http://www.rl1.it
http://www.rl1.it
Articoli filtrati per data: Settembre 2018 - Radio L'Aquila 1

L'AQUILA - E’ partita il 24 settembre alle 11 da piazza VIII Agosto, nel cuore di Bologna, la seconda edizione de “La Mille e 118 Miglia del Soccorso”. La carovana della sicurezza stradale - ambulanze, mezzi tecnici di Anas e di assistenza stradale, motomediche e volontari - si farà strada sotto la scorta della polizia municipale per iniziare il lungo tour. Venti piazze, da Nord a Sud della Penisola per incontrare sindaci, scuole, associazioni di volontariato e cittadini. Ed è con questo spirito che oggi La Mille e 118 Miglia del Soccorso è arrivata a L’Aquila. Obiettivo: promuovere, sviluppare e perseguire la cultura del primo soccorso e della sicurezza stradale oggi più che mai devono essere concetti che danno vita ad azioni concrete. E diventare pilastri su cui rifondare i valori sociali, civili e culturali della nostra società. Perché il rispetto della legalità sulla strada significa innanzitutto cambiare i propri atteggiamenti. Dobbiamo infatti abbandonare tutte quelle cattive abitudini - purtroppo di uso comune - che rischiano di generare tragedie evitabili.

Scendere dall’auto senza guardare lo specchietto, parcheggiare in doppia fila, utilizzare in modo indiscriminato gli smartphone non devono più essere pensati come semplici e innocue “leggerezze”. Sono comportamenti che minano la legalità e la sicurezza di ognuno di noi. Solo così, con un profondo cambiamento culturale, si ha la possibilità di salvare delle vite. Un concetto che non può essere portato alla ribalta solo quando la società si confronta con la morte. Insomma, dobbiamo passare dalle parole ai fatti, attraverso percorsi, permanenti e coordinati, di informazione e formazione condivisi da tutti: amministratori, associazioni, operatori della sicurezza, cittadini.

Così come partecipare attivamente ai percorsi di formazione del soccorso significa dare un senso concreto all’esistenza. Chiunque, infatti, può trovarsi di fronte a una vera e propria emergenza: in casa, a scuola, al lavoro, per strada, durante il tempo libero. Sapere affrontare l’imprevedibile, sotto il profilo dell’assistenza, è indispensabile.

“E’ con questo spirito altruistico e completamente gratuito che La Sorgente Onlus, associazione di volontariato con sede a Granarolo dell’Emilia - commenta il direttore sanitario, Cristian Manuel Perez, ideatore dell’evento -, ed Anas, che ringrazio sentitamente per aver sempre creduto nel nostro progetto di rinnovamento culturale, hanno deciso di investire ancora nell’opera di divulgazione ed affermazione della cultura della sicurezza stradale mettendo in campo la seconda edizione de 'La Mille e 118 Miglia del Soccorso'. Un evento on the road - con partenza da Bologna il 24 settembre 2018 e rientro sempre a Bologna l’8 ottobre dopo aver toccato da Nord a Sud 20 città italiane - per incontrare studenti, istituzioni, associazioni di volontariato, istituti di ricerca e cittadini. Obiettivo: diffondere la cultura della sicurezza stradale, intesa come valore prioritario della legalità e della coscienza della società civile, e l’importanza essenziale rivestita dalla formazione al soccorso”.

La Mille e 118 Miglia del Soccorso farà dunque tappa in 20 città dove cittadini e studenti avranno la possibilità di seguire dei mini corsi - completamente gratuiti - di primo soccorso. Sotto la lente: dalla corretta telefonata di richiesta di intervento alle tecniche di immobilizzazione, dalla prima rianimazione al tempestivo utilizzo del defibrillatore.

Inoltre, saranno simulati dei veri e propri incidenti per far capire a tutti quali sono e come si svolgono le fasi cruciali del soccorso e dei rilievi da parte degli operatori di polizia. Infine, attraverso il nuovo “percorso ebbrezza” ideato da Mapfre Assistance i giovani - indossando degli occhiali particolari - avranno l’esatta percezione delle alterazioni fisiche e psicologiche che si scatenano quando ci si mette alla guida sotto l’effetto di alcol e sostanze stupefacenti.

Pubblicato in Eventi

L'AQUILA - Oltre 200 ingegneri e architetti della provincia dell'Aquila effettueranno, dal 22 ottobre al 30 novembre, sopralluoghi gratuiti e visite tecniche informative per valutare il rischio sismico degli edifici. L'iniziativa “Diamoci una scossa!”, presentata questa mattina, all'Aquila, nella sala consiliare di Villa Gioia, rientra nella I giornata nazionale della prevenzione sismica, il programma domenica 30 settembre ed è promossa da Inarcassa, Consiglio nazionale degli ingegneri, Consiglio nazionale degli architetti, Consiglio superiore dei lavori pubblici, Protezione civile, Crui e Reluis.

“Una visita non costa nulla, ma può valere tanto”, lo slogan scelto per la campagna di sensibilizzazione dall'alto valore sociale, che vedrà la presenza in quattro piazze della provincia, in corso Vittorio Emanuele, all'Aquila, piazza Risorgimento ad Avezzano, piazza XX Settembre a Sulmona e piazza della Libertà a Carsoli, di punti informativi per illustrare i contenuti dell'evento.

“Architetti e ingegneri, esperti in materia, con la loro professionalità e competenza tecnica”, ha spiegato il presidente dell'Ordine degli Ingegneri, Pierluigi De Amicis, “saranno a disposizione dei cittadini per spiegare, in modo chiaro, il rischio sismico, le variabili che possono incidere sulla sicurezza di un edificio e le agevolazioni finanziarie, sismabonus ed ecobonus, oggi a disposizione per migliorare la sicurezza della propria abitazione”.

I sopralluoghi saranno completamente gratuiti. Per prenotare una visita tecnica sarà sufficiente accedere al sito www.giornataprevenzionesismica.it.

“Il sistema telematico”, ha chiarito De Amicis, “metterà direttamente in collegamento il cittadino con il tecnico formato per fare questa attività, scegliendolo nel raggio chilometrico più vicino. Dopo la prima ispezione, verrà redatta una scheda tecnica, che dettaglierà le caratteristiche dell'edificio, dal punto di vista della vulnerabilità e sicurezza sismica”.

“La campagna Diamoci una scossa”, ha sottolineato il presidente dell'ordine degli architetti della provincia dell'Aquila, Edoardo Compagnone, “punta a far comprendere quanto gli effetti di un evento imprevedibile come il terremoto possano essere mitigati adottando misure che migliorino la sicurezza degli edifici. I professionisti, in seguito al sopralluogo completamente gratuito, forniranno indicazioni sullo stato di salute della propria abitazione e sulle possibili soluzioni tecniche e finanziarie per migliorarlo”.

La visita potrà essere richiesta dal 30 settembre al 20 novembre: dal 22 ottobre partiranno i controlli.

Pubblicato in Cronaca

L'AQUILA - Il Presidente della Provincia dell’Aquila Angelo Caruso, con il Consigliere delegato alla viabilità Gianluca Alfonsi, nel Consiglio provinciale del 24 settembre scorso, ha illustrato e proposto all’assise l’urgente e non più prorogabile esigenza di dotare il Centro Spaziale “Piero Fanti” del Fucino nella Marsica-Telespazio, di un’adeguata rete viaria e infrastrutturale correlata alle esigenze del complesso.

In particolare ha ricordato che il centro è attivo dal 1963 e oggi, con le sue 170 antenne e i suoi 370.000 mq di superficie, è riconosciuto come il er usi civili. Presso il Centro Spaziale del Fucino si svolgono attività di controllo in orbita di satelliti, servizi di telecomunicazioni, televisivi e multimediali. A supporto dei servizi erogati sono attive le funzioni di logistica operativa e di ‘field service’. Vi lavorano 250 addetti fra ingegneri, tecnici specializzati e personale operativo. Dunque un’infrastruttura strategica di interesse internazionale, un sito, quello di Telespazio, oggi accessibile con la strada denominata “Cintarella” attraverso la S.P. 20 “Marruviana”.

I finanziamenti concessi e utilizzati per la risoluzione dei problemi che attanagliano la via di collegamento non hanno, purtroppo, portato a significativi miglioramenti, ad oggi teatro di incidenti mortali che hanno coinvolto anche dipendenti di Telespazio; a ciò si aggiunga il traffico veicolare delle comunità limitrofe e quello delle attività agricole per determinare, con un volume di mezzi così elevato, uno stato di pericolosità altissimo.

Per tutti questi motivi l’amministrazione provinciale in carica, ha ritenuto di assumere una iniziativa straordinaria, capace di attirare l’attenzione del governo sulla base della rilevanza internazionale del presidio di telecomunicazioni deliberando, all’unanimità, la decisone di proporre alla Presidenza del Consiglio dei Ministri e al Ministero delle Infrastrutture, la realizzazione di una nuova strada che abbia i canoni della sicurezza e le caratteristiche di adeguatezza oggettiva allo sviluppo dell’area. Nella stessa disposizione si individua l’Anas quale soggetto attuatore dell’intervento affinché si determini una statalizzazione della strada o, in subordine, la concessione di un adeguato finanziamento alla Provincia Dell’Aquila e conseguente provincializzazione della medesima arteria. La richiesta ha trovato l'unanime consenso dei presenti, azione definita positiva, unica e eccezionale dal consigliere Lelio De Santis, che attesta la Provincia un Ente finalmente vitale e propositivo.

"La realizzazione di questa strada - dichiara il Presidente Angelo Caruso -, significherebbe dare a tutti i paesi del Fucino una rapidità di collegamento che favorirebbe un notevole impulso alla ripresa e lo sviluppo economico e sociale dei territori, garantendo nel contempo sicurezza per la percorribilità di questo importante tratto viario".

Pubblicato in Politica

L'AQUILA - Il Consiglio comunale dell'Aquila, riunito stamane nell’aula “Tullio De Rubeis” della sede comunale di Villa Gioia, ha approvato con 18 voti favorevoli (l’unanimità dei presenti) la proposta deliberativa contenente il Bilancio consolidato dell’ente, relativo all’esercizio finanziario 2017. Si tratta del documento consuntivo che rappresenta la situazione patrimoniale e finanziaria e il risultato economico, considerato in tutto il complesso delle sue articolazioni. Ricomprende pertanto, nel perimetro di consolidamento, le società partecipate e gli enti strumentali. L’atto è stato illustrato in aula dall’assessore al Bilancio Annalisa Di Stefano.

“Si tratta - ha dichiarato l’assessore Di Stefano in apertura del suo intervento - di uno strumento a me molto gradito, poiché obbliga l’amministrazione comunale tutta, in termini di giunta e consiglio, ad affrontare la situazione delle società partecipate. D’altra parte per poter risanare occorre effettuare una diagnosi completa e, in questo modo, è come eseguire una Tac, avere un quadro completo dal quale partire. Una rappresentazione, dunque, anche di natura contabile, delle scelte di indirizzo, pianificazione e controllo. Un nuovo strumento per programmare, gestire e controllare con maggiore efficacia il proprio 'gruppo', comprensivo di enti e società. Il bilancio - ha proseguito Di Stefano, entrando nel merito dell’atto deliberativo - si chiude con una perdita consolidata di 116 milioni 325mila 449 euro, che trova giustificazione in una serie di elementi. In primo luogo il bilancio è stato depurato delle operazioni infragruppo, vale a dire dei trasferimenti dell’ente nei confronti delle società partecipate a titolo di contributo di esercizio o corrispettivo per servizi svolti. È stata inoltre condotta un’operazione di restyling, già in fase di rendiconto 2017, che ha portato all’eliminazione prudenziale dei trasferimenti erariali straordinari post sisma, facenti capo alla voce 'contributi e investimenti', pari a circa 400 milioni di euro,oltre alla contestuale riduzione dei trasferimenti straordinari per ulteriori 200 milioni. Lo stato patrimoniale dell’ente si è invece incrementato, attraverso le cosiddette abitazioni equivalenti, di immobili per circa 77 milioni di euro, cui si aggiungono le infrastrutture della società Gran Sasso Acqua e il patrimonio del Centro turistico del Gran Sasso, pari a 15 milioni di euro.

In ultima analisi - ha concluso l’assessore -  le criticità delle società partecipate si sono riconfermate in maniera rilevante per il Ctgs e per l’Ama (Aquilana società multiservizi). Il documento approdato oggi in Consiglio, dunque, fotografa una situazione, relativamente a queste ultime, davanti alla quale si impone una riflessione in termini di programmazione e strategie”.

Via libera all’unanimità anche ad un atto deliberativo di materia urbanistica, relativo ad una richiesta di cambiamento di destinazione d’uso, riferita a locali, da “Commerciale” a "Uffici".

Pubblicato in Politica
Giovedì, 27 Settembre 2018 12:08

E' morto Giuseppe (Peppe) Vespa

L’AQUILA – Oggi, all’età di 82 anni, è morto Giuseppe (Peppe) Vespa dopo una lunga malattia.

Peppe, giornalista, è stato, tra l’altro, fondatore nel 1992 della testata giornalistica “L’Editoiale” con la quale per anni ha pungolato il potere locale.

Lascia la moglie Marisa, i figli Onorino e Carla, la nuora, le sorelle e i nipoti.

I funerali si terranno domani, Venerdì alle 15,30 nella Basilica di san Bernardino.

All’intera famiglia ed alla nipote Valentina in particolare le condoglianze della direzione e di tutto lo staff di Radio L’Aquila 1.

Pubblicato in Cronaca

AVEZZANO (AQ) - Si terrà venerdì 28 settembre, alle 18.30, in Piazza Risorgimento, la tavola rotonda per trattare i tempi legati alla Mobilità Sostenibile "Il diritto alla mobilità alternativa". L'evento, in agenda per venerdì 21, è stato rinviato per via della pioggia.

In attesa dell'inaugurazione della nuova pista ciclabile che attraversa le vie del centro, il Comune di Avezzano, con l'assessorato all'Ambiente a guida di Crescenzo Presutti, ha aderito alla Settimana Europea della Mobilità e proprio in questa occasione ha organizzato la tavola rotonda che sarà anche una possibilità in più di incontro con i cittadini.

Che cos'é la Settimana Europea della Mobilità (www.mobilityweek.eu)

A partire dal 2002, anno della prima edizione, l’impatto è cresciuto costantemente sia in Europa che nel resto del mondo. Nel 2017, la campagna ha raggiunto il record di partecipazione: 2.526 paesi e città di 50 diverse nazioni hanno organizzato delle attività durante la settimana.

Ogni anno l'evento si concentra su un argomento relativo alla mobilità sostenibile. Il tema del 2018 è la ‘multimodalità’. La multimodalità promuove l’uso e la combinazione di diversi mezzi di trasporto per i viaggi urbani, sia per i passeggeri, che per le merci. Combinare diverse modalità di trasporto significa massimizzare i benefici per i passeggeri (costi, rapidità, flessibilità, comfort, affidabilità) e ha benefici anche per la collettività (riduzione dell’inquinamento e della congestione, miglioramento della qualità della vita e della salute).

Lo slogan di quest'anno è: CAMBIA E VAI!

Il Commissario europeo per i Trasporti Violeta Bulc ha definito il 2018 come l’‘Anno della Multimodalità’.

In questo contesto, la Settimana Europea della Mobilità ha adottato lo slogan ‘Cambia e vai!’ per promuovere l’idea della scelta tra diversi mezzi di trasporto per muoversi nelle aree urbane.

La Commissione Europea definisce la ‘multimodalità’ come “l’uso di diversi mezzi di trasporto per effettuare un singolo viaggio”, sia per il trasporto merci che per le persone. Nelle aree urbane sono disponibili diverse opzioni, mezzi di trasporto motorizzati e non che possono essere condivisi, pubblici o privati, tradizionali o nuovi. Questi includono camminare e andare in bicicletta, trasporto pubblico (cioè autobus, tram, metro e treni) e molte altre varianti come il bikesharing, taxi, navette prenotate o il car-pooling.

La multimodalità copre una moltitudine di potenziali combinazioni di mezzi per muoversi all’interno della città. I viaggi urbani tendono ad essere più brevi di quelli interurbani e la multimodalità descrive anche l’uso di diversi mezzi di trasporto per i viaggi all’interno della routine settimanale.

Camminare e/o andare in bicicletta possono essere scelti per i viaggi più brevi, mentre l’autobus o il treno per i viaggi più lunghi.

Tavola rotonda venerdì 28 alle 18.30 in piazza Risorgimento "Il diritto alla mobilità alternativa" 

Saranno questi gli argomenti affrontati nell'incontro che si terrà in piazza venerdì 21, a partire dalle 18. L'evento è organizzato in collaborazione con il Comitato della Mobilità Sostenibile Marsicana onlus, presieduto da Lucia Coco.

Interverranno:

Gabriele De Angelis, sindaco di Avezzano

Crescenzo Presutti, assessore all'Ambiente

Dario Raglione, Comitato Mobilità Sostenibile Marsicana, che farà anche da moderatore

Alessandro Tursi, progettista pista ciclabile Avezzano, vice presidente ECF (European Cyclists' Federation) 

Luca Persia, direttore CTL (Centro di Ricerca per il Trasporto e la Logistica), Università La Sapienza

Antonello Santilli, Wwf Abruzzo Montano

Pubblicato in Politica

L'AQUILA - Ancora una condanna per la gestione dell'Asm spa dell’Aquila. La Corte d’Appello dell’Aquila sezione lavoro, infatti, ha riconosciuto che l’improvviso trasferimento di un impiegato dall’ufficio Appalti al magazzino aziendale, deciso dall’amministrazione Tordera nel 2015 e mantenuto fermo dall’amministrazione Rosettini, rappresenta un grave demansionamento, poichè il lavoratore era passato dal redigere i bandi di gara  e svolgere compiti di impiegato di concetto al consegnare scope e guanti agli operai e copertoni alle officine.

La Corte, confermando la sentenza di primo grado del Giudice del Lavoro dell’Aquila, ha quindi riconosciuto dovuto il risarcimento al lavoratore, assistito dal legale dell’Ugl Igiene Ambientale, avvocato Isabella Di Benedetto, dichiarando dovuta una somma pari ad un terzo dello stipendio per i mesi intercorrenti tra l’assegnazione al magazzino ed il deposito del ricorso in primo grado.

Adesso il lavoratore, che è rimasto presso il magazzino durante i due gradi di giudizio, agirà per il pagamento degli altri danni da demansionamento maturati durante la causa (durata due anni) ed anche per il riconoscimento degli altri danni subiti, mentre l’Asm, dati i precedenti, dovrà pagare ancora, dovendo adesso saldare le spese di giudizio e le spese di un avvocato esterno che ha incaricato per l’appello, pur avendo in organico un avvocato regolarmente stipendiato ed avendo un altro avvocato, Francesco Rosettini, come Amministratore unico, oltretutto anche egli incaricato in passato di consulenza esterna dall’azienda.

L’Ugl Igiene Ambientale - annuncia il sindacato in una nota - supporterà ancora il lavoratore e tutti i dipendenti che subiranno vessazioni e discriminazioni in un’azienda che spesso non è gestita secondo criteri economici, ma secondo logiche personali e discutibili. La stessa Ugl Igiene Ambientale, comunque, chiederà alla Procura della Corte dei Conti di verificare se i tanti soldi spesi dall’Asm in questo caso per avvocati, spese e danni potevano essere risparmiati.

Pubblicato in Cronaca

NAVELLI (L'AQUILA) - Dopo il successo della partecipazione al Salone del Gusto 2018 a Torino, con migliaia di visitatori accorsi a conoscere ed acquistare la spezia che più di ogni altro prodotto rappresenta il nostro territorio, il Consorzio per la tutela dello zafferano dell’Aquila Dop sarà l’unico rappresentante abruzzese a FICO Eataly World per l’iniziativa “Al cuore d'Italia. Il rilancio delle produzioni agroalimentari e la rinascita post terremoto”.

Il Parco del cibo più grande del mondo, aperto a Bologna da circa un anno, ospiterà venerdì 28 settembre, alle ore 11 nel Teatro Arena un incontro pubblico e la degustazione delle eccellenze agroalimentari marchigiane e umbre, simbolo di qualità e tradizione di un grande territorio martoriato dal terremoto del 2016, assieme allo zafferano dell’Aquila in rappresentanza dell’Abruzzo, già provato dal sisma del 2009.

L’iniziativa nasce dalla collaborazione tra Consorzio, Coop. Altopiano di Navelli e la Trevalli Cooperlat di Amandola (provincia di Fermo, famosa nel nostro territorio anche per i marchi Hoplà e Latte Cigno), collaborazione nata in seno alla comune appartenenza a ConfCooperative e a “Qui da noi”, la rete di cooperative agricole di vendita diretta.

Siamo orgogliosi di partecipare all’appuntamento di venerdì promosso da Fico - ha sottolineato Paolo Cesaretti, brand manager Trevalli Cooperlat - È fondamentale continuare a parlare, e soprattutto far conoscere, le nostre eccellenze agroalimentari: crediamo che la rinascita, anche dal punto di vista economico, passi per la valorizzazione dell’agricoltura e del turismo enogastronomico”.

“È una grande soddisfazione poter rappresentare l’Abruzzo in questo appuntamento e ringraziamo la Trevalli Cooperlat per l’opportunità concessaci di entrare in un mondo d’eccellenza come quello di Fico”, ha aggiunto Massimiliano D’Innocenzo, presidente del Consorzio per la tutela dello zafferano dell’Aquila.

Tra i prodotti in degustazione al termine dell’incontro, la mozzarella Stg Trevalli Cooperlat, assieme a ciauscolo e salumi della norcineria Alto Nera, Verdicchio di Matelica Doc e mela rosa dei Monti Sibillini presidio Slow Food per le Marche, lenticchia Igp di Castelluccio di Norcia e birra di lenticchia per l’Umbria, stracchino stagionato Casale Nibbi di Amatrice per il Lazio e, come detto, il solo zafferano dell’Aquila Dop per l’Abruzzo.

Pubblicato in Eventi
Giovedì, 27 Settembre 2018 11:07

A Barete paziente si allontana da Rems

BARETE (AQ) – Ancora una volta la struttura Rems (Residenza per l’esecuzione delle misure di sicurezza) di Barete è al centro dell’attenzione. Infatti nel pomeriggio di ieri un paziente della Residenza si è allontanato dalla struttura eludendo i controlli che dovrebbero garantire maggiore sicurezza.

Immediatamente  è scattato l’allarme e pattuglie di Carabinieri si sono messi subito alla ricerca del paziente che è stato ritrovato dopo qualche ora mentre girovagava per il piccolo paese aquilano.

L’episodio, che si spera sia isolato, ha suscitato comunque un po’ di preoccupazione soprattutto tra gli abitanti di Barete che si auspicano maggiori controlli.

Pubblicato in Cronaca

L'AQUILA - Ennesima sentenza propizia emessa dalla Corte di Appello di L’Aquila nei confronti di un figlio minore al quale, da tempo, sono stati negati i propri diritti, da quella che dovrebbe essere una figura di riferimento, sostegno e supporto, ossia quella paterna.

Il processo, instauratosi a seguito di denuncia-querela sporta nel lontano 2012 dalla madre a tutela del figlio minore, si concludeva in primo grado con la condanna del 'sedicente' padre al pagamento di un cospicuo risarcimento danni sia patrimoniali che morali in favore del figlio.

A nulla è valso il tentativo di appello proposto dal padre. Difatti, la Corte di Appello di L'Aquila con sentenza del 24 settembre 2018 ha confermato le statuizioni di primo grado, con le quali lo stesso era stato già condannato a 3 mesi di reclusione, oltre al pagamento delle spese processuali e di costituzione di parte civile, in uno al risarcimento dei danni patrimoniali e morali, con l’ulteriore aggravio delle spese processuali del grado di giudizio e di quelle ulteriori sostenute dalla parte civile. La Corte adita non ha nemmeno riconosciuto le attenuanti generiche, tanto grave ed infamante è la condotta tenuta dal condannato.

Il padre, fin dalla nascita del figlio è stato latitante; nel corso degli anni infatti non si è mai occupato del piccolo in nessun modo, neanche quando lo stesso tribunale per i minorenni di L'Aquila nel lontano 2011 regolava sia il diritto di visita che il mantenimento mensile a carico del minore.

Ripagato, dunque, lo sforzo della madre, la quale con tenacia e determinazione, grazie alla difesa legale dell’avvocato Carlotta Ludovici del Foro di L’Aquila - che ha reso noto la notizia tramite una nota inviata alla nostra redazione - è riuscita a fare in modo che al piccolo venissero riconosciuti i propri diritti.

"E' abominevole - commenta l'avvocato Ludovici - che un padre possa arrivare addirittura a licenziarsi da un'attività lavorativa a tempo indeterminato pur di non versare gli alimenti in favore del proprio figlio, all'epoca dei fatti di tenera età, contravvenendo in tal modo non soltanto ad un provvedimento giudiziale emanato a suo tempo dal tribunale per i minorenni di L'Aquila, ma anche alle più elementari regole sancite dalla nostra Carta Costituzionale. Senza voler tralasciare la totale assenza del padre nella vita del piccolo, sia da un punto di vista morale che assistenziale, oltre che economico".

 

Pubblicato in Cronaca

Le più lette

05 Maggio 2017 12:58:09

Terremoto L'Aquila: governo richiede soldi a familiari vittime

in Politica
L'AQUILA - Il premier Paolo Gentiloni rivuole i soldi per i morti del terremoto…
24 Gennaio 2017 17:39:49

L'Aquila: caduta elicottero, proclamato giorno di lutto cittadino nel giorno dei funerali delle 6 vittime

in Cronaca
L'AQUILA: - “Esprimo, a nome dell’intera Municipalità aquilana, un incredulo dolore per…
10 Maggio 2016 09:57:18

L'Aquila: Giro d'Italia, venerdì 13 maggio scuole chiuse in città

in Cronaca
L'AQUILA: - di Cristina Parente - Come anticipato dalla Polizia Municipale, nel…
11 Agosto 2016 16:09:17

L'Aquila: i sotterranei del Castello si aprono per uno spettacolo ispirato ai racconti di Edgar Allan Poe

in Eventi
L'AQUILA: - Per I Cantieri dell’Immaginario, in via del tutto eccezionale, grazie al…
11 Marzo 2019 12:07:03

Una legge per risarcire i familiari delle vittime dei terremoti 2009 e 2016

in Cronaca
ROMA - Una proposta di legge che intende dare finalmente una risposta a tutte le famiglie…
A sinistra la Basilica di Santa Maria Paganica all'Aquila dopo sisma 2009, a destra la chiesa di Sant'Agostino ad Amatrice
24 Agosto 2016 13:28:24

Terremoto Centro Italia: ecco il vero legame tra Accumoli, Amatrice e L'Aquila in una notte di dolore

in Cronaca
L'AQUILA: - di Cristina Parente - Quante volte è capitato ad ognuno di noi di essere…
right_3_1
right_0_1

Iscriviti alla nostra newsletter

Multimedia

CookiesAccept

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
Find us on Facebook
Follow Us