http://www.rl1.it
http://www.rl1.it
Articoli filtrati per data: Ottobre 2018 - Radio L'Aquila 1

COLLARMELE (AQ) - 3 ottobre 2018 – Una modalità semplice e coinvolgente per accompagnare i gli studenti dell’ultimo anno delle superiori della Marsica nell’affascinante ma impegnativo percorso di ingresso del mondo del lavoro. È il senso del progetto “Giovani in un mondo diffuso”, nato da un’idea del consigliere comunale Sara D’Agostino, da tempo impegnata nel mondo del sindacato, del lavoro e dei giovani, e promosso dal Comune e dalla Consulta Giovani Collarmele.

Il progetto mira a favorire negli studenti delle superiori una conoscenza approfondita di cosa le aziende si attendono da loro una volta terminati gli studi, cosa richiedono in fase di selezione del personale, e come affrontare al meglio e con convinzione questo decisivo passaggio. Per fare questo, saranno coinvolti nel progetto i protagonisti dell’imprenditoria locale, il mondo del sindacato, le istituzioni e le agenzie del lavoro Manpower, Open Job Metis, Adecco, Gi Group, che durante l’anno scolastico incontreranno gli studenti nelle scuole che aderiranno al progetto, dove terranno lezioni e workshop.

La presentazione di “Giovani in un mondo diffuso” è in programma giovedì 11 ottobre 2018 alle 17.00 nella sala Eduardo De Filippo a Collarmele con un incontro al quale parteciperanno personalità di rilievo. Dopo i saluti introduttivi di Antonio Mostacci e Sara D’Agostino, rispettivamente sindaco e consigliere comunale di Collarmele, interverranno Sergio Galbiati, vice chairman di Lfoundry, Rocco Palombella, segretario nazionale Uilm, e Giovanni Lolli, presidente vicario della Regione Abruzzo. A seguire, i responsabili delle agenzie di lavoro Manpower, Open Job Metis, Adecco e Gi Group presenteranno l’offerta formativa che sarà sviluppata negli incontri nelle scuole nei prossimi mesi. Coordinerà il giornalista Piergiorgio Greco. All’incontro è prevista la partecipazione dei dirigenti scolastici e dei sindaci del territorio. Il progetto si concluderà a giugno con un convegno finale sempre a Collarmele nel corso del quale si effettuerà un resoconto su quello che è stato fatto durante l’anno e su quello che ancora si può migliorare.

“Si tratta – commenta Antonio Mostacci, sindaco di Collarmele – di un importante percorso di analisi e studio che parlerà agli studenti del mondo del lavoro e di quanto sia importante avere delle prospettive e delle competenze giuste. Ringrazio il referente del progetto, Sara D'Agostino, e tutti coloro che hanno accolto l'invito a collaborare. È molto importante il confronto tra le varie anime del mondo del lavoro in un periodo di grande difficoltà dal punto di vista economico, sociale, ma anche della produzione normativa. Oggi, infatti, è complicato per un giovane approcciare il mondo del lavoro in maniera consapevole, e quindi è necessario che la scuola, il sistema datoriale, il sindacato e la politica forniscano strumenti per aiutarli”.

Pubblicato in Politica

L’AQUILA - Torna ‘Abruzzo dal Vivo’, la rassegna voluta e sostenuta la scorsa estate dalla Regione Abruzzo per rivitalizzare il tessuto sociale dei 23 comuni del cratere sismico abruzzese 2016-2017. E lo fa in uno scenario davvero particolare: quello natalizio.

“L’idea – spiega meglio in proposito Luciano Monticelli, consigliere Delegato alla Cultura della Regione Abruzzo – è quella di riproporre una formula che nei mesi estivi ha riscosso molto successo, consentendo anche a piccoli borghi quasi dimenticati di tornare a vivere grazie ai moltissimi turisti accorsi per godere degli spettacoli. Proprio da questa considerazione è maturata la volontà di fare altrettanto in un periodo in cui l’Abruzzo può contare anche sul turismo invernale, oltre che godere delle suggestioni tipiche di questo particolare periodo dell’anno”.

Gli appuntamenti della seconda edizione di ‘Abruzzo dal Vivo Winter’, infatti, si snoderanno, questa volta dalla metà di dicembre 2018 alla metà di gennaio 2019. Ad arricchire gli spettacoli, dunque, l’atmosfera del periodo natalizio con tutto ciò che essa sa portarsi dietro.

“Il progetto – continua Francesco Di Filippo, direttore del Dipartimento Turismo, Cultura e Paesaggio della Regione Abruzzo –, che prende vita grazie al finanziamento del MiBAC per realizzare spettacoli dal vivo e grandi eventi nei centri colpiti dal sisma, ci permetterà nuovamente di assolvere a una duplice funzione: da una parte quella di essere sostegno per i soggetti culturali, animando nuovamente un circolo virtuoso di esperienze professionali, dall’altro quella di contribuire al rilancio di un cratere che fa fatica a decollare”.

“Sono certo – conclude il Delegato regionale alla Cultura – che il periodo natalizio scelto per dare vita a questa seconda edizione è il più giusto per la realizzazione di tale idea. Ciò che è accaduto nei mesi scorsi, con un coinvolgimento senza precedenti, ci dimostra che la formula può essere ripetuta e che il nostro territorio è ben lieto di accogliere progetti di tal genere. Ancora una volta pertanto torniamo a lavorare per dar spazio alla potenza della cultura come strumento di aggregazione e di crescita”.     

Pubblicato in Politica

L’AQUILA - Il Presidente del Consiglio regionale d’Abruzzo Giuseppe Di Pangrazio, a seguito di approfondimenti tecnici effettuati con il Servizio Legislativo del Consiglio regionale, in merito ai termini rimozione delle cause di ineleggibilità alla carica di consigliere regionale, ai sensi della legge regionale n.51/2004, comunica quanto segue:

  1. Il comma 4 dell’articolo 2 della l.r. 51/2004, come di recente modificato, dispone che, in caso di scioglimento anticipato del Consiglio regionale, le cause di ineleggibilità  non hanno effetto se le funzioni esercitate, la carica o l'ufficio ricoperto, sono cessati, nelle forme prescritte, entro 45 giorni dalla data di pubblicazione del decreto di scioglimento. In tale ipotesi quindi le cause di ineleggibilità relative alla elezione del Consiglio regionale dell’Abruzzo devono essere rimosse entro il termine perentorio del 6 ottobre 2018 (45 giorni decorrenti dal 22 agosto 2018, data di pubblicazione del decreto di scioglimento del Consiglio regionale).
  2. Con particolare riferimento alla posizione dei Sindaci e dei Presidenti delle province, in riferimento alla efficacia delle dimissioni e al fine della rimozione delle cause di ineleggibilità, la sentenza della Corte costituzionale n.46 del 1969, adottata con riguardo alla fattispecie analoga di ineleggibilità prevista per l’elezione del Parlamento, articolo 7 del Testo Unico n.361/1957, ha chiarito che “La ratio delle ineleggibilità è soddisfatta a sufficienza con le semplici dimissioni accompagnate da una effettiva astensione del dimissionario ad ogni ulteriore atto di ufficio…”. La norma regionale, comma 4 articolo 2 della l.r. n.51/2004, come di recente modificata,  si ispira correttamente a tali principi.
  3.  In definitiva, secondo l’ordinamento regionale vigente, la rimozione delle cause di ineleggibilità deve aver luogo entro il termine perentorio del 6 ottobre 2018, fermo restando, ad ogni modo, che la domanda di dimissioni o aspettativa sia accompagnata dalla cessazione delle funzioni con l’effettiva astensione da ogni atto inerente l’ufficio rivestito. Ciò implica per i Sindaci dei Comuni della Regione Abruzzo con popolazione superiore ai 5 mila abitanti, nonché per i Presidenti e gli Assessori delle Province, la contestuale effettiva astensione dal compimento delle relativa attività istituzionale derivante dalla carica ricoperta. Al contrario, l’esercizio delle funzioni successivamente alle dimissioni o la revoca delle stesse, nel termine dei 20 giorni, comporterà l’ineleggibilità alla carica di Consigliere regionale.
Pubblicato in Politica

L'AQUILA - I Carabinieri della Stazione di Magliano dei Marsi unitamente ai Carabinieri Forestali della Stazione di Avezzano, al termine di un’attività di indagine specificamente disposta al fine di reprimere i reati contro il patrimonio, hanno identificato e deferito in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria, poiché ritenuti responsabili di ricettazione e furto in abitazione, 3 cittadini originari del Marocco, domiciliati in Avezzano, uno dei quali già gravato di precedenti specifici. 

L’attività d’indagine ha permesso di ricostruire le modalità con le quali i tre individui si sono resi responsabili della sottrazioni di numerosi oggetti, anche di valore, asportati in più circostanze all’interno di un’abitazione privata sita in Massa d’Albe. I Reparti Arma, a seguito della denuncia sporta dal proprietario della villetta oggetto delle ignote incursioni, grazie all’ausilio tecnico fornito da personale della Stazione Carabinieri Forestali di Avezzano, hanno proceduto all’identificazione dei cittadini stranieri, eseguendo delle perquisizioni domiciliari in Avezzano, al termine delle quali sono stati rinvenuti alcuni soprammobili in argento e rame, oggetto dell’originaria denuncia di furto, nonché di dipinti di pregio, utensileria da lavoro e suppellettili varie asportate in data successiva a quella della denuncia, per un valore complessivo di circa 20 mila euro.

Pubblicato in Cronaca
Mercoledì, 03 Ottobre 2018 10:25

Benzina e diesel, prezzi ancora su

L'AQUILA - Continuano ad aumentare i prezzi consigliati dei carburanti alla pompa, sulla scia delle quotazioni dei prodotti raffinati in Mediterraneo. Stando alla consueta rilevazione di Staffetta Quotidiana, questa mattina Eni ha aumentato di un centesimo al litro i prezzi consigliati di benzina e gasolio e di due centesimi quelli del Gpl.

Queste sono le medie dei prezzi praticati comunicati dai gestori all'Osservatorio prezzi del ministero dello Sviluppo economico ed elaborati dalla Staffetta, rilevati alle 8 di ieri mattina su circa 14mila impianti: benzina self service a 1,652 euro/litro (+3 millesimi, pompe bianche 1,626), diesel a 1,531 euro/litro (+5, pompe bianche 1,510). Benzina servito a 1,767 euro/litro (+2, pompe bianche 1,668), diesel a 1,651 euro/litro (+3, pompe bianche 1,551). Gpl a 0,673 euro/litro (+2, pompe bianche 0,659), metano a 0,973 euro/kg (+5, pompe bianche 0,961).

Pubblicato in Economia
Mercoledì, 03 Ottobre 2018 10:19

La battaglia delle tariffe telefoniche

L'AQUILA - Battaglia all’ultima promozione per le compagnie telefoniche. Secondo un’indagine di SosTariffe.it l’ingresso nel mercato di Iliad e Ho. ha costretto gli altri operatori a proporre pacchetti più generosi di GB, SMS e minuti. Ora però, dopo la reazione dei primi mesi, sembra che la situazione si stia via via assestandosi. "I canoni mensili restano grossomodo stabili, ma si registrano lievi rincari (dello 0,2%). La contesa tra i provider - spiegano gli esperti - si combatte soprattutto sul fronte della connettività, e i GB inclusi nei pacchetti sono lievitati (circa il 31,2%). Appena cresciuti anche i minuti inclusi nei pacchetti (3,5%)".

Secondo il portale nel periodo tra luglio e fine settembre le strategie delle compagnie hanno puntato a conquistare clienti offrendo " più minuti (circa il 4,1% in più) ma soprattutto molto più internet (18,1%, di traffico dati in più)", mentre gli sms tradizionali sembrano essere in declino (30,4% in meno). Rispetto al mese di luglio "le principali tariffe ricaricabili TIM, Vodafone, Wind, H3G e Iliad (quelle cioè che includono telefonate, internet e sms gratis, comprese le winback) sono, nel complesso - rilevano gli esperti -, lievemente più convenienti, con prezzi appena più bassi (circa il 3,3% in meno) ma il merito - si sottolinea - è soprattutto delle tariffe winback".

Dall'indagine di SosTariffe.it emerge che il costo medio mensile è calato dai 9,11 euro in media di luglio a 8,8 euro di oggi. "Si tratta di tariffe - si spiega - che consentono di parlare a lungo (i minuti compresi sono cresciuti da 2232 a 2323 in media) e navigare senza preoccupazioni, con il 18,1% di GB in più, lievitati da una media di 19 mensili ai 23 attuali". Tutt'altra storia per gli sms: quelli offerti, a luglio 2018 erano ancora 1190, mentre ora sono scesi a 828 al mese. Se insieme ai provider tradizionali, avvertono infine gli esperti, si tiene conto anche degli operatori virtuali i prezzi risultano lievemente in rialzo.

Pubblicato in Varie
Mercoledì, 03 Ottobre 2018 10:14

Diabete mellito: prevenzione elemento strategico

L’AQUILA - Il Rotary Club L’Aquila, impegnato nella promozione della salute a livello locale e a livello internazionale, organizza per Domenica 7 Ottobre in Piazza Duomo dalle ore 10,00 alle ore 13,00  l’ottava Edizione del Service Sanitario "Dia-Rotary AQ", campagna di prevenzione e/o diagnosi precoce del diabete mellito tipo 2 e delle complicanze oculari e parodontali, affiancato quest’anno dal Service Cardio-Rotary organizzato dal Rotary Club L’Aquila-Gran Sasso d’Italia, in collaborazione con Rotaract, Inner Wheel e Associazione di volontariato ADAQ onlus.
Tutti i cittadini che si recheranno negli stand allestiti in piazza Duomo saranno monitorati gratuitamente da medici specialisti.

Le dimensioni del problema diabete

1 - 425 milioni di adulti nel mondo  soffrono di diabete (quasi il 9% della popolazione adulta), con oltre 1 milione di bambini e adolescenti affetti da diabete mellito tipo 1, e con 1 gravidanza su 6 complicata da diabete gestazionale. Le stime di previsione per il 2040 sono di  642 milioni nella popolazione adulta (oltre il 10%).

2 - In Italia sanno di essere affetti da diabete circa 4 milioni di persone, ma a questi va aggiunto 1 milione di persone che ne sono affette senza saperlo, per un totale di 5 milioni : circa 10 milioni sono le persone a rischio di sviluppare il diabete tra cui sicuramente 2 milioni svilupperanno la malattia  nei prossimi 5 anni se non faranno niente per evitarlo.

3 - Nel nostro territorio soffre di diabete circa l’8% della popolazione, con possibilità di sviluppare complicanze a carico di occhi, cuore, reni, nervi in caso di cattivo controllo  non solo dei valori glicemici, ma anche di altri parametri come peso corporeo, pressione arteriosa e grassi nel sangue.

4 - In tutte le fasce di età sta crescendo il fenomeno dell’obesità e in presenza di obesità il rischio di sviluppare il diabete è 10 volte più alto. Complessivamente circa il 45% delle persone di età superiore a 18 anni presenta sovrappeso o obesità, per non parlare dell’ecesso ponderale in età pediatrica per il quale l’Italia è seconda solo agli U.S.A.

Prevenire è meglio che curare: un corretto stile di vita è la conditio sine qua non per la prevenzione e il controllo del Diabete tipo 2, delle Dislipidemie e delle Complicanze Cardiovascolari nei pazienti con diabete.
All’iniziativa collabora il Comitato L’Aquila Croce Rossa Italiana.

Pubblicato in Eventi

L'AQUILA - Si ritiene oggi che, il calcolo della mortalità materna sia un importante indicatore delle prestazioni del sistema sanitario. Risulta infatti evidente che questa è più elevata dove peggiori siano le condizioni sociali, assistenziali e sanitarie. Tra India, Africa sub-sahariana e Niger si stima che circa 200.000 donne muoiano in gravidanza o al parto. Le altre 100.000 in tutti gli altri Paesi del mondo. In Europa partoriscono oltre 5 milioni di donne ogni anno e nel complesso ne muoiono da 500 a 1000 con una distribuzione molto significativa.

Interessante è notare come le cause di mortalità materna varino, anche in Europa, a seconda del Paese. Ad esempio, secondo gli indicatori europei dell’European Concerted Action on Mothers’ Mortality and Severe Morbidity (MOMS), risulta che, nei Paesi con più alta mortalità materna (esempio l’Ungheria, la Slovenia, la Romania e Lettonia, ma anche il Regno unito) la morte avviene soprattutto perché intervengono cause come le emorragie e le infezioni mentre nei Paesi con minore mortalità (esempio Italia, Austria e Danimarca) la morte è attribuibile a cause tipiche delle gravidanze patologiche, come la eclampsia.

Ciò vuol dire che nei Paesi come il nostro, dove la assistenza al parto ed alla gravidanza è di elevatissimo livello, le morti per accidenti “controllabili clinicamente”, come appunto emorragie e infezioni, sono state abbattute significativamente grazie all’ottimo personale sanitario in strutture adeguate.
 
L’Italia, ad esempio, nei dati ufficiali europei Euro-Peristat, fino all’ultimo Report, del 2010, vantava la più bassa mortalità materna al parto, intorno al 2 per 100.000. Questo a costo di una medicalizzazione a volte eccessiva e verosimilmente grazie anche ad un numero di parti cesarei molto elevato, certamente superiore alla media europea. Tale ipermedicalizzazione però produceva, alla fine, evidenti risultati positivi. E’ infatti sotto gli occhi di tutti, nelle cronache quotidiane, che il tentativo, a volte ideologico, di ridurre i parti cesarei in luogo di parti cosiddetti “naturali” ha prodotto un continuo bollettino di morti materne anche dove, il cesareo, eseguito in condizioni disperate all’ultimo momento, non è riuscito a salvare vite.
 
Purtroppo, sotto spinte spesso puramente dottrinali, ci si dimentica che, come dice il Poeta, il parto lasciato alla natura è rischioso “Nasce l'uomo a fatica, ed è rischio di morte il nascimento. Prova pena e tormento”. L’evento “nascita” come tutta la gravidanza, rappresentano momenti di altissima “fragilità” e si devono porre in atto tutti quei controlli, le direttive cliniche, igieniche, nutrizionali e sanitarie che debbono garantirne il miglior esito. (AGI)
Pubblicato in Varie
L'AQUILA - Oggi cielo poco nuvoloso durante l'intero arco della giornata. Possibilità di qualche locale addensamento nuvoloso senza fenomeni di rilievo associati.
VENTI: Deboli prevalentemente da Est.
TEMPERATURA: Massima prevista 24 gradi.

CAMPO IMPERATORE - Oggi cielo poco nuvoloso durante l'intero arco della giornata. Possibilità di qualche locale addensamento nuvoloso senza fenomeni di rilievo associati.
VENTI: Deboli prevalentemente da Est.
TEMPERATURA: Massima prevista 14 gradi.
 
CAMPO FELICE - Oggi cielo poco nuvoloso durante l'intero arco della giornata. Possibilità di qualche locale addensamento nuvoloso senza fenomeni di rilievo associati.
VENTI: Deboli prevalentemente da Est.
TEMPERATURA: Massima prevista 17 gradi.
Pubblicato in Varie

Tre studenti di informatica dell'Università di L'Aquila sono i vincitori della CINI Smart City University Challenge 2018. Sono tre studenti della Laurea Magistrale in Informatica: Davide Iacobelli, Federico Battista e Daniele Berardini. 

Pubblicato in Varie

Le più lette

05 Maggio 2017 12:58:09

Terremoto L'Aquila: governo richiede soldi a familiari vittime

in Politica
L'AQUILA - Il premier Paolo Gentiloni rivuole i soldi per i morti del terremoto…
11 Marzo 2019 12:07:03

Una legge per risarcire i familiari delle vittime dei terremoti 2009 e 2016

in Cronaca
ROMA - Una proposta di legge che intende dare finalmente una risposta a tutte le famiglie…
24 Gennaio 2017 17:39:49

L'Aquila: caduta elicottero, proclamato giorno di lutto cittadino nel giorno dei funerali delle 6 vittime

in Cronaca
L'AQUILA: - “Esprimo, a nome dell’intera Municipalità aquilana, un incredulo dolore per…
10 Maggio 2016 09:57:18

L'Aquila: Giro d'Italia, venerdì 13 maggio scuole chiuse in città

in Cronaca
L'AQUILA: - di Cristina Parente - Come anticipato dalla Polizia Municipale, nel…
11 Agosto 2016 16:09:17

L'Aquila: i sotterranei del Castello si aprono per uno spettacolo ispirato ai racconti di Edgar Allan Poe

in Eventi
L'AQUILA: - Per I Cantieri dell’Immaginario, in via del tutto eccezionale, grazie al…
A sinistra la Basilica di Santa Maria Paganica all'Aquila dopo sisma 2009, a destra la chiesa di Sant'Agostino ad Amatrice
24 Agosto 2016 13:28:24

Terremoto Centro Italia: ecco il vero legame tra Accumoli, Amatrice e L'Aquila in una notte di dolore

in Cronaca
L'AQUILA: - di Cristina Parente - Quante volte è capitato ad ognuno di noi di essere…
right_3_1
right_0_1

Iscriviti alla nostra newsletter

Multimedia

CookiesAccept

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
Find us on Facebook
Follow Us