http://www.rl1.it
http://www.rl1.it
Articoli filtrati per data: Settembre 2019 - Radio L'Aquila 1

L'AQUILA - "Le esternazioni dell’Associazione Salviamo L’Orso, ripetute con allarmante periodicità e con toni che stridono al cospetto degli ideali e dei buoni propositi di un’associazione ambientalista, destano stupore e incredulità. Probabilmente l’unico scopo è quello di conquistare un barlume di visibilità tra il variegato mondo delle associazioni ambientaliste. In ogni caso le accuse, gravi e infondate, impongono delle rettifiche". Così il vicepresidente della Regione Abruzzo e assessore all'Agricoltura, Parchi e Ambiente, Emanuele Imprudente.

"La Regione nel campo della tutela e della conservazione dell’Orso Bruno Marsicano - spiega - procede in un percorso razionale ed efficace, seppur difficile, visto l’evolversi delle situazioni che complicano la tutela del plantigrado. Non a caso è stato sottoscritto l’accordo tra pubbliche amministrazioni per l’implementazione del piano di azione per la tutela dell’orso bruno marsicano (Apa Patom 2019-2021) da parte della regione Abruzzo nella persona del Vice Presidente Imprudente".

"Forse - aggiunge Imprudente - l’associazione Salviamo l’Orso dimentica che questo accordo prevede una serie di azioni che impegnano le amministrazioni firmatarie in risorse sia in termini di personale che finanziarie; dimentica inoltre che la Regione nel corso degli ultimi mesi ha: partecipato alla istituzione della Rete di Monitoraggio per l’Orso Bruno Marsicano; curato l’attuazione del Protocollo per la gestione degli orsi confidenti e/o problematici nelle aree esterne al parco; finanziate le azioni previste dalle leggi di settore per interventi di risarcimento danni, misure di prevenzione, divulgazione e gestione che hanno visto uno stanziamento complessivo di fondi pari a 70.000 euro nell’anno 2019, soprattutto grazie alla variazione di bilancio proposta da Imprudente, superiore a quello degli anni precedenti, stanziamento diretto sia agli interventi relativi alla prevenzione nelle riserve che al risarcimento danni, che all’attuazione del programma Patom".

“Non mi sembra, dai fatti - dice ancora il vicepresidente Imprudente - che la Regione Abruzzo sia inerte e inattiva nella tutela dell’Orso Bruno Marsicano ma che anzi l’attuale amministrazione e la mia persona in particolare siano quanto mai sensibili al problema e attento alle richieste dei Comuni, ai quali è stata sempre assicurata la presenza della regione, partecipando a tutti gli incontri promossi. Le priorità e le problematiche sono molteplici: da un lato gli aspetti che coinvolgono la sicurezza di intere popolazioni delle aree interne, dall’altro l’importantissima e nobile salvaguardia della sopravvivenza dell’Orso".

"Non saranno le 'sparate' di una piccola Associazione, a cui comunque riconosciamo impegno, costanza e dedizione alla causa, ma al pari di altre realtà associative che non esigono trattamenti 'riservati', che possono intaccare la realtà che è fatta di fatti e di azioni reali", termina Imprudente.

Pubblicato in Politica

L'AQUILA - “Spreco di soldi, personale amministrativo in esubero a fronte di una carenza del personale viaggiante costretto a turni massacranti, mezzi che escono con spie rosse accese, decine di corse saltate per problemi tecnici con conseguenti disagi per i cittadini, in particolar modo per gli studenti costretti a viaggiare in autobus sovraffollati. La situazione in cui versa il trasporto pubblico abruzzese non è più sostenibile e, con l’arrivo della Giunta di centro destra, le cose continuano a peggiorare”. Arriva forte e chiaro il messaggio da parte del Vice Presidente del Consiglio Regionale Domenico Pettinari, in occasione di una conferenza stampa a cui hanno partecipato numerosi cittadini tenutasi questa mattina a Pescara, davanti alla sede di Tua.

"Sembrerebbe che proprio questa mattina alcune corse scolastiche (circa 12) oltre ad alcune di linea siano saltate per mancanza di mezzi e 12 autisti siano stati costretti a rimanere in deposito. Alcuni Presidi avrebbero fatto segnalazioni alla TUA perché i ragazzi o arrivano in ritardo o sono costretti, nonostante l'abbonamento pagato, ad essere accompagnati dai genitori. In media, in Provincia di Pescara e non solo, saltano 10 corse scolastiche al giorno oltre a quelle di linea. Questo comporta che i viaggiatori debbano ammassarsi sulle corse successive col rischio di superare i limiti massimi di portata".

“L’ultima decisione presa dalla società dei trasporti - afferma - è inaccettabile. È stato indetto un bando per circa 200mila euro con lo scopo di finanziare il comparto comunicazione e le relazioni esterne dell’azienda. Un bando per esternalizzare un servizio che la dice lunga sulle priorità della TUA. Visto che l’Azienda dei trasporti, a conti fatti, non riesce a garantire neanche le prestazioni basilari ai suoi utenti era necessario esternalizzare questo servizio e per giunta con un budget così elevato? I cittadini se lo chiedono ed è per questo che ho depositato un’interpellanza affinché la Giunta, responsabile delle azioni dell’Azienda Unica dei Trasporti, dia una spiegazione a questo probabile spreco di denaro pubblico. Ci sono situazioni di emergenza assoluta che devono essere tamponate il prima possibile con investimenti non più rimandabili, si dia priorità a queste”.

“Sono presenti mezzi che escono con le spie rosse accese e che spesso si fermano lungo il tragitto per dei guasti, bloccando il servizio per gli utenti e lasciandoli a piedi. Ci sono decine di corse che saltano per avaria dei bus. Non solo, ma nell’officina di Pescara ci sono circa 50 mezzi fermi da tempo che non vengono riparati. Anche questo causa il sovraffollamento delle corse. Ad esempio, nell’area pescarese non è inusuale vedere mezzi con a bordo fino a 130 persone, andando oltre la propria portata. Chi soffre di più per questi disservizi sono i lavoratori, gli studenti, le mamme e i padri che sono costretti a chiedere permessi a lavoro per portare a scuola i figli e, giustamente, adesso vogliono far sentire la propria rabbia”. Ma la stessa situazione si ripete in tutte le province abruzzesi.

“Siamo di fronte - prosegue - a un altro fallimento del centro destra, che è riuscito nella titanica impresa di rendere ancora peggiori i servizi del trasporto pubblico che, ricordiamolo, è la seconda voce nel bilancio regionale. Si potrebbe trattare di un’interruzione ingiustificata di pubblico servizio, che viene subita con forza ancora maggiore nella aree interne, abbandonate costantemente da questa Giunta. Ci sono zone in cui il biglietto unico per le corse non è disponibile, causando una disparità di servizi ingiustificata. Addirittura un Sindaco abruzzese ha voluto scrivere di suo pugno una lettera al Presidente per metterlo al corrente di ciò che è accaduto ad alcuni ragazzi che, dopo essersi svegliati alle 5 di mattina, non hanno visto arrivare il bus alla fermata, costringendoli a un’assenza forzata da scuola”.

“Le soluzioni ci sono, a partire dalla reinternalizzazione dei servizi esterni, alla riconversione dei circa 100 esuberi, tra gli amministrativi, all’interno dell’azienda, che potrebbero essere ricollocati a mansioni diverse, risparmiando notevoli somme. Si dovrebbe poi provvedere urgentemente al rinnovo del parco mezzi, molti dei quali sono vecchi e molto spesso con guasti che ne condizionano l’utilizzo e ad una vera lotta all'evasione che raggiunge numeri altissimi utilizzando il personale in esubero per fare i verificatori".

“E’ dovere della Giunta Regionale e di Marsilio trovare una soluzione a tutto questo nel più breve tempo possibile. Sono arrivati al governo dell’Abruzzo promettendo di avere la soluzione ai problemi, ma per adesso non solo non ne hanno risolti ma ne stanno creando di nuovi. Devono intervenire in fretta perché altrimenti ci ritroveremmo ben presto con un’azienda distrutta e poi svenduta ai privati. E questo non possiamo permettercelo, poiché dal corretto funzionamento del trasporto pubblico dipende direttamente la salute del territorio”.

Pubblicato in Politica

L'AQUILA - “Ancora una volta Marsilio si presta ai diktat romani e e cerca di costringere il Consiglio a votare un referendum che piace solo alla Lega”, affermano i consiglieri del gruppo del Partito Democratico sull’inserimento della proposta di referendum nei lavori del Consiglio regionale di martedì.

“Mentre gli studenti sono a piedi per l’incapacità di gestire i trasporti pubblici, la sanità è ferma perché è interessato più alle poltrone che ai servizi e persino la caccia non è cominciata perché incapaci di mettere nero su bianco regole già stabilite da leggi e regolamenti e l’indomani pure degli strali, proprio sui metodi poco inclusivi della maggioranza, arrivati dagli alleati dell’Udc, il presidente propone come fuori sacco al Consiglio Regionale di martedì la proposta di referendum di abrogare la quota proporzionale nel sistema elettorale della Camera e del Senato, una proposta sollecitata a livello nazionale dal leader leghista Matteo Salvini - continuano i consiglieri - Uno schiaffo alla democrazia e al fair play politico, perché la proposta è stata infilata all’ultimo momento fra gli argomenti all’ordine del giorno della prossima seduta della I Commissione Bilancio, fissata lo stesso giorno del Consiglio, con il chiaro intento di volerla imporre a prescindere dalla discussione. La Lega chiede e Marsilio obbedisce: la comunicazione è arrivata nella tarda serata di ieri, con una mail che mette tutti di fronte al fatto compiuto, cercando di annullare ancora una volta il necessario confronto democratico con l’opposizione. Un diktat vero e proprio, un altro favore a chi sta cercando di colonizzare l’Abruzzo senza farlo crescere, ma pensando solo agli interessi del potente di turno, dopo la Meloni, Salvini.

Se questo per un tema così importante è questo l’atteggiamento che il presidente pensa di poter riservare all’opposizione - concludono il capogruppo Silvio Paolucci e i consiglieri regionali Dino Pepe e Antonio Blasioli - non dare spazio al confronto e alla discussione e trattare l’Abruzzo come una colonia di Roma, siamo pronti a riportare Marsilio e la maggioranza alla realtà, con un’opposizione dura, che farà ostruzionismo su tutte le norme.

Pubblicato in Politica

L'AQUILA - "Un plauso e un vivo ringraziamento alla Squadra mobile dell’Aquila che ha assicurato alla giustizia il rapinatore che ha colpito diverse farmacie della nostra città. Tra l’altro, in questi mesi la Squadra mobile e il personale della Questura ci hanno assicurato un costante sostegno che ci ha permesso di continuare ad assicurare i servizi, anche notturni, in una rinnovata cornice di sicurezza per il personale e per i clienti".

Così l'amministratore unico dell'Afm dell'Aquila, Alessandra Santangelo, all'esito dell'arresto, da parte della Polizia di Stato, del trentenne residente in provincia di L’Aquila, ritenuto dagli inquirenti responsabile di furto e rapina, tentata e consumata, ai danni di tre farmacie aquilane nello scorso mese di luglio.

Pubblicato in Cronaca

L'AQUILA - Nella giornata di ieri, venerdì 20 settembre, personale della Squadra Mobile di L’Aquila (IV Sezione-Reati contro il patrimonio e la P.A.), al termine di una complessa e articolata attività investigativa, ha eseguito l’ordinanza di custodia cautelare degli arresti domiciliari disposta dal gip del tribunale di L’Aquila, Guendalina Buccella, nei confronti di F. L. B., trentenne residente in provincia di L’Aquila, ritenuto responsabile dei delitti di furto e rapina, tentata e consumata, ai danni di farmacie aquilane.

L’indagato è stato rintracciato e sottoposto alla misura cautelare in una comunità di sostegno a soggetti tossico dipendenti sita in provincia di Ascoli Piceno.

Le indagini, coordinate da Fabio Picuti della Procura della Repubblica di L’Aquila, si riferiscono a fatti avvenuti nello scorso mese di luglio che avevano riguardato: la rapina commessa il 21 luglio ai danni della farmacia Pulcini di via Carlo Confalonieri, la tentata rapina, commessa il 26 luglio nei confronti della farmacia Sericchi di Via della Crocetta e la rapina, commessa la sera del 27 luglio nei confronti della farmacia Pettino, in Via Leonardo da Vinci.

Negli episodi citati, il malvivente, sempre travisato e armato una volta di coltello e l’altra di una pistola, presumibilmente giocattolo, era entrato all’interno delle farmacie e, minacciando i farmacisti presenti, aveva chiesto denaro e, in un’occasione, anche un medicinale, l'ossicodone, un oppioide agonista puro con potenza simile alla morfina.

Nell’occasione del tentativo di rapina verso la farmacia Sericchi, era stato notato dal personale presente nell’esercizio prima di entrare all’interno: vistosi osservato, il malfattore si era dato alla fuga senza portare a termine l’azione delittuosa.

Inoltre, sempre il 21 luglio, F.L.B. aveva rubato, alle 5.30 del mattino, il contenitore dei medicinali scaduti della citata farmacia Pettino.

Gli investigatori della Squadra Mobile, grazie all’attenta analisi delle immagini dei sistemi di videosorveglianza delle farmacie colpite dagli episodi delittuosi, hanno, innanzitutto, verificato che il malvivente fosse sempre la stessa persona; è stato possibile, inoltre, individuare l’autovettura utilizzata dallo stesso: una Ford Fiesta di colore grigio.

La successiva attività di ascolto delle vittime, ha permesso di mettere in luce un precedente episodio in cui un uomo aveva chiesto, ad una delle farmacie poi oggetto di rapina, la consegna di un farmaco, contenente l’ossicodone, esibendo una ricetta falsa: l’accurato controllo di tale soggetto ha consentito di verificare che lo stesso era stato controllato, in più occasioni, con F.L.B.

Quest’ultimo risultava essere stato più volte indagato per reati contro il patrimonio, tra i quali quelli di ricettazione e furto di ricettari medici utilizzati per ottenere l’erogazione di medicinali specifici per patologie da tossicodipendenza; l’ulteriore approfondimento investigativo effettuato dai poliziotti, ha permesso di scoprire che F.L.B. era intestatario di Ford Fiesta di colore grigio.

Questo ulteriore riscontro, induceva gli investigatori a predisporre un album fotografico che veniva posto in visione ai testimoni che, senza dubbio, riconoscevano nell’uomo l’autore delle rapine subite.

Alla luce di quanto emerso, questa Squadra Mobile otteneva dalla Procura di L’Aquila un decreto di perquisizione nei confronti dell’indagato che consentiva di rinvenire ulteriori elementi di riscontro.

Grazie alle puntuali e analitiche indagini effettuate dagli investigatori della Squadra Mobile, che hanno saputo cogliere e sviluppare nel migliore dei modi gli elementi a disposizione, è stato possibile individuare l’autore dei gravi fatti e delineare, a suo carico, un solido quadro indiziario che ha consentito all’autorità giudiziaria di disporre il provvedimento cautelare eseguito ieri dalla Polizia di Stato.

Pubblicato in Cronaca

L'AQUILA - Mobility Spaces & Public Places è un workshop internazionale di progettazione e costruzione che si è svolto a L’Aquila dal 14 al 22 settembre. Il workshop, promosso dal Politecnico di Torino ha visto la collaborazione delle associazioni: Atelier Mobile (Torino) e ViviamolAq (L’Aquila), con il patrocinio del Comune dell’Aquila e dell’Ordine degli architetti della provincia di L’Aquila.

Il tema affrontato riguarda il progetto e la costruzione di elementi di architettura e arredo intorno alle pensiline dei mezzi pubblici, a partire dagli studi realizzati dall’iniziativa Bus - Build Use Stay realizzata da ViviamolAq con l'Università degli Studi de L'Aquila. Tale progetto si innesta inoltre sull’esperienza del progetto Puro - Progetto Urbano Roio, curato dalla stessa associazione ViviamolAq e l'Università degli Studi de L'Aquila, inserito tra i progetti del Pums (Piano Urbano Mobilità Sostenibile).

Oggi, sabato 21 settembre, ore 17.30, presso il Palazzetto dei Nobili si terrà la presentazione del lavoro degli studenti con una discussione aperta ai cittadini e alle amministrazioni locali.

Al workshop hanno partecipato studenti universitari provenienti da sette nazionalità con il contributo di docenti e professionisti. Hanno apportato il loro contributo critico: Giacomo Borella, Studio Albori: Cycle-Feline Architecture; Elena Barthel, Rural Studio: Design and Build in West Alabama; Antonello Alici, Università Politecnica delle Marche: Living with Earthquake; Lorenzo Netti, Politecnico di Bari: Autoprogettazione autocostruzione autiodisegno.

Il progetto è stato supervisionato da: Silvia Gron, Politecnico di Torino e Luca Barello, atelier mobile, con il contributo di: Giuseppe Mastrangelo, Matteo De Marco, Federico Eugeni, Mattia Canonico, Andrea Ciammetti (ViviamolAq), Niccolò Suraci e Cristiano Tosco, Politecnico di Torino+atelier mobile.

 

 

 

Pubblicato in Eventi

PESCARA - Cristiano Vignali è stato nominato "Abruzzo Smart Ambassador" dal Dipartimento Turismo della Regione Abruzzo.

Questa mattina, insieme agli altri ambasciatori digitali dell'Abruzzo, in conferenza stampa nella sede della Regione Abruzzo in piazza Unione a Pescara ha dichiarato: "Sono onorato della nomina e spero di fare un ottimo lavoro insieme agli altri ambasciatori. Bisogna capire che oggi il digitale è la nuova rivoluzione del XXI secolo, con una importanza pari a quella della costruzione delle autostrade nell'interno fra gli anni settanta e ottanta che permetterà di promuovere e preservare  le tante "isole mondo" della nostra terra, le sue particolarità e le sue eccellenze".

 

Pubblicato in Varie

L'AQUILA - Tecnologie innovative, sicurezza nei luoghi di lavoro e qualità del costruito: sono i principi cui si ispira il protocollo d’intesa siglato nelle scorse settimana dall’Ordine degli ingegneri della provincia dell’Aquila e dall’Ente paritetico unificato per la formazione la sicurezza e la salute e che verrà presentato nel corso di un incontro con la stampa lunedì 23 settembre.

In una delle città italiane simbolo della ricostruzione appare quanto mai necessaria la creazione e il rafforzamento di ulteriori sinergie tra i soggetti protagonisti di quella stessa attività di ricostruzione che passa soprattutto attraverso la qualità delle opere realizzate e la tutela della salute nei cantieri.

L’appuntamento sarà anche l’occasione per presentare il seminario “Opere di demolizione e procedure di sicurezza”.

I contenuti del protocollo di Intesa saranno illustrati nel corso di una conferenza stampa nelle sede dell’Ordine degli ingegneri dell’Aquila. All’incontro parteciperanno: Pierluigi de Amicis, Presidente Ordine ingegneri della provincia dell’Aquila e Giovanni Cirillo, Presidente Ese-Cpt L’Aquila.

Pubblicato in Varie

L'AQUILA - "Il nuovo piano di dimensionamento della rete scolastica comunale, così come proposto dall’assessore Bignotti, presenta un evidente ed iniquo sbilanciamento tra i 6 istituti comprensivi previsti. È inaccettabile, infatti, che il nuovo equilibrio territoriale sia stato raggiunto a scapito del solo istituto Gianni Rodari che per decisione della giunta non comprenderà più al proprio interno la scuola di Pile; il nuovo micro-istituto manterrà così le sole scuole periferiche di Sassa, Preturo, Roio, Pianola e Bagno, che contano complessivamente una popolazione studentesca di soli 721 alunni, al limite della soglia dei 600 studenti sotto cui l’istituto risulterebbe sottodimensionato, perdendo di conseguenza il dirigente titolare e andando a reggenza". Lo afferma Stefano Palumbo, capogruppo del PD al consiglio comunale dell'Aquila.

"Una scelta - aggiunge - che penalizza, deliberatamente, il sistema scolastico della zona sud-ovest, non solo in prospettiva a causa del calo del tasso di natalità, ma anche operativamente nell’immediato, essendo il plesso scolastico di Pile, tra quelli dell’attuale istituto Rodari, l’unico in grado di ospitare gli uffici della direzione didattica e, inoltre, in una posizione baricentrica rispetto a tutti gli altri.

Una beffa che si aggiunge al danno che i cittadini di queste frazioni subiscono già da 10 anni con la ricostruzione ancora al palo del nuovo polo scolastico di Sassa, della scuola di Pianola, di quella di Bagno e senza che si sia neanche riusciti ad adottare la soluzione di fortuna individuata per quella di Preturo presso gli spazi messi a disposizione dall’Ater".

"All’indomani della visita del presidente Mattarella per l’inaugurazione dell’anno scolastico - termina Palumbo - si è confezionata l’ennesima mortificazione delle aree cittadine più periferiche. Come al solito, tutto ciò che è al di fuori del perimetro della città non riceve neanche quelle minime attenzioni a cui avrebbero diritto, figuriamoci le misure speciali che pure questa giunta aveva promesso. Una cosa è certa, non resteremo a guardare in silenzio di fronte a questa ennesima sconsiderata decisione della giunta Biondi".

Pubblicato in Politica

L'AQUILA - Riprende presso la residenza universitaria S. Carlo Borromeo (via L. Cassese, 1 a Coppito), il percorso delle "10 parole".

E’ un itinerario di fede, avviato negli anni precedenti, tenuto dalla Parrocchia universitaria in collaborazione con i frati di San Bernardino, rivolto a chi vuole avvicinarsi alla fede, ma non sa da dove iniziare, a chi si sente lontano e vuole provare a ricucire, a chi è in cammino ma vorrebbe mettere ordine e andare più a fondo.

Quanti volessero provare ad aggiungersi possono farlo partecipando al primo incontro, di questo nuovo anno pastorale, fissato per martedì 24 settembre, alle ore 21.00.

 

Pubblicato in Varie
Pagina 1 di 38

Le più lette

05 Maggio 2017 12:58:09

Terremoto L'Aquila: governo richiede soldi a familiari vittime

in Politica
L'AQUILA - Il premier Paolo Gentiloni rivuole i soldi per i morti del terremoto…
11 Marzo 2019 12:07:03

Una legge per risarcire i familiari delle vittime dei terremoti 2009 e 2016

in Cronaca
ROMA - Una proposta di legge che intende dare finalmente una risposta a tutte le famiglie…
24 Gennaio 2017 17:39:49

L'Aquila: caduta elicottero, proclamato giorno di lutto cittadino nel giorno dei funerali delle 6 vittime

in Cronaca
L'AQUILA: - “Esprimo, a nome dell’intera Municipalità aquilana, un incredulo dolore per…
10 Maggio 2016 09:57:18

L'Aquila: Giro d'Italia, venerdì 13 maggio scuole chiuse in città

in Cronaca
L'AQUILA: - di Cristina Parente - Come anticipato dalla Polizia Municipale, nel…
11 Agosto 2016 16:09:17

L'Aquila: i sotterranei del Castello si aprono per uno spettacolo ispirato ai racconti di Edgar Allan Poe

in Eventi
L'AQUILA: - Per I Cantieri dell’Immaginario, in via del tutto eccezionale, grazie al…
A sinistra la Basilica di Santa Maria Paganica all'Aquila dopo sisma 2009, a destra la chiesa di Sant'Agostino ad Amatrice
24 Agosto 2016 13:28:24

Terremoto Centro Italia: ecco il vero legame tra Accumoli, Amatrice e L'Aquila in una notte di dolore

in Cronaca
L'AQUILA: - di Cristina Parente - Quante volte è capitato ad ognuno di noi di essere…
right_3_1
right_0_1

Iscriviti alla nostra newsletter

Multimedia

CookiesAccept

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
Find us on Facebook
Follow Us