http://www.rl1.it
http://www.rl1.it
Articoli filtrati per data: Febbraio 2018 - Radio L'Aquila 1

CHIETI - Nella giornata odierna, a causa della perturbazioni meteorologiche, si sono verificate problematiche di circolazione soprattutto nelle aree montane della regione.

In particolare in quella del teramano dove si sono registrate temperature rigidissime che hanno creato diversi problemi alla circolazione dei bus TUA, soprattutto nelle prime ore della mattinata.

In particolare, nella fascia tra le ore 5:00 e le ore 8:00, non è stato possibile effettuare 17 corse, la maggior parte delle quali per avarie ai mezzi indotte dalle temperature eccezionalmente basse e, in 2 casi, a causa di lievi incidenti provocati dalle strade ghiacciate.

A titolo d’esempio, si cita la corsa Nerito-Teramo delle ore 7:00 che si è dovuta fermare prima di Montorio a causa del bocco del sistema pneumatico.

Ulteriori problematiche si sono registrate in provincia di Chieti, nella fascia tra le ore 5:40 e 8:45, ed hanno riguardato le corse da e per Guardiagrele.

Per quanto riguarda i servizi ferroviari della Divisione Ferroviaria di TUA/Sangritana, alcune soppressioni di treni si sono rese necessarie per l’attuazione del piano neve disposto da Rete Ferroviaria Italiana.

TUA Spa, compatibilmente con le eccezionali condizioni meteorologiche, ha assicurato il maggior numero di servizi possibile. Ciononostante ha dovuto registrare non poche difficoltà in aree dove le temperature hanno raggiunto i -20 °C con conseguente soppressione o interruzione di servizi che sono stati causa di disagi per la clientela per i quali TUA si scusa.

Pubblicato in Cronaca

L’AQUILA: - Massima priorità all’azione politica necessaria per arrivare in tempi brevi all’attesa ordinanza contenente le modalità applicative della nuova legge per i Comuni del “doppio cratere”, quelli che hanno subìto sia il terremoto del 2009 che quelli del 2016-2017.

A prometterlo Antonio Martino, candidato del centrodestra alla Camera nel collegio uninominale L’Aquila, in un incontro con il sindaco di Montereale, Massimiliano Giorgi, capofila tra le fasce tricolori per quanto riguarda la definizione della complessa e delicata normativa, e altri primi cittadini del territorio.

“Sappiamo che lo scorso decreto fiscale ha fissato il criterio del cosiddetto danno prevalente, in sintesi si applica la procedura attuale o quella precedente a seconda di quale sisma abbia danneggiato di più l’immobile - ricorda Martino - Oggi c’è stato un incontro a Roma, ma ora bisogna accelerare sul varo di una norma di dettaglio per capire bene che cosa fare e come intervenire, rimandata ormai da troppo tempo, lasciando i sindaci con le mani legate”.

Secondo il candidato, “i primi cittadini avevano fatto delle precise richieste per portare avanti in fretta la doppia ricostruzione nei loro borghi e salvarli, così, dalla minaccia dello spopolamento, ma i governi di centrosinistra si sono mossi troppo lentamente su una vicenda che riguarda Campotosto, Capitignano e Montereale, oltre a tre amministrazioni teramane”.

“Dal 5 marzo si volta pagina, a guidare il Paese ci sarà il centrodestra e sarà mia premura impegnare il nuovo governo a schiacciare sull’acceleratore per avere al più presto la norma e sbloccare i finanziamenti e i cantieri”, assicura.

Intanto, nei giorni scorsi Martino ha incontrato all’Aquila 50 amministratori dell’area aquilana, tra cui 12 sindaci provenienti dall’Alto Aterno, dalla Valle Subequana, dalla Piana di Navelli e della Piana delle Rocche.

All’incontro c’erano anche i candidati alla Camera della lista proporzionale nel collegio L’Aquila-Teramo, Paola Pelino e Guido Liris, oltre al consigliere provinciale Vincenzo Calvisi.

“Il rapporto con gli amministratori locali è fondamentale per chi, come me, è candidato in rappresentanza del territorio - ha affermato Martino - Nel territorio aquilano ci sono ancora molte criticità legate alla ricostruzione, tra le principali penso sia necessario prevedere norme derogatorie al Codice degli appalti per snellire le procedure della ricostruzione pubblica e garantire il flusso delle risorse nel tempo”.

“Il modo di operare a cui si ispirano il centrodestra e Forza Italia è quello dell’efficacia mostrata dal Governo Berlusconi e dalla Protezione Civile con a capo Guido Bertolaso all’indomani del terremoto 2009 che colpì L’Aquila - conclude - Voglio essere, pertanto, un interlocutore stabile con il governo centrale per tutto ciò che interessa i processi di ricostruzione, in stretto raccordo con i sindaci”.

Pubblicato in Politica

L’AQUILA - Sarà Guido Bertolaso a chiudere la campagna elettorale di Forza Italia all’Aquila per le prossime elezioni politiche del 4 marzo.

Lo annuncia Guido Liris, candidato di Forza Italia al numero 2 nella lista proporzionale per la Camera nel collegio L’Aquila-Teramo.

L’evento è previsto venerdì prossimo, 2 marzo, a partire dalle ore 19 presso il centro sportivo Arcobaleno, sulla via Mausonia.

“Come sottosegretario di Stato, capo dipartimento della Protezione civile e commissario per l’emergenza terremoto dell’Aquila del 2009, Bertolaso è stato uno degli uomini decisivi della storia contemporanea di questa città”, afferma Liris.

“Sottoposto ad accuse che si sono rivelate infondate e uscito assolto e riabilitato dai processi che lo hanno visto chiamato in causa - prosegue - oggi è stato inviato dal livello nazionale del partito a testimonianza di vicinanza a questo territorio e ai suoi candidati, un segnale di cui ringrazio Forza Italia, a partire dal presidente Silvio Berlusconi”.

Con Liris e Bertolaso all’incontro saranno presenti anche il candidato del centrodestra al collegio uninominale aquilano per la Camera, Antonio Martino, e dirigenti, amministratori e militanti di Forza Italia.

Pubblicato in Politica
Mercoledì, 28 Febbraio 2018 17:09

Marques: "Non baciate i bimbi sulla bocca"

L'AQUILA - I dentini dei più piccoli sono particolarmente suscettibili nei confronti delle infezioni, perché non hanno la forza di combattere a dovere batteri e virus. Ecco perché non bisognerebbe mai baciare i bambini in bocca, soprattutto prima che siano spuntati tutti i dentini da latte: il rischio è quello di trasmettergli proprio un batterio nocivo. E' l'opinione di Richard Marques, dentista dello studio Wimpole Street Dental di Londra.

Dal calciatore David Beckham alla star del football americano Tom Brady, sono molte le celebrità che ostentano anche sui social la loro abitudine a baciare i figli sulla bocca. E negli anni il dibattito non si placa: fa bene o fa male alla loro salute fisica e mentale? Ora, lo specialista interpellato dall'Independent spiega perché danni medici potrebbero esserci, soprattutto per il benessere dei denti dei più piccoli: "Hanno un tipo di smalto e di dentina diverso rispetto agli adulti, più sottile e meno resistente agli attacchi esterni. Il contatto con la saliva di un adulto può sempre aumentare il rischio di trasferimento di microrganismi potenzialmente nocivi", spiega l'esperto.

Stesso discorso, dunque, sul fatto di poter o meno dividere piatti, bicchieri e posate con i bambini: è sconsigliabile farlo, ammonisce il dentista, per lo stesso identico motivo. Il consiglio, comunque, è di far visitare regolarmente il piccolo, anche dall'età di 6 mesi, quando spuntano i primi dentini, da uno specialista. Al raggiungimento dei 2-3 anni questo deve avvenire ogni 6 mesi per tenere d'occhio lo sviluppo della dentatura e la comparsa di carie, conclude Marques. (www.adkromos.com)
Pubblicato in Varie

L'AQUILA: - “Mi rendo conto che è molto difficile parlare senza dire qualcosa di  troppo e comprendo che il nervosismo di Aurelio Melaragni sia legato alla fine dell'incasso delle legittime, e ricche, prebende di cui godeva quando ricopriva il ruolo di direttore della Gran Sasso Acqua. Sono, però, necessarie alcune puntualizzazioni”.

Lo dichiara in una nota il sindaco dell'Aquila, Pierluigi Biondi, in relazione alla nota diffusa dall'ex direttore tecnico dell'azienda che gestisce il ciclo idrico integrato nel capoluogo ed è stazione appaltante dei lavori di realizzazione dei nuovi sottoservizi.

“Potrebbe ricordare, per esempio, l'ex direttore, come siano stati realizzati i sottoservizi nelle zone più agevoli della città, senza  affrontare i problemi che oggi si stanno riscontrando in corso d'opera  – dichiara il sindaco – Nonostante ciò, ancora non viene chiarito  quali siano le responsabilità e gli eventuali risarcimenti legati ai danni che il tunnel avrebbe provocato alla torre civica di Palazzo  Margherita e in diversi edifici del Corso stretto. Altro scotto che oggi si sta pagando è quello legato al mancato accordo stipulato con i  gestori dei servizi, per cui sono necessarie opere aggiuntive per venire incontro alle esigenze delle aziende. Nessuno, infine, si è  preoccupato di individuare un piano di gestione della più importante opera pubblica del post sisma una volta che questa verrà terminata”.

“È curioso – conclude Biondi – che parli di presupponenza e arroganza chi, in piena campagna elettorale, ha autorizzato una transazione lampo per delle riserve sui lavori richieste dall'azienda appaltatrice. La vera arroganza è quella di chi fa parte di una casta  di potere che fatica ad accettare il cambiamento, testimoniato da persone perbene e competenti come il presidente della Gran Sasso  Acqua, Fabrizio Ajraldi”.

Pubblicato in Cronaca

L'AQUILA: - Domani giovedì 1° marzo i candidati alle elezioni politiche, rispettivamente alla Camera e al Senato, Stefania Pezzopane e Massimo Cialente, interverranno alle 17.30 alla Sala Ance di Viale De Gasperi all’Aquila all’iniziativa “Diamo voce al territorio”, con gli altri candidati Lorenza Panei e Luciano D’Alfonso. Parteciperà l’attore Nduccio. Alle 20.30 Pezzopane e Cialente saranno a Montereale al ristorante Panthanis a Piè di Colle, in una iniziativa pubblica assieme al vicepresidente della Regione Giovanni Lolli e al consigliere regionale Pierpaolo Pietrucci.

Pubblicato in Politica

L'AQUILA: - Eni sostiene L'Aquila Rugby Club. L'azienda è main sponsor per il campionato 2017-2018 del club neroverde, in un sodalizio giunto alla quarta stagione sportiva consecutiva. Come nella passata stagione, a convincere l'azienda è stato il progetto FormiAmo il futuro, quest'anno nella sua versione 2.0. L'iniziativa è stata presentata stamane nel corso di una conferenza stampa all'Aquila, alla quale hanno partecipato la Rettrice dell'Università degli Studi dell'Aquila, Paola Inverardi, il direttore generale dell'Ateneo, Pietro Di Benedetto, l'assessore comunale allo Sport, Alessandro Piccinini, il presidente del club Fulvio Angelini, il medico sociale del club e responsabile scientifico del progetto, Federica Aielli e la squadra neroverde.

L'Aquila ha la sua vocazione nell'università e L'Aquila Rugby è un simbolo della città – ha sottolineato la Rettrice Inverardi – crediamo fermamente che lo sport sia un importante veicolo di integrazione e di ingresso dei più giovani alla vita”.

I miei ringraziamenti vanno a Eni – ha aggiunto Angelini – un'azienda di livello planetario, che ha voluto costruire insieme a noi un rapporto basato non su un mero sostegno finanziario calcolato in base a ritorni commerciali, ma un progetto e un investimento di natura professionale e soprattutto sociale. Ringrazio Marco Molina e Federica Aielli che hanno voluto e ideato FormiAmo il Futuro, insieme a Mauro Zaffiri”. Ed è proprio a quest'ultimo che è dedicato il logo sul petto della nuova maglia, attraverso il proverbiale “baffo” dell'ex presidente neroverde. La maglia è stata disegnata dal grafico aquilano Andrea Papa.

Con FormiAmo il Futuro 2.0 Eni punta sul tessuto sociale più promettente del territorio aquilano, andando a sostenere i giovani atleti nella loro crescita professionale, e ponendo al centro dell'attenzione sia il percorso sportivo che quello culturale e sociale, per una crescita complessiva della vita, e dunque dell'intera comunità.Il progetto riprende la normativa europea su chi pratica sport attivamente a tutti i livelli, e vuole tutelare la “doppia carriera” dell'atleta, dai punti di vista professionale e sportivo.

Nel concreto, sono tre gli assi portanti: la consapevolezza e il percorso dell'atleta, che "dall'asilo alla laurea" viene stimolato allo sviluppo della doppia carriera, quella formativa/professionale e quella sportiva; la centralità del ruolo dell'atleta all'interno del club, con l'inserimento progressivo di giovani nel management della società; la formazione continua e differenziata degli atleti dal punto di vista tecnico, che possa permettere un costante interscambio formativo, fino ad arrivare a formare figure professionali anche dal punto di vista tecnico. L'inserimento di giovani (atleti e non) nella società è una delle maggiori novità di quest'anno, come dimostra anche la presenza di due atleti della squadra neroverde nel consiglio d'amministrazione del club. Uno degli obiettivi è infatti avviare una ristrutturazione societaria che tenga conto dell'inserimento di nuove, giovani e competenti figure all'interno del club, offrendo un nuovo percorso formativo anche ad alcune figure già presenti nella società. Nell'ambito di FormiAmo il futuro 2.0 sono due gli accordi stipulati da L'Aquila Rugby Club, con altrettanti soggetti istituzionali: il Comune dell'Aquila e l'Università degli Studi. In tal senso, dal settembre 2016 è attiva una convenzione con il dipartimento di Scienze Cliniche Applicate e Biotecnologiche dell'Ateneo aquilano, per lo svolgimento di attività di tirocinio e di orientamento per studenti iscritti al corso di laurea in fisioterapia. E' del 24 gennaio scorso, inoltre, l'approvazione di un accordo quadro tra Università e club, che promuove la realizzazione di attività per progetti comuni di sostegno alla doppia carriera universitaria e agonistica, di ricerca, innovazione e sperimentazione.

I risultati ottenuti nel corso del primo anno di FormiAmo il futuro hanno spinto Eni a sostenere una versione evoluta del progetto. Risultati già presentati alla stampa e alla comunità aquilana la scorsa primavera: la maggior parte degli atleti del club neroverde, infatti, frequentano l'Università o ancora le scuole superiori. Sia nel caso degli iscritti all'Ateneo aquilano che dei più giovani in età scolastica, sono brillanti i risultati ottenuti, in termini di costanza negli studi e voti. Grazie a Eni, L'Aquila Rugby Club vuol continuare a garantire ai ragazzi un "futuro consapevole" basato sull'istruzione e sulla formazione continua dell'individuo, prima ancora che dell'atleta. Formare nuove generazioni nei valori dello sport ed in particolare del rugby è un modo anche per portare all'evoluzione della società sportiva, verso una visione più dinamica ed orientata al futuro.

Pubblicato in Politica
Mercoledì, 28 Febbraio 2018 16:28

Elezioni 2018, la scheda è riciclabile

L'AQUILA - Scheda elettorale cartacea contro voto elettronico. Gli italiani non hanno dubbi: una votazione con scheda elettorale cartacea é più semplice (48%) e sicura (42%). Per non parlare del minor impatto ambientale: sono oltre 66 milioni le schede stampate in carta copiativa riciclabile che, dopo 5 anni dalla consultazione, potranno tornare a nuova vita grazie al ciclo del riciclo. A tracciare il quadro è un’indagine Astra Ricerche commissionata da Comieco, il Consorzio nazionale per il recupero e il riciclo degli imballaggi a base cellulosica, in vista delle prossime elezioni che vedranno oltre 51 milioni di italiani entrare in contatto con un pezzo di carta: la scheda elettorale.

In particolare, secondo la ricerca sono proprio i Millennials (25-34 anni), la prima generazione digitale o 2.0, a dubitare della sospetta vulnerabilità del voto elettronico, spesso percepito come attaccabile e manipolabile dall’esterno, e rivendicare la segretezza (per il 47%) e l’affidabilità (per il 42%) determinate dalle schede elettorali cartacee.

Quanto all'aspetto ambientale, l'Istituto Poligrafico dello Stato richiede l’utilizzo di schede elettorali in carta copiativa riciclabile della grammatura di 90 gr al metro quadrato. Per il prossimo 4 marzo, saranno oltre 66 milioni le schede elettorali stampate (sulla base del corpo elettorale di oltre 51 milioni di italiani estratto dal Ministero degli Interni) che solo nel 2023, per legge dopo 5 anni dalla consultazione, potranno tornare a nuova vita grazie al ciclo del riciclo.

L’appuntamento alle urne, quindi, è anche un'occasione per indagare il livello di conoscenza degli italiani sull'importanza del recupero di carta e cartone. Dall’indagine Astra Ricerche emerge infatti ancora una scarsa consapevolezza degli italiani nei confronti del ciclo del riciclo di carta e cartone. Quasi il 60% degli intervistati crede ancora che carta e cartone, anche se raccolti in modo differenziato dai cittadini, non vengano riciclati perché mescolati agli altri rifiuti dopo la raccolta.

Non è tuttora chiaro agli italiani il vantaggio economico del riciclo di carta e cartone che si attesta solo al terzo posto tra i motivi del riciclo, dopo la salvaguardia delle foreste (per il 58%) e il limitare della dispersione di carta nell’ambiente. Solo il 25%, infine, è consapevole del valore occupazionale della filiera cartaria italiana e di quanto il riciclo produca green jobs.

"Proprio con l’obiettivo di sensibilizzare e informare gli italiani su quanto carta e cartone siano amici degli italiani e delle loro città, e per spiegarne il valore e le potenzialità grazie al riciclo, Comieco ha promosso la prima edizione del Mese del Riciclo di Carta e Cartone nel mese di marzo" commenta Carlo Montalbetti, direttore generale di Comieco.

"Oltre 50 eventi, lungo tutto lo stivale, tra iniziative culturali, appuntamenti educativi e incontri informativi, permetteranno agli italiani di conoscere dal vivo cosa accade a carta e cartone dopo essere stati correttamente gettati nel bidone della differenziata” conclude Montalbetti.

Il Mese del Riciclo di Carta e Cartone è organizzato da Comieco, in collaborazione con la Federazione della Filiera della carta e della grafica, Assocarta e Assografici, Fise Unicircular, Unirima e il patrocinio del ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare.

(www.adnkronos.com)

Pubblicato in Cronaca

L'AQUILA: - Il Presidente della provincia dell'Aquila Angelo Caruso ha firmato a Roma, alla presenza del Ministro per la Coesione Sociale e il Mezzogiorno Claudio De Vincenti, il Contratto Istituzionale di Sviluppo per il turismo montano e sostenibile, promosso dalla Regione Abruzzo attraverso il Vice Presidente Giovanni Lolli. L’iniziativa prevede di attivare un programma strategico ed integrato per lo sviluppo sostenibile ottimizzando strumenti e risorse per la realizzazione di investimenti pubblici e privati. La Priorità è migliorare la complementarità di azione e di spesa per lo sviluppo e la coesione territoriale, accelerare la spesa e indirizzarla sulle linee guida e le azioni definite nel “libro bianco per lo sviluppo sostenibile in Abruzzo”. Tra i contenuti strategici si annotano temi innovativi legati alla competitività, alle criticità di produzione e competitività connessi al ricambio generazionale, sicurezza, accessibilità, prevenzione e gestione di eventi e calamità naturali, L'attivazione del programma consentirà di far convergere più risorse su un unico programma strategico ed integrato per lo sviluppo sostenibile in Abruzzo, rafforzando la coerenza e complementarità degli investimenti, utilizzando modelli e strumenti innovativi per operare con flessibilità, estendibilità e replicabilità.
I territori interessati all'intervento saranno Comuni del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, i Comuni del Parco Nazionale Majella, i Comuni del Parco Regionale Sirente-Velino, i Comuni del Parco Nazionale Gran Sasso e Monti della Laga. Tutti i Comuni, anche se appartenenti ad ambiti diversi e a più Province, nel loro insieme costituiscono un’unica area geografica, per assicurare una continuità territoriale e possono essere ricompresi all’interno del perimetro massimo di estensione all’interno del quale verranno individuate più puntualmente le specifiche “zone obiettivo”. L’omogeneità dei diversi ambiti su cui si articola il CIS è individuata sulla base di elaborazioni programmatiche finalizzate allo sviluppo sostenibile delle stesse e che i contesti sui quali potranno essere articolate le azioni del medesimo CIS saranno assunti in coerenza con gli strumenti di pianificazione socio-economica elaborati o da elaborarsi in virtù delle peculiarità e delle esigenze del territorio di riferimento. I soggetti istituzionali che comporranno il tavolo operativo sono, la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero per la Coesione Territoriale e il Mezzogiorno, il Ministero dei Beni e delle attività Culturali e del Turismo, il Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare, il Ministero Infrastrutture e Trasporti, la Regione Abruzzo, un rappresentante per ciascuna delle Province Abruzzesi.
Il Presidente Angelo Caruso esprime piena soddisfazione per questa ulteriore possibilità di sviluppo concessa alle aree interne, al fine di sostenere tutti i distretti economici dei territori, per una provincia sempre più dinamica, competitiva e innovativa.

Pubblicato in Varie

L'AQUILA - "Parlare alla città solo tramite proclami è la scelta consapevole di chi predilige una campagna elettorale permanente all'amministrazione fattiva della città. Si va avanti ormai a suon di annunci nerboruti a cui non segue mai un atto amministrativo. L’ultimo è targato Carla Mannetti, assessore alla Viabilità, ma forse anche al Commercio e alla Pianificazione che, rilevando le oggettive problematiche dei commercianti del centro storico a causa della realizzazione dei sottoservizi, paventa modifiche in corso d’opera con perizie di varianti da fare previe verifiche giuridiche, necessarie, ma ancora non espletate. Le criticità di una così imponente opera pubblica erano prevedibili, e gli effetti sui residenti e sulle attività rappresentano certamente un freno all’auspicata ripresa del centro storico, ma l’atteggiamento ingessato e confuso dell'amministrazione sulle possibili soluzioni è ingiustificabile e dannoso" Lo affermano in una nota Paolo Romano (Passo Possibile) e Stefano Palumbo (Partito Democratico).

"Senza un atto formale che indichi soluzioni concrete al problema - aggiungono -, le dichiarazioni della Mannetti appaiono oggi come un alibi rispetto alle mancate risposte dell’amministrazione alle tante complesse problematiche che attengono il recupero del centro storico. La verità è che dopo quasi un anno è stato detto tutto e il suo contrario: che il centro storico tornerà ad essere il fulcro del commercio, che piazza duomo avrà di nuovo il suo mercato, ma anche che piazza d’armi avrà un mercato coperto e che si faranno i mercati rionali; che non si farà più la sede unica comunale all’autoparco perché gli uffici pubblici devono tornare in centro, anzi no, a Collemaggio, forse; che la realizzazione dei sottoservizi rappresenta un’opera strategica che ci invidiano in tutta Italia e che va velocizzata, ma che forse, a pensarci bene, conviene interromperla, anzi no, meglio modificarla con perizie di variante; che risolvere il problema dei parcheggi è una priorità, ma che purtroppo i sottoservizi bloccano possibili soluzioni alla necessità di parcheggi (ma davvero!)... ma a cosa dobbiamo dare retta?".

"E’ ora che il Sindaco e l’Assessora al tutto, adesso anche pianificazione e commercio, comincino a lavorare seriamente, pianificando i processi e dando loro le gambe amministrative per andare avanti. Mostrarsi come risolutori di problemi sui giornali senza poi produrre gli atti consequenziali - termina la nota - è un’offesa all’intelligenza degli aquilani e una mancanza di rispetto nei riguardi dei commercianti e della cittadinanza tutta, che vedono rinviare in continuazione le problematiche che li riguardano senza che nessuna decisione venga mai formalizzata".

 
Pubblicato in Politica
Pagina 1 di 58

Le più lette

05 Maggio 2017 12:58:09

Terremoto L'Aquila: governo richiede soldi a familiari vittime

in Politica
L'AQUILA - Il premier Paolo Gentiloni rivuole i soldi per i morti del terremoto…
24 Gennaio 2017 17:39:49

L'Aquila: caduta elicottero, proclamato giorno di lutto cittadino nel giorno dei funerali delle 6 vittime

in Cronaca
L'AQUILA: - “Esprimo, a nome dell’intera Municipalità aquilana, un incredulo dolore per…
10 Maggio 2016 09:57:18

L'Aquila: Giro d'Italia, venerdì 13 maggio scuole chiuse in città

in Cronaca
L'AQUILA: - di Cristina Parente - Come anticipato dalla Polizia Municipale, nel…
11 Agosto 2016 16:09:17

L'Aquila: i sotterranei del Castello si aprono per uno spettacolo ispirato ai racconti di Edgar Allan Poe

in Eventi
L'AQUILA: - Per I Cantieri dell’Immaginario, in via del tutto eccezionale, grazie al…
A sinistra la Basilica di Santa Maria Paganica all'Aquila dopo sisma 2009, a destra la chiesa di Sant'Agostino ad Amatrice
24 Agosto 2016 13:28:24

Terremoto Centro Italia: ecco il vero legame tra Accumoli, Amatrice e L'Aquila in una notte di dolore

in Cronaca
L'AQUILA: - di Cristina Parente - Quante volte è capitato ad ognuno di noi di essere…
24 Agosto 2016 16:34:20

L'Aquila: Perdonanza, annullati tutti gli eventi in segno di lutto. Resta forma ridotta del Corteo Storico e apertura Porta Santa

in Cronaca
L'AQUILA: - La giunta comunale, anche sulla scorta del parere della Conferenza dei…

Iscriviti alla nostra newsletter

Multimedia

CookiesAccept

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
Find us on Facebook
Follow Us