in una notte di dolore

in Cronaca
L'AQUILA: - di Cristina Parente - Quante volte è capitato ad ognuno di noi di essere…
right_3_1
right_0_1

Iscriviti alla nostra newsletter

Multimedia

CookiesAccept

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo