http://www.rl1.it
http://www.rl1.it
Articoli filtrati per data: Aprile 2019 - Radio L'Aquila 1

TERAMO - “Idea” esprime “grande soddisfazione” per l’elezione di Beta Costantini, esponente del partito, al consiglio provinciale di Teramo.

“Un risultato importante – si legge in una nota -, che premia il radicamento, la serietà delle proposte, la credibilità delle persone”.

Per il senatore Gaetano Quagliariello, presidente nazionale di “Idea”, “il successo raggiunto intorno a Beta e al nostro progetto dimostra ancora una volta che c’è un grande spazio politico, nel centrodestra, per costruire qualcosa di nuovo a partire dal territorio”. Il percorso continua, “a cominciare dalle prossime amministrative – aggiunge il coordinatore provinciale Vincenzo Viola - e da un’opera di attenzione e di rilancio per la nostra terra”. A Beta Costantini, da parte di “Idea” – conclude la nota – “i migliori auguri di buon lavoro”. 

Pubblicato in Politica

PESCASSEROLI (AQ) - Questa mattina, le dipendenti dell’Ente, all’apertura del Centro visita del Parco, hanno ritrovato sull’inferriata di recinzione una testa di agnello scuoiata e sanguinante e un foglio con insulti e minacce al Responsabile del servizio tecnico dell’Ente, Andrea Gennai. La scritta contiene un esplicito riferimento alle demolizioni e, pertanto, non si tratta né di una bravata, né di una minaccia generica o personale. E’ un chiaro riferimento alle attività di repressione di abusi messe in atto dall’Ente, che prende di mira il responsabile dell’ufficio direttamente impegnato nei procedimenti.

Dopo il ritrovamento, le dipendenti hanno allertato il servizio di sorveglianza e sono stati chiamati i Carabinieri che hanno provveduto a fare tutti i rilievi del caso.

“Esprimo la più completa vicinanza e solidarietà – dichiara il Presidente del Parco, Antonio Carrara – e quella di tutto l’Ente, ad Andrea nella convinzione che si tratta di un atto che colpisce il Parco e le attività di controllo del territorio e repressione di abusi che si stanno realizzando e che, evidentemente, disturbano gli interessi di qualcuno che ricorre a gesti di intimidazione, tipicamente mafiosi. Certo il Parco, forte della sua lunga storia, non si fa intimidire e fatti di questo tipo non fanno altro che rafforzare la nostra azione di tutela del territorio. Mi auguro che le forze dell’ordine possano accertare e perseguire i responsabili di questo ignobile gesto.”

Pubblicato in Cronaca

L’AQUILA - Bellissima esperienza per atleti, tecnici, accompagnatori e genitori ieri al Torneo Colla-De Sensi di Noceto in provincia di Parma, storica manifestazione dedicata al rugby giovanile.

La società neroverde ha partecipato massicciamente all'iniziativa con una squadra under 6, una under 8, due under 10 e una under 12.

Tutte le compagini si sono ben comportate in campo con un plauso particolare per i più piccoli della Under 6.

La giornata è stata bella ed emozionante, con la Polisportiva che è stata premiata dal sindaco di Noceto Fabio Fecci con il premio "Fair play" anche e soprattutto per essere l'unica realtà sempre presente al torneo in tutte le 25 edizioni.

Emozionante anche il discorso del primo cittadino che ha ricordato l'avvicinarsi del decennale del sisma, la vicinanza è stata dimostrata non solo a parole ma anche tramite la donazione di una sacca con i palloni da minirugby.

Pubblicato in Sport

L’AQUILA - Il 3 aprile alle ore 18.00 presso l'auditorium del GSSI in Via Michele Iacobucci, 2, nell'ambito delle iniziative di "Fatti di Memoria", sarà a L’Aquila Tomaso Montanari, professore all'Università per stranieri di Siena. E’ stato invitato a L’Aquila a narrare il significato dei "luoghi della memoria" nella prospettiva di preservare il futuro.

Montanari è stato sicuramente tra coloro che si sono battuti per la ricostruzione della nostra città, organizzando nel maggio 2013 l'iniziativa "Storici dell'arte e ricostruzione civile" che portò a L'Aquila centinaia di storici dell'arte per dire che la ricostruzione dell’Aquilaera una questione centrale e nazionale e che era "giunto il momento di ricostruire, e di farlo attraverso la conoscenza: ricostruire, restaurare e restituire alla vita quotidiana dei cittadini il centro di L’Aquila; ricostruire il tessuto civile della nazione; ricostruire il ruolo della storia dell’arte come strumento di formazione alla cittadinanza e non come alienante dell’industria dell’intrattenimento culturale." 

Un'attenzione al nostro territorio che non è mai venuta meno anche con interventi puntuali su progetti insensati quali il parcheggio sotterraneo con annessi esercizi commerciali che l'amministrazione di allora voleva costruire sotto Piazza Duomo e con la partecipazione a un convegno organizzato dalla sezione cittadina di Italia Nostra nel novembre 2015. Proprio in quell'occasione, Montanari, denunciando la mancata ricostruzione civile, parlò dell'Aquila come di un laboratorio del futuro, in cui scorgere l'avvenire delle tante città d'arte italiane.

Sarà interessante il suo sguardo oggi su  "L'Aquila 2019. Memoria del futuro", titolo dell'iniziativa in occasione del decennale, con il racconto, prezioso e dalla prospettiva inusuale, di cosa la nostra città e la nostra esperienza hanno dato e stanno ancora dando al Paese. 

 

Pubblicato in Cronaca

L’AQUILA - “Voglio ringraziare con stima e ammirazione Silvano Barone che, dopo oltre 8 anni giunge al termine del suo impegno come caporedattore della testata giornalistica Rai Abruzzo.

Barone lascia l’incarico e dal primo aprile ricoprirà un nuovo, importante incarico con la qualifica di caporedattore centrale. In questi 8 anni l’Abruzzo è stato terra di grandi cambiamenti e di eventi drammatici e Silvano Barone è  stato un esempio di professionalità ed equilibrio. Sia per le grandi calamità, che purtroppo anche dopo il 2009 hanno continuato a colpire l’Abruzzo, che per la pagina culturale, la cronaca o la giudiziaria, il Tg Abruzzo è  stato condotto con imparzialità e qualità. E questo è stato un bene comune, per l’importanza che la comunicazione Rai riveste nella nostra regione. Il nuovo e prestigioso incarico condurrà Silvano Barone a seguire una straordinaria occasione per la città di Matera e di riscatto per il Sud dell’Italia.  Barone ha sicuramente il merito di lasciare una ottima redazione con qualificati professionisti a cui rivolgo l’augurio di un buon lavoro.”

E’ questo il saluto dell’Onorevole Stefania Pezzopane a Silvano Barone.

Pubblicato in Cronaca

GIULANOVA (TE) - Domenica 7 aprile 2019, alle ore 18.30, presso il Museo d’Arte dello Splendore di Giulianova verrà inaugurata la mostra “Sara Chiaranzelli: immagini” curata da Marialuisa De Santis. La mostra è accompagnata da un elegante catalogo che sarà offerto gratuitamente durante l’inaugurazione.

L’esposizione costruisce un percorso di opere incentrate prevalentemente su figure femminili, datate dal 2007 al 2019: tra queste anche un suggestivo polittico realizzato come scenografia per uno spettacolo di DiversaMente Danza dell’Aquila.

Sara Chiaranzelli, aquilana, autrice della pala d’altare della Chiesa di Sant’Anna di Giulianova e vincitrice dell’ultima edizione di Casoli Pinta, s’impone nel campo della giovane arte figurativa abruzzese con una chiara e ben definita fisionomia che, al di là dei colti riferimenti e della ricca simbologia cromatica e figurale, conserva sempre, coraggiosamente, una matrice di semplicità e sincerità.

La sua è pittura della meraviglia e dello stupore di fronte all’esistenza: è pittura dalla leggerezza calviniana, quella cioè della rondine e non della piuma mossa a piacere dal vento. È pittura fatta di attenzione, di delicatezza, di cura e soprattutto di tanta consapevolezza. Le immagini delle sue figure femminili spaziano da figure mitologiche, storiche, religiose fino a quelle di donne contemporanee e allora la meraviglia si traduce in commossa e silente denuncia.

La mostra che si inserisce nel progetto di valorizzazione della giovane arte abruzzese portato avanti dal Museo d’Arte dello Splendore, sarà visitabile fino al 26 maggio con il seguente orario: dal martedì alla domenica 15.30 e 18.30; la domenica anche dalle 10.00 alle 13.00.

 

Pubblicato in Arte e Cultura

L’AQUILA - Ci siamo! Inizieranno mercoledì 3 e giovedì 4 i primi colloqui di TELENIA, l’azienda che sta portando all’Aquila un progetto d’impresa che, oltre a creare sul territorio il più nuovo ed evoluto Data Factory italiano, si occuperà anche di start up e prodotti innovativi: la Divisione Ricerca e Sviluppo “costruirà” prodotti hardware/software all’avanguardia per il mercato internazionale, dedicati alle piccole e medie imprese e alla Pubblica Amministrazione.

Il portale www.telenia.it, sul quale era possibile candidarsi alle diverse posizioni, è stato lanciato a metà febbraio e in pochi giorni TELENIA ha ricevuto oltre 2.000 curriculum. Un risultato ben oltre le aspettative, che conferma una fiducia davvero grande espressa dal territorio nei confronti di questa nuovissima realtà e che sarà ripagata con altrettanta serietà di scelta. L’entusiasmo dei candidati nel proporsi per posizioni lavorative del futuro (programmatori, sistemisti, progettisti software, ecc...) è sicuramente accompagnato da una preparazione che mette in mostra la qualità del tessuto professionale del territorio, persone super preparate e con mentalità innovativa, fino a ora non sufficientemente valorizzate.

In poco tempo il Telenia Job Team ha valutato e selezionato i profili migliori necessari per la fase di avviamento dell’Azienda e nei giorni scorsi sono partiti i primi “biglietti di invito” ai colloqui per gli appuntamenti delle prossime settimane e altri saranno inviati a seguire. I colloqui si terranno nella sede di Confindustria L’Aquila – Abruzzo interno, nelle scorse settimane, infatti, TELENIA Srl ha aderito all’Unione degli Industriali aquilani.

Come già detto tutta la procedura di selezione avviene attraverso la piattaforma stessa, eccetto i colloqui naturalmente.

L’inizio dei colloqui segna un altro importante step di questo progetto imprenditoriale e l’intero Team non vede l'ora di conoscere i candidati e partire! Per questo l’Azienda ci tiene ad augurare “buona fortuna” a tutti coloro che sono e saranno selezionati a breve.

Pubblicato in Cronaca

L’AQUILA - Un altro successo della Clinica Odontoiatrica dell’Università degli Studi dell’Aquila. Il Dott. Davide Pietropaoli, assegnista di ricerca presso l’unità dei “Disordini temporo-mandibolari e del Dolore Oro-facciale” diretta dalla prof.ssa Annalisa Monaco, è stato selezionato, insieme ad altri quattro colleghi in tutto il mondo, come Rising Star in Periodontics (astro nascente in parodontologia) dalla prestigiosa American Academy of Periodontology (AAP) per l’anno 2019.

Questa autorevole società scientifica ha giudicato i lavori provenienti da giovani ricercatori nel campo della parodontologia che si affacciano alla ricerca da non più di dieci anni. Alla notizia dell’avvenuta selezione, il Dott. Pietropaoli si è detto “estremamente stupito ed emozionato, ma al contempo grato per il successo raggiunto dal Gruppo Aquilano”. Ed ha aggiunto: “Con pochi fondi e risorse, ma tanta buona volontà e passione stiamo dimostrando che il nostro Ateneo è molto competitivo in termini di qualità di ricerca. Ricordiamo, inoltre, che il lavoro è frutto di anni di dedizione, sacrificio e collaborazione dei Professori Annalisa Monaco e Mario Giannoni e della Dott.ssa Eleonora Ortu all’interno del Dipartimento di Medicina Clinica Sanità Pubblica Scienze della Vita e dell’Ambiente (MESVA) diretto dal Prof. Macchiarelli. Senza tali persone la suddetta ricerca sarebbe stata impossibile”.

Lo studio delle interazioni tra terapia della malattia parodontale ed efficacia dei farmaci antipertensivi verrà presentato dal Dott. Pietropaoli durante il 105° congresso internazionale della AAP il prossimo Novembre a Chicago.

Pubblicato in Varie

LETTOMANOPPELLO (PE)  – La Maiella è famosa nella storia industriale italiana per la presenza di miniere per l'estrazione della pietra, utilizzata per la creazione di splendide opere d'arte da parte di maestri scalpellini. Una grande scuola degli scalpellini della Maiella sopravvive ancora oggi a Lettomanoppello, sul cui territorio ci sono alcune cave estrattive, la maggior parte delle quali appartengono ormai al patrimonio storico dell'archeologia industriale.

A tal proposito, nel pomeriggio di domenica 31 marzo 2019, si è svolta presso il Centro Informazioni del Parco Nazionale della Maiella in Largo Assunta a Lettomanoppello, la commemorazione a 150 anni dalla tragedia, della morte per un incidente, avvenuto il 1 aprile 1869, di tre giovani operaie lettesi Rosa, Brigida e Filomena che lavoravano sotto la Miniera di Santa Liberata e contestualmente si è parlato anche  della riscoperta e della valorizzazione ai fini storico - turistici delle miniere della Maiella con la creazione di percorsi esperenziali "ad hoc".

L’evento, patrocinato dal Comune di Lettomanoppello, dalla locale Pro Loco Tholos e  dal Gruppo Ricerca Archeologica Industriale Maiella (Graim), moderato dal Vice Sindaco e Assessore alla Cultura di Lettomanoppello  Simone D’Alfonso, ha esordito con i saluti istituzionali del Sindaco, il dott. Giuseppe Esposito,seguiti dagli interventi: della Prof. Daniela D’Alimonte, dirigente scolastico che ha interessato i presenti con un discorso sulle “Storie di donne e di lavoro” che é stato particolarmente apprezzato; della Dott.ssa Sandra Di Felice su “Donne lettesi in miniera: la tragedia di Santa Liberata nel 150esimo anniversario”; del Sindaco di Roccamorice, il Dott. Alessandro D’Ascanio che ha fatto un approfondimento su “Le miniere della Maiella una storia industriale italiana"; del Dott. Dino Di Cecco dell’Associazione Graim che ha analizzato la “Valorizzazione e le prospettive future dei siti minerari” con la proiezione anche di un docu - film;  le conclusioni invece sono state affidate al Sen. Luciano D’Alfonso che oltre al Masterplan sul Parco Didattico del Lavino ha parlato della possibilità di creare dei percorsi turistico - esperenziali che coinvolgano le antiche miniere di Lettomanoppello.

Pubblicato in Cronaca

L’AQUILA - L’esperimento COSINUS che si occupa della ricerca della materia oscura diventa realtà. Tutti i membri del team si riuniscono per la prima volta ed iniziano la progettazione dell’apparato strumentale necessario all’avvio delle ricerche.

Il meeting parte oggi ai Laboratori Nazionali del Gran Sasso dell’INFN e si concluderà il 3 aprile al Gran Sasso Science Institute (GSSI).

COSINUS sta rendendo possibile lo sviluppo di un rivelatore criogenico che opererà a temperature dell’ordine del milli-kelvin e che mira alla rivelazione diretta della materia oscura, utilizzando lo ioduro di sodio (NaI) come materiale di interazione.

“È una soddisfazione incredibile sapere che possiamo dare il via alla realizzazione dell’esperimento COSINUS. Presto sarà posta la prima ‘pietra’. Sta per iniziare un viaggio lungo ed entusiasmante”, ha commentato Karoline Schäffner, responsabile dell’esperimento.

Dalle osservazioni astrofisiche sappiamo che la materia oscura è molto abbondante nel nostro Universo, ben cinque volte più abbondante della materia ordinaria. Tuttavia, ad oggi, nonostante gli importanti passi in avanti compiuti dalle ricerche, non siamo ancora riusciti ad osservarla in modo diretto, perciò questo punto chiave della fisica contemporanea rimane ancora aperto. La tecnologia di COSINUS permetterà di approfondire queste ricerche. L’esperimento coinvolge numerosi istituti: oltre ai Laboratori Nazionali del Gran Sasso (LNGS) dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) ed al GSSI, partecipano il Max-Planck-Institut für Physik, il Technische Universität Wien, l’Università di Milano Bicocca, l’azienda cinese SICCAS e l’Institute of High Energy Physics (HEPHY) di Vienna.

Lo scopo di questo primo incontro è la presentazione del progetto al comitato scientifico dei LNGS, cosa che avverrà il I aprile. Il 2 aprile sempre ai LNGS si terranno dei piccoli gruppi di lavoro per raccogliere le idee e passare dal Conceptual Design Report (CDR), già sottomesso alla revisione della commissione scientifica, al Technical Design Report (TDR), con la relativa divisione dei compiti e delle responsabilità tra i vari membri di COSINUS, al fine di verificare la fattibilità delle proposte iniziali.

Il 3 aprile, al GSSI (Main Lecture Hall, Viale Francesco Crispi, 7), avrà luogo il meeting generale in cui ognuno presenterà i risultati ed i progressi del proprio lavoro. Inoltre, lo stesso giorno, Carlos Frenk, noto astrofisico, celebre per le sue simulazioni sulla formazione delle strutture che popolano l’Universo, terrà una lezione aperta.  

 

Pubblicato in Eventi

Le più lette

05 Maggio 2017 12:58:09

Terremoto L'Aquila: governo richiede soldi a familiari vittime

in Politica
L'AQUILA - Il premier Paolo Gentiloni rivuole i soldi per i morti del terremoto…
11 Marzo 2019 12:07:03

Una legge per risarcire i familiari delle vittime dei terremoti 2009 e 2016

in Cronaca
ROMA - Una proposta di legge che intende dare finalmente una risposta a tutte le famiglie…
24 Gennaio 2017 17:39:49

L'Aquila: caduta elicottero, proclamato giorno di lutto cittadino nel giorno dei funerali delle 6 vittime

in Cronaca
L'AQUILA: - “Esprimo, a nome dell’intera Municipalità aquilana, un incredulo dolore per…
10 Maggio 2016 09:57:18

L'Aquila: Giro d'Italia, venerdì 13 maggio scuole chiuse in città

in Cronaca
L'AQUILA: - di Cristina Parente - Come anticipato dalla Polizia Municipale, nel…
11 Agosto 2016 16:09:17

L'Aquila: i sotterranei del Castello si aprono per uno spettacolo ispirato ai racconti di Edgar Allan Poe

in Eventi
L'AQUILA: - Per I Cantieri dell’Immaginario, in via del tutto eccezionale, grazie al…
A sinistra la Basilica di Santa Maria Paganica all'Aquila dopo sisma 2009, a destra la chiesa di Sant'Agostino ad Amatrice
24 Agosto 2016 13:28:24

Terremoto Centro Italia: ecco il vero legame tra Accumoli, Amatrice e L'Aquila in una notte di dolore

in Cronaca
L'AQUILA: - di Cristina Parente - Quante volte è capitato ad ognuno di noi di essere…
right_3_1
right_0_1

Iscriviti alla nostra newsletter

Multimedia

CookiesAccept

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo