http://www.rl1.it
http://www.rl1.it
Articoli filtrati per data: Luglio 2018 - Radio L'Aquila 1

L’AQUILA – di Enrico Cavalli - La recente storiografia sportiva, riconosce all’istituzione religiosa l’aver contribuito a sdoganare il fenomeno sportivo.  Al di là dei miti olimpici, lo sport era visto come aspetto di deterioramento del corpo, sia dal punto di vista morale che materiale. A fine ’800, in alternativa alle attività sportive sponsorizzate dalle organizzazioni che facevano riferimento al liberalismo e al radicalismo laico, sorsero circoli per discipline a squadra ed individuali anche negli ambienti dell’associazionismo cattolico. E’ sintomatico, a questo riguardo, che nel 1913 i sodalizi laicisti tentassero di emarginare dal mondo della ginnastica le palestre gestite dai cattolici che volevano lealmente incrociare gli SportKlub asburgici.

Un certo tradizionalismo ecclesiale, critico nei confronti di certi aspetti delle fisicità, strumentalizzabili dai totalitarismi e dalle cosiddette “plutocrazie”, contribuiva a ritardare una comprensione del fenomeno sportivo nella sua dimensione di disciplina fisica ed intellettiva nello spirito di una leale competizione. Il contrasto post concordatario fra regime fascista e Chiesa cattolica, avvenuto nel 1931 sul terreno dell’educazione dei giovani, minando l’autonomia dei sodalizi religiosi che si andavano consolidando (prova ne sia la soppressione d’autorità della Federazione delle Associazioni Sportive Cattoliche), favorì la maturazione della pratica sportiva da parte di associazioni d’ispirazione cattolica, nonché il sempre maggiore interessamento, su questo terreno decisivo della pedagogia giovanile, degli stessi Ordini religiosi, in primis i Salesiani.

Nel secondo dopoguerra, mentre l'Azione Cattolica fondava il Centro Sportivo Italiano, la Democrazia Cristiana promuoveva la creazione delle associazioni Libertas. Questi organismi, espressione di quel collateralismo cattolico che si consolidò in quegli anni contrassegnati da una dura contrapposizione ideologica, furono i diretti concorrenti di omologhi collettori sportivi (UISP, AICS, ACSI, CSL, CNS, ecc.) che facevano capo alle macchine organizzative messe in piedi da altri partiti politici.  

E’ in questo contesto che si collocano i discorsi ”sportivi” del pontefice  Pio XII: l'invito, nel settembre 1947, agli accorsi in piazza San Pietro “per la conquista nella vita religiosa della maglia della vittoria”; la “benedizione” del trionfatore al Tour de France,  Gino Bartali, in provvidenziale concomitanza con l'attentato a Palmiro Togliatti, nel luglio 1948; il monito alla stampa sportiva italiana il 10 novembre 1952 in preparazione delle Olimpiadi di Roma 1960, allorché disse che “lo  sport è lungi dall’intralciare l’uomo, anzi, il perfezionamento morale e materiale dell’uomo deve promuoverlo di contro al materialismo moderno”. 

Al clima dell’athleticism, cioè dello sport fisico inscindibile dall'etica, si ispirò l'attività nella miriade di campetti e piccole palestre delle innumerevoli parrocchie e conventi della penisola. Nell'Italia centro-meridionale il consolidamento degli organismi sportivo-religiosi avvenne nelle grandi aree urbane. In controtendenza l’Abruzzo, regione dove, a motivo della estrema pervasività sociale della Chiesa, i circoli e le espressioni sportive legate alle parrocchie e agli ordini religiosi denotano punte di avanguardia, per l’approccio degli stessi disabili alle pratiche ginnastiche.

Nel capoluogo di regione, dove rimangono salde e vivaci le radici dell'associazionismo cattolico anche dopo la fase bellica, emergeva il più importante posizionamento delle attività sportive entro la chiave religiosa. Recitano, a questo proposito, un ruolo importante i giovani prelati formatisi nell'era dell'arcivescovo Carlo Confalonieri, per il ruolo crescente della Libertas e per la stessa storica presenza degli Ordini religiosi: basti pensare alla palestra e al campo di tennis annessi al Collegio dei Gesuiti in via Camponeschi, o ai Salesiani, insediatisi alla metà degli anni Trenta al quarto di San Pietro, che tanti giovani ammaestreranno alla pratica sportiva.

L'Ordine dei Frati Minori Francescani di San Bernardino, più tardivamente intese curare gli slanci atletici dei giovani del centro storico, collocandosi a metà fra le discipline di massa dei Salesiani e quelle elitarie dei Gesuiti, questo soprattutto a causa della mancanza di spiazzi adiacenti al Convento. Nel rispetto di un codice etico di rigoroso limite dilettantistico e di equilibrata partecipazione alla competizione, nell'ottobre 1958, su impulso di quel grande educatore che fu Padre Casimiro Centi, la cui memoria è assai cara agli aquilani, nasceva lo Sporting Club del Terz'Ordine Francescano (TOF) di via Vittorio Veneto.

Colpisce, in un panorama sportivo comprensoriale imperniato sulle varie Associazioni, Unioni, Società, (massimamente del calcio e del rugby), la sigla Sporting, ad evocazione superficiale di circoli da piccolo cabotaggio, essendo invece la proiezione locale di terminologie in uso nelle espressioni agonistiche d’Oltralpe. I colori sociali furono, in omaggio al grande Santo Francesco, il bianco a fascia trasversale rossoblu, secondo la moda d'epoca, per i ragazzi; in tinta variabile, per le ragazze. Lo Sporting Club del TOF, nelle varie discipline sportive (calcio, pongismo e pallavolo), puntava alla promozione morale e sociale delle giovani generazioni aquilane, chiamate a testimoniare nella quotidianità i valori etici della pratica sportiva.

L'epilogo di questo grande sodalizio sportivo, avvenuto nel 1985, è da attribuire, oltre che a ragioni interne alla migliore prosecuzione della più grande associazione laicale di riferimento, ad un quadro socio-sportivo, sia a livello locale che in senso più esteso, che aveva subito una notevole trasformazione in senso consumistico. Trasaliva, all'interno dello Sporting Club del TOF, il convincimento d’una definitiva messa in discussione di quelle finalità di pura espressione fisica e morale che erano state alla base del progetto iniziale. Al di là del dato meramente sportivo, si tratta di una pagina, quella appena descritta, di un’aquilanità di cui oggi si avverte il bisogno civico, perché scritta da protagonisti attenti, in campo e fuori dal campo, alla salvaguardia dei simboli dell’identità territoriale, nel segno di una pratica sportiva inscindibile dai valori morali e al di fuori di ogni ideologismo a buon mercato.

Pubblicato in Varie

L'AQUILA - In questi giorni EuroStat ha rilasciato le statistiche relative ai decessi 2015 analizzate secondo i criteri della mortalità evitabile. La stampa nazionale si è soffermata quasi esclusivamente sulla quota di decessi evitabili grazie alle risorse mediche e tecnologiche attualmente disponibili (per l'Italia è quantificata in circa 52.000 decessi l'anno), omettendo che EuroStat nel medesimo studio stima in quasi 90.000 le morti dovute a mancata prevenzione primaria.

I due numeri non vanno sommati, come spiega chiaramente EuroStat nella sua pubblicazione, perché parte delle cause di morte sono considerate evitabili in entrambe le statistiche; tuttavia, per l'anno 2015 hanno complessivamente dato luogo - come diffuso a gennaio dal Rapporto MEV(i) - a circa 105.000 morti evitabili prima dei 75 anni di età.

Natalia Buzzi, responsabile del centro studi Nebo, curatore del Rapporto MEV(i), sostiene che «è importante dare notizia anche della statistica EuroStat sui morti dovuti a carenza di prevenzione primaria, vale a dire quelli causati da scorretta alimentazione, tabagismo, abuso di alcol: se insistere sui decessi trattabili è di fondamentale importanza per sollecitare il miglior utilizzo delle attuali conoscenze e risorse, è altrettanto vero che dare la massima evidenza anche alla parte di mortalità prevenibile con più attenti stili di vita è determinante per informare e educare i cittadini e renderli più consapevoli di come gestire al meglio la propria salute laddove questa dipende anche e soprattutto da scelte private».

L'analisi per l'Italia condotta da MEV(i) è stata armonizzata con quella EuroStat già dal 2016 e misura il fenomeno della mortalità evitabile sul territorio nazionale, per genere, quantificando di quanto si sarebbe potuto abbassare il numero di decessi tramite interventi di prevenzione primaria, di diagnosi precoce e terapia e di altra assistenza sanitaria. I risultati dei Rapporti e degli Speciali MEV(i) sono disponibili su www.mortalitaevitabile.it: così come EuroStat dà conto delle differenze fra i diversi Paesi dell'Unione, MEV(i) evidenzia la difformità di questo importante indicatore fra le province italiane.

Pubblicato in Varie

L'AQUILA - Giovedì 21 giugno scorso è stata consegnata da Massimo Casacchia, in rappresentanza del Rotary Club L'Aquila, l'ambulanza che era stata richiesta dai sanitari albanesi per la comunità di Zall Bastar, mezzo necessario per sostituire quella in loro dotazione, ormai inagibile da più di 10 anni.

L'ambulanza aquilana, in procinto di essere dismessa e rottamata, giacché obsoleta per i nostri standard assistenziali, è stato ritenuto potenzialmente utile a risolvere il problema dell'ospedale di Zall Bastar. Partita dall'Aquila, è arrivata con un traghetto da Ancona nel porto di Durazzo, dove erano ad aspettarla Massimo Casacchia, giunto a Tirana dall'Aquila, e il presidente del Rotary di Tirana, Florjan Salaj.

Le operazioni di sdoganamento sono state molto complesse e lunghe e solo dopo 29 ore di attesa finalmente è iniziato il viaggio di avvicinamento della macchina al paese Zall Bastar, dove si è giunti dopo circa tre ore di una strada completamente dissestata, 15 chilometri che sembravano non finire mai.

La comunità tutta, i medici e gli infermieri del servizio ospedaliero erano in trepida attesa dell'auto che hanno accolto con applausi in una atmosfera di grande commozione in quanto per la comunità rappresentava la possibilità per persone con problemi gravi di salute di essere trasportate presso l'ospedale di Tirana.

Il professor Casacchia, ambasciatore del Rotary Club L'Aquila, è stato delegato a ringraziare, da parte di tutta la piccola comunità albanese di Zall Bastar, la ASL 1 dell'Aquila, nella persona del suo Direttore Generale, Rinaldo Tordera, il primario del 118, Gino Bianchi, e tutto il suo Club dell'Aquila, che ha appoggiato tale iniziativa.

Pubblicato in Varie

AVEZZANO - L'assessore con delega all'Anagrafe, Angela Salvatore, comunica che, a partire dal 5 luglio, gli uffici dell'anagrafe e dello stato civile di via America rimarranno chiusi al pubblico di giovedì, per tutto il periodo estivo.

La disposizione rimarrà valida fino a futuri provvedimenti del dirigente del settore Massimo De Sanctis.

Gli uffici rimarranno aperti al pubblico regolarmente dal lunedì al venerdì, dalle 8.30 alle 12.00 e il martedì pomeriggio dalle 15.00 alle 17.00.

Per informazioni stato civile: 0863 501312 - 0863 501479 - 0863 501314; anagrafe 0863 - 501322; carte d'identità 0863 - 501474.

Pubblicato in Varie

L’AQUILA – Nella seduta di ieri il Consiglio regionale d’Abruzzo ha approvato a maggioranza  la norma che modifica la legge sull’assegnazione degli alloggi popolari. Il provvedimento prevede che i requisiti per la partecipazione al bando di concorso per l'assegnazione degli alloggi sia necessaria la cittadinanza italiana ovvero, per i cittadini stranieri, regolare residenza da almeno dieci anni consecutivi nel territorio nazionale, nel rispetto della normativa statale in materia di immigrazione. Inoltre viene modificato il criterio della residenza anagrafica o attività lavorativa esclusiva o principale prevedendo che il richiedente sia residente da almeno cinque anni nel bacino di utenza cui appartiene il comune che emana il bando.

Vengono dunque rivisitati alcuni requisiti soggettivi di accesso privilegiando il concetto della permanenza sul territorio regionale di nuclei familiari con residenza o attività lavorativa pluriennale anagraficamente accertata e l’assenza di condanne penali per delitti non colposi. Approvato inoltre un provvedimento di legge che stanzia somme per diverse settori e attività: 100.000,00 euro in favore della Provincia di L’Aquila per lavori infrastrutturali urgenti al km 24+400 della S.P. 17 “del Parco Nazionale d’Abruzzo”; 30.000,00 euro per la predisposizione del Programma Triennale dei Servizi di trasporto pubblico locale; 235.000 euro per ciascuna delle annualità del triennio 2018/2020 per assicurare lo svolgimento delle ex biblioteche provinciali; 600.000 euro come contributo straordinario in favore del Ciapi.

Approvato inoltre  il Testo unico sul commercio, il Piano Strategico per il Turismo 2017-2019, la legge che rifinanzia il  “Fondo di dotazione 2018 della legge 77/2000, il provvedimento amministrativo per il programma triennale della viabilità regionale 2008/2010, il progetto di legge “Abruzzo mountain race , promozione e valorizzazione della montagna attraverso lo sport”, la legge che modifica la tutela e valorizzazione dell’apicoltura, le norme per il sostegno delle imprese e dell’occupazione sul territorio regionale e di contrasto alle delocalizzazioni produttive. Approvato anche il provvedimento amministrativo “Bilancio di previsione 2018/2020-Prima Variazione, Applicazione avanzo di amministrazione esercizio 2017. Assestamento generale dei conti”e la legge “Norme per il migliore utilizzo delle aree industriali del vastese”. Rinviati i restanti punti all’ordine del giorno.

Pubblicato in Politica
L'AQUILA - Cielo sereno durante l'intero arco della giornata.
VENTI: Deboli prevalentemente da Ovest.
TEMPERATURA: Massima prevista 30 gradi.

CAMPO IMPERATORE - Nubi sparse con possibilità di momentanei addensamenti durante l'intero arco della giornata.
Possibilità di qualche rovescio soprattutto nel pomeriggio.
VENTI: Deboli prevalentemente da Nord-Ovest (raffiche 15km/h).
TEMPERATURA: Massima prevista 19 gradi.
 
CAMPO FELICE - Nubi sparse con possibilità di momentanei addensamenti durante l'intero arco della giornata.
Assenza di fenomeni di rilievo associati.
VENTI: Deboli prevalentemente da Nord-Ovest.
TEMPERATURA: Massima prevista 25 gradi.
Pubblicato in Varie
Martedì, 03 Luglio 2018 09:29

Salvini il 16 in Abruzzo

L'AQUILA - Il leader della Lega Matteo Salvini, tornerà nuovamente in Abruzzo il 16 luglio prossimo e lo farà per festeggiare l'elezione del primo sindaco leghista abruzzese, Andrea Scordella. L'appuntamento è alle 21 in Piazza Marconi a Silvi Marina.  "La visita a Silvi del nostro capitano Matteo Salvini è la dimostrazione di come tenga al nostro territorio". A dichiararlo è il coordinatore regionale di Lega Abruzzo, l'Onorevole Giuseppe Bellachioma. "In un momento complesso come questo per la politica interna del nostro Paese – afferma Bellachioma -, il suo arrivo in Abruzzo per festeggiare Andrea Scordella e tutta la squadra della Lega, assume un significato ancora più importante". Dello stesso parere l'Onorevole Luigi D'Eramo che ha detto: "La presenza del nostro leader Matteo Salvini a Silvi è ancora una volta la prova che per la Lega, popolo e politica sono la stessa cosa. La sua nuova visita in Abruzzo dimostra che la nostra regione è tornata ad essere al centro del dibattito politico nazionale".

Sull'argomento è intervenuto anche il coordinatore della Lega per la provincia di Teramo, Piero Fioretti: "In questo momento non poteva arrivare notizia migliore a riscontro del lavoro fatto dalla Lega in Abruzzo. Il segretario federale Matteo Salvini sarà di nuovo nella nostra regione, a conferma dell'attenzione e della grande considerazione che ha per la nostra terra. Tutti i militanti della Lega Abruzzo, dalle dirigenze locali ai massimi esponenti – prosegue Fioretti - si confrontano quotidianamente con le persone, per dare speranza al popolo abruzzese che si trova di fronte ai disastri fatti dal governo regionale targato Partito Democratico. Abbiamo ben chiaro il futuro che vogliamo per la nostra regione e il segretario Matteo Salvini ci guiderà alla vittoria".

Si dice entusiasta ed onorato della visita di Salvini, Fiorentino Febbraro coordinatore della Lega per Silvi e vicecoordinatore della provincia di Teramo. "Questa visita arriva in un momento storico importante per il territorio teramano e soprattutto per quello di Silvi Marina, che ha visto la vittoria del primo sindaco leghista in Abruzzo, Andrea Scordella. Siamo pronti ad accogliere Salvini con calore ed affetto - conclude Febbraro -, lo stesso che ha mostrato nei nostri confronti con le sue ripetute visite e attestati di stima".

Sulla visita del Vice Presidente del Consiglio dei Ministri, è intervenuto anche Andrea Scordella, neo sindaco di Silvi Marina. "Siamo fieri ed orgogliosi del fatto che il nostro leader abbia deciso di venire in città per onorare la vittoria della Lega in Abruzzo. A Pontida – ha detto Scordella - ho avuto i complimenti per la vittoria del movimento a Silvi, ricevendo da Salvini la promessa di una sua visita in città. La conferma della data del 16 è l'ennesima dimostrazione che il nostro capitano è una persona di parola".   

Pubblicato in Politica

L’AQUILA - “Stiamo lavorando ad una proposta turistica regionale, basata su un modello innovativo e integrato, capace di contemplare sia la montagna con la creazione di uno skipass unico, che la costa adriatica, in un'offerta a 360 gradi e per 365 giorni l'anno. Abbiamo iniziato oggi ascoltando gli operatori delle stazioni invernali".
Così il deputato di Forza Italia eletto nel collegio dell’Aquila Antonio Martino, al termine della prima riunione del tavolo di lavoro che si è svolto all’Aquila tra gli operatori abruzzesi della montagna.

Il 42enne capogruppo azzurro nella Commissione Finanze-Tesoro della Camera dei Deputati, alla prima elezione in Parlamento, ha invitato gli imprenditori delle località sciistiche abruzzesi, che hanno apprezzato l'iniziativa volta “a creare un'offerta integrata non solo per il turismo della neve, ma anche nell'ottica della stretta sinergia con quello balneare, culturale e sportivo, e che ha tra i suoi elementi qualificanti lo skipass unico per tutte le piste abruzzesi”.

Presenti tra gli altri al primo appuntamento, Luca Lallini, amministratore delegato degli impianti sciistici di Campo Felice, Fabrizio di Muzio, gestore degli impianti di Passo Lanciano, Fausto Tatone direttore tecnico degli impianti di Pescocostanzo, Venanzio Lagatta, direttore di Majelletta We food, Luigi Faccia, membro del consiglio direttivo dell'albo professionale dei Maestri di sci abruzzesi. "L'obiettivo che mi sono proposto - ha spiegato ancora Martino - è quello di dare seguito agli impegni presi in campagna elettorale, e di essere utile al territorio in tutti i modi possibili. Oggi è stata la volta degli operatori delle località sciistiche, una voce economica importante. Sono soddisfatti del clima di collaborazione che si è creato, quello dello skipass unico è solo una delle strade da intraprendere per creare un’offerta all'altezza delle nostre ambizioni. Ho parlato da esponente politico, ma anche da imprenditore. I risultati, in termini di proposte e motivazione, sono già lusinghieri".


Assenti “giustificati” i rappresentanti degli impianti di Ovindoli e Roccararaso, e Dino Pignatelli, in rappresentanza del Centro turistico del Gran Sasso, che ha preferito non prendere parte all'iniziativa, in attesa che venga formalizzata nell'assemblea dei soci del 5 luglio, la sua nomina ad amministratore unico della spa partecipata del Comune dell'Aquila che gestisce gli impianti di Campo Imperatore. Tutti coloro che non sono intervenuti, hanno però inviato un messaggio di piena adesione all'iniziativa, garantendo che parteciperanno al prossimo tavolo. “Uno degli argomenti del confronto - ha spiegato Martino - è stata l'introduzione dello skipass unico, per tutte le piste da sci, e non solo: potrebbe dare la possibilità di accedere anche alle località di mare, di godere di convenzioni per entrare nei musei, di fruire di una pluralità di servizi, mettendo così a sistema tutte le potenzialità del territorio"

Al centro del confronto anche la necessità di consolidare la destagionalizzazione dell'offerta turistica delle località sciistiche abruzzesi. "Le imprese che operano in montagna- ha concluso il giovane deputato - non possono concentrare la loro attività cinque mesi l'anno, va creata un'offerta competitiva e diversificata che copra l'intero arco dell'anno".

Pubblicato in Politica

ROMA - Sono state ritrovate a Pescara Gaia Fiorentini e Gaia Maria Perasso, le due diciassettenni di Fidenza (Parma), scomparse da un camping di Marina di Altidona (Fermo) venerdì pomeriggio. A segnalare la presenza delle due ragazze alla trasmissione Chi l'ha visto? è stato un giovane dell'Aquila, che le aveva incontrate nella spiaggia di Pescara sabato. Il giovane, su suggerimento della trasmissione, si è messo in contatto con i carabinieri e poi con la polizia, che - dopo averle identificate - ha organizzato il ritorno delle due adolescenti a Fermo, dove si trovano i genitori.

Pubblicato in Cronaca

L'AQUILA - "Sono circa 2mila i cittadini in attesa di  un alloggio di edilizia residenziale pubblica. Famiglie che nel pieno della legalità attendono ciò che lo Stato assegna loro di diritto. Ma oggi il Consiglio regionale ha deciso di tutelare 'gli altri': persone che sono entrate negli alloggi senza averne diritto. Si chiamano occupanti senza titolo e oggi la giunta D’Alfonso, attraverso un emendamento legato ad  una legge intrusa, ha deciso di sanare la loro posizione dando uno schiaffo a chi nella legalità da anni attende il proprio turno.

Uno stato che tutela i disonesti a discapito degli onesti è uno stato che ha fallito. Ed è questo che ha fatto oggi Regione Abruzzo. E’ un pessimo esempio! E’ la scia di una politica che non vogliamo più per questa Regione e per questo Paese. Cosa diranno domani a 2mila cittadini onesti che sono in attesa di un tetto per le proprie famiglie da anni?" così il consigliere regionale del M5S Domenico Pettinari.

Pubblicato in Politica

Le più lette

05 Maggio 2017 12:58:09

Terremoto L'Aquila: governo richiede soldi a familiari vittime

in Politica
L'AQUILA - Il premier Paolo Gentiloni rivuole i soldi per i morti del terremoto…
11 Marzo 2019 12:07:03

Una legge per risarcire i familiari delle vittime dei terremoti 2009 e 2016

in Cronaca
ROMA - Una proposta di legge che intende dare finalmente una risposta a tutte le famiglie…
24 Gennaio 2017 17:39:49

L'Aquila: caduta elicottero, proclamato giorno di lutto cittadino nel giorno dei funerali delle 6 vittime

in Cronaca
L'AQUILA: - “Esprimo, a nome dell’intera Municipalità aquilana, un incredulo dolore per…
10 Maggio 2016 09:57:18

L'Aquila: Giro d'Italia, venerdì 13 maggio scuole chiuse in città

in Cronaca
L'AQUILA: - di Cristina Parente - Come anticipato dalla Polizia Municipale, nel…
11 Agosto 2016 16:09:17

L'Aquila: i sotterranei del Castello si aprono per uno spettacolo ispirato ai racconti di Edgar Allan Poe

in Eventi
L'AQUILA: - Per I Cantieri dell’Immaginario, in via del tutto eccezionale, grazie al…
A sinistra la Basilica di Santa Maria Paganica all'Aquila dopo sisma 2009, a destra la chiesa di Sant'Agostino ad Amatrice
24 Agosto 2016 13:28:24

Terremoto Centro Italia: ecco il vero legame tra Accumoli, Amatrice e L'Aquila in una notte di dolore

in Cronaca
L'AQUILA: - di Cristina Parente - Quante volte è capitato ad ognuno di noi di essere…
right_3_1
right_0_1

Iscriviti alla nostra newsletter

Multimedia

CookiesAccept

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
Find us on Facebook
Follow Us