http://www.rl1.it
http://www.rl1.it
Articoli filtrati per data: Ottobre 2018 - Radio L'Aquila 1

L'AQUILA - “Il successo del primo incontro ieri sera a L’Aquila con una delle più straordinarie ricchezze del panorama abruzzese, ossia le associazioni culturali, durante la presentazione dei punti programmatici sulla Cultura agli enti afferenti al Fondo Unico Spettacolo, testimonia ancora una volta che l’Abruzzo pretende attenzione e risposte concrete a fronte di esigenze reali”. Così Fabrizio Di Stefano a margine della prima tappa del percorso “il Progetto, la Condivisione - Le 305 tappe”, ieri sera a L’Aquila.

“Con un calendario serrato, che coinvolge associazioni, categorie, comuni, proseguirò - dichiara Di Stefano - nella presentazione del programma per condividerne le proposte e recepire ulteriori indicazioni dal mondo abruzzese nelle sue varie articolazioni. Resto convinto, e i fatti sembrano darmi ragione, che i cittadini, gli elettori e le elettrici abruzzesi non siano appassionati alla quotidiana riproposizione dei nomi degli aspiranti candidati Presidente, bensì siano interessati a conoscere come il nuovo Abruzzo sarà governato”.

“Ovviamente occorre innanzitutto vincere, ma dal 10 febbraio - sottolinea in conclusione Fabrizio Di Stefano - sarà necessario governare senza perdere un minuto, per risollevare l’Abruzzo dal baratro in cui è stato buttato dalla giunta uscente. Con questa consapevolezza, resta il mio impegno e la determinazione a guidare l’Abruzzo da Presidente contribuendo a creare una coalizione ampia e coesa formata da partiti e liste civiche”.

Pubblicato in Politica

L'AQUILA - La quinta Commissione consiliare, Garanzia e Controllo, presieduta dalla consigliera Elisabetta Vicini, si riunirà domani, venerdì 5 ottobre, alle ore 11, nella sala “Eude Cicerone” della sede comunale di Villa Gioia.

L’ordine del giorno della seduta prevede la discussione sulla perizia di variante per la realizzazione della rete dei sottoservizi presentata dalla società Gran Sasso Acqua.

Pubblicato in Cronaca

L'AQUILA - Sul sito istituzionale della Provincia dell'Aquila, www.provincia.laquila.info, è stato pubblicato un avviso al fine di individuare un'area ove costruire la nuova sede unica dei licei annessi al Convitto "D. Cotugno" di L'Aquila. Le manifestazioni di interesse, siano essi enti pubblici o soggetti privati, dovranno pervenire non oltre il 2 novembre 2018.

Per costruire la nuova sede unica, ad uso dei licei Classico, Scienze Umane, Linguistico e Musicale sono state assegnate dal Miur risorse pari a circa 13 milioni di euro, con delibera Cipe n. 110/2017, pubblicata in Gazzetta Ufficiale n. 125 del 31.5.2018. L'avviso pubblico prevede che la superficie dell'area, stanti i parametri elaborati dal Settore Edilizia Scolastica della Provincia, debba essere di almeno 4 ettari, ubicata nel comune di L'Aquila, di prossimità della zona urbana (entro il raggio di 4 km dal centro storico) e dotata di buona accessibilità.

"Per l'individuazione dell'area ove costruire la sede dei licei del Convitto "D.Cotugno" la nostra interlocuzione è avviata già da diversi mesi con il Comune dell'Aquila quale principale ente di pianificazione - afferma il Presidente della Provincia Angelo Caruso - ed oggi con questa procedura intendiamo dare concreto impulso all'obiettivo di individuare un sito idoneo. Si tratta di una riposta fondamentale da dare alla città dell'Aquila ed al suo comprensorio".

"Nei vari incontri istituzionali che si sono svolti in questi mesi - afferma il consigliere provinciale con delega edilizia scolastica Vincenzo Calvisi - si sono fatte varie ipotesi di aree pubbliche, quali ad esempio la zona di Villa Gioia dove la Provincia ha alcune proprietà, la ex Caserma Rossi e l'area di Collemaggio di proprietà della Asl. Nel bando si indica la preferenza per aree pubbliche, ma se queste non fossero disponibili si andranno eventualmente a valutare anche siti privati. Una volta individuata l'area per la nuova sede si potrà partire con l'appalto di progettazione. In una prospettiva di lungo periodo tra 4/5 anni - conclude Vincenzo Calvisi - quando i licei del Convitto "D.Cotugno" avranno il nuovo edificio, l'attuale sede di Pettino, ove sono in corso lavori di miglioramento sismico con durata stimata in 12/15 mesi, potrà essere a disposizione di altri istituiti che ne avranno necessità, quale polo rotativo in relazione ai futuri interventi di ricostruzione scuole".

Pubblicato in Politica

L'AQUILA - "Finisce questa mattina all'alba, il triste ed indecente spettacolo cui noi aquilani siamo stati costretti ad assistere nei giorni scorsi. Biondi, con un post su Facebook, fa sapere che non sarà lui il candidato del centrodestra alla Presidenza della Regione". Inizia così una nota dei consiglieri comunali dell'Aquila Stefano AlbanoStefano Palumbo, rispettivamente segretario e capogruppo del Partito Democratico.

"Ciò che desta incredulità e sconforto, però, è il tentativo di Biondi di cambiare la realtà a suo piacimento, provando, addirittura, ad uscire da eroe da una situazione che lo ha visto invece triste protagonista in queste settimane. Vorrebbe far credere alla città - rilevano gli esponenti dem - che è stato lui a rinunciare all’opportunità offertagli dalla Meloni, dopo aver fatto carte false e più di un pellegrinaggio fra i tavoli nazionali e regionali, fra Pescara e Roma, per mendicare la candidatura a Presidente di Regione, mettendo in imbarazzo il suo stesso partito e ricevendo veti di ogni tipo da tutto il centrodestra locale, regionale e nazionale. Vorrebbe far credere che lo avrebbe fatto per amore della città dimenticando però che era stato lui stesso a dichiarare di essere prontissimo a lasciare la carica di sindaco se solo il partito glielo avesse chiesto.

Ci vuole una bella faccia tosta per continuare ad offendere l’intelligenza degli aquilani dopo che gli stessi hanno potuto constatare quanto false e propagandistiche fossero le promesse fatte in campagna elettorale, tutte, dopo 1 anno e mezzo di governo, completamente disattese".

"La realtà - sostengono - è un’altra: Biondi ha provato a cogliere la palla al balzo per salire di grado e prestigio e contestualmente cavarsi d'impiccio, di fronte alle difficoltà incontrate finora, ai limiti manifesti della sua Giunta e agli insanabili conflitti in seno alla maggioranza in Consiglio comunale. Prima il ruolo di coordinatore provinciale di Fratelli d'Italia, poi il tentativo di farsi nominare commissario per la ricostruzione, quindi lo spregiudicato tentativo di ottenere la candidatura alla Presidenza della Regione, sono dimostrazioni del tentativo di Biondi di trovare una via d’uscita da una situazione che, dopo l'elezione di D'Eramo in Parlamento e le candidature che metà della sua Giunta prepara per il Consiglio regionale, rischia di lasciarlo con il cerino in mano e come capro espiatorio di un fallimento annunciato. Come l'8 settembre del '43 Biondi e la sua squadra erano pronti alla fuga, ma al contrario di Vittorio Emanuele III verso lidi, anzi ruoli politici, più gratificanti".

"Sono state settimane - accusano Albano e Palumbo - in cui gli interessi della città sono stati subordinati a questo spregiudicato disegno, con un sindaco distratto, al punto di sollecitare il Governo sul decreto Genova, possibile veicolo di misure per la città, solo quando il provvedimento era già uscito dal consiglio dei ministri, eppure attentissimo a non pestare i piedi al Governo, e soprattutto alla Lega di Salvini, intento a saccheggiare la città dei 18 milioni di euro ad essa assegnati dal precedente governo attraverso il bando per la riqualificazione delle periferie.

Dopo giorni di distrazioni e sogni di gloria, uno striscione allo stadio riporta Biondi con i piedi per terra. Alla guida delle città siede oggi un sindaco azzoppato dalla sua stessa ambizione, insofferente a ricoprire un ruolo che non lo gratifica abbastanza, un sindaco che non gode più della fiducia della sua maggioranza e della stima degli aquilani. L’Aquila è una città che mai come adesso va amministrata con amore incondizionato e non come trampolino di lancio per le carriere politiche degli amministratori di turno. L’Aquila non merita di essere trattata così. L’Aquila merita molto di più".

 
Pubblicato in Politica

L'AQUILA - Mercoledì 10 ottobre alle ore 11.00, presso il centro sportivo “Centi Colella” nella sala Trofei “Angelo Autore” sede del Museo Rugby Club Vecchio Cuore Nero Verde, si terrà la conferenza stampa di presentazione dell’iniziativa del RCVCNV.

In concomitanza del campionato Nazionale di Serie A, per l’intera stagione, il Museo consegnerà il proprio boccale, “Ju Mejo” al migliore giocatore dell’incontro.

Nella stessa occasione saranno premiati, Alberto D’Alessandro (estremo) anni 50/60 e Giulio Morelli, (¾ centro) della squadra vincitrice del quinto scudetto 1994. Morelli, inoltre, si sta distinguendo nell’atletica leggera vincendo, nella categoria over 55, medaglie doro nei 100 e 200 metri piani.

Pubblicato in Sport

SULMONA - Via libera al nuovo Piano del Parco Nazionale della Majella dopo l’approvazione da parte del consiglio direttivo dell’Ente.

A seguito dell’odierna approvazione da parte del Consiglio Direttivo del Parco Nazionale della Majella, il nuovo Piano sarà prontamente inviato al Ministero dell’Ambiente per il proprio parere di competenza, all’esito del quale lo strumento sarà depositato per quaranta giorni presso le sedi dei Comuni e della Regione per la necessaria fase di pubblicazione. Entro i successivi quaranta giorni chiunque potrà presentare osservazioni scritte, sulle quali l’ente Parco esprimerà il proprio parere entro trenta giorni.

I capisaldi del Piano sono “Competenza giuridica, profonda conoscenza dei processi ecologici, visione territoriale e aderenza alle normative internazionali”. Il nuovo Piano è lo strumento di pianificazione principale del territorio della Majella, custodito da un Parco di 750 kmq, con 39 territori comunali e con uno dei più grandi patrimoni di biodiversità d’Europa.

“Troppe cose, da allora, sono cambiate - interviene il Presidente Vicario e Sindaco di Palena Claudio D’Emilio - nella gestione del territorio e soprattutto negli strumenti della conservazione della natura: i cambiamenti ecologici in corso, la presenza di specie faunistiche di pregio, come il lupo, il camoscio appenninico e l’orso marsicano, che nel frattempo hanno raggiunto consistenze e distribuzioni importanti, la presenza delle attività antropiche sui territori, le modalità di gestione agro-zootecniche, gli sport sostenibili, le nuove visioni gestionali nel frattempo maturate anche sulla scorta delle Direttive europee, dei progetti Life, dei piani di gestione dei Siti di interesse comunitario. Cambiamenti della natura e delle istituzioni che non potevano essere contemplati vent’anni fa e che necessitavano di aggiornamento e di una nuova fase operativa. Con il vecchio Piano, per altro, affetto da eccessiva sintesi ed indeterminatezza, mancando il Regolamento del Parco, che doveva disciplinare le attività consentite, l’ampia discrezionalità dirigenziale aveva prodotto una mole inconcepibile di ricorsi e di questioni giudiziarie, oltre che un magma informe di burocrazia che appesantiva il rapporto tra Ente e territorio”.

Il componente del CD e della Giunta Esecutiva Licio Di Biase sottolinea che “con questo Piano si compie un passo in avanti verso l’attenuazione della rigidità gestionale del territorio che, nel passato, ha creato molto malessere e proteste nelle popolazioni. Infatti, col precedente Piano approvato nel 2009, dopo una prima stesura avvenuta nel 1998, si era determinata una inconcepibile rigidità repressiva che determinò un distacco sempre più polemico tra Parco e popolazioni. E poi il distacco verso i problemi della proliferazione incontrollata dei cinghiali - nulla a che fare con il Piano - ma che sta a testimoniare l’eccessivo distacco del parco dal territorio e la comparsa di tanti drammatici problemi che ora iniziano una nuova stagione di attenzioni”.

“L’approvazione del nuovo piano del Parco da parte del Consiglio Direttivo - dichiara il componente del CD e Sindaco di Gamberale Maurizio Bucci - segue quanto già all’unanimità deliberato dalla Comunità del Parco a dimostrazione che il lavoro svolto è stato un processo condiviso da tutti”.

La stesura del lavoro ha fatto seguito ad una dettagliata attività ricognitiva di vaglio e comparazione della pianificazione adottata nella maggior parte dei parchi nazionali italiani e ad un confronto con gli strumenti di gestione di alcuni rappresentativi parchi europei di Cat. II IUCN. La cognizione degli elementi di criticità apparsi nelle diverse realtà o prassi applicative ha costituito la base per una piattaforma di miglioramento ed ammodernamento; sono stati acquisiti spunti utili dall’evoluzione anche internazionale dei principi cardine dell’environmental law e dei suoi strumenti applicativi. In questi termini, per esempio, vanno evidenziate l’ingerenza propositiva del Parco nella gestione dei rifiuti, nella tutela dall’inquinamento luminoso o anche l’azione attiva nella eliminazione dei detrattori ambientali. Sono stati, inoltre, aggiunti importanti passaggi e chiarimenti relativi alle misure previste per la gestione e la conservazione delle c.d. “aree Natura 2000”, ad indirizzi di gestione attiva della wilderness, alle misure di prevenzione degli incidenti stradali causati dalla fauna selvatica, alla semplificazione procedimentale recata per le attività edilizie nelle zone D, all’impiego di meccanismi pattizi tra Parco e stakeholder, ed altri strumenti che corrispondono un adeguamento strutturale che tende ad avvicinare la realtà italiana all’esperienza europea.

La proposta di nuova zonizzazione, per altro, è stata interessata da importanti cambiamenti (vedasi allegata tabella riassuntiva di raffronto): la zona A di riserva integrale aumenta di oltre 5.700 ettari (passando da 35.940,76 Ha a 41.664,27 Ha), mentre la zona D di promozione economica e sociale resta di fatto immutata se si considera che alcune porzioni di territorio (ora individuate con la ‘Zona D3 - Altre zone di piani urbanistici comunali’) ricomprendono aree già previste dai PRG comunali (come parchi pubblici attrezzati, verde pubblico di rispetto, verde pubblico attrezzato, parchi tecnologici e deputativi, parchi archeologici, zone di rispetto e salvaguardia ambientale, aree di risanamento idrogeologico, aree cimiteriali, parchi fluviali, ecc.) che non contribuiscono in alcun modo al processo di utilizzo edificatorio dei suoli, oltre che semplicemente ed esclusivamente per la dovuta effettuazione di alcuni adeguamenti cartografici al fine di ristabilire la necessaria e indispensabile coerenza fra Piano del Parco e strumenti locali. Un nuovo piano che, pertanto, oltre ad essere in linea con i principi generali di contenimento dell’uso del suolo, declina nella pianificazione di settore un procedimento di pensiero ed una nuova visione, che negli ultimi mesi ha visto impegnati uffici, tecnici e comunità del Parco, nel disegno di una nuova pianificazione, connessa ad una rinnovata elaborazione tecnico-giuridica, al passo con i tempi e con le norme della conservazione e, al tempo stesso, coerente con la storia del territorio.

I dettagli ed ogni ulteriore informazione sul nuovo Piano del Parco verranno illustrati in una dedicata Conferenza Stampa fissata per il prossimo venerdì 12 ottobre alle ore 10:30, a Pescara, presso la Sede Regionale di Via Passolanciano.

Pubblicato in Cronaca

L'AQUILA - La sede Abruzzo del Centro Sperimentale di Cinematografia forma giovani talenti per il cinema, l’audiovisivo e il reportage e si apre al confronto con chi questo mestiere lo ha già intrapreso a partire dal territorio di appartenenza, in questo caso L’Aquila e l’Abruzzo. A ottobre nella rassegna Spazio L’Aquila tre filmmaker di professione dialogheranno con gli aspiranti filmmaker del corso di Reportage, ma anche con il pubblico, per riflettere sulle difficoltà e sugli stimoli di un particolare mestiere che è anche una scelta di vita.

Il 9 ottobre, ore 17.00 nell’aula di proiezione della sede Abruzzo Centro Sperimentale Cinematografia, il primo incontro con Luca Cococcetta e la proiezione di Radici - L’Aquila di Cemento (2010), un documentario sulla sostenibilità nel post terremoto dell'Aquila, e del cortometraggio Distanza (2013).

Il 16 ottobre, ore 17.00, si svolgerà l’incontro con Emiliano Dante e la proiezione di Appennino (2017), un diario cinematografico che inizia dalla lenta ricostruzione dell’Aquila, la città del regista, e prosegue con i terremoti nell'Appennino centrale del 2016-17.

Ultimo appuntamento con Francesco Paolucci il 23 ottobre, ore 17.00, e il suo I Migrati, disabili e stranieri, due fragilità che si incontrano e il racconto diventa un piccolo miracolo narrativo tra Marche, Abruzzo, Molise e Lazio.

Gli incontri verranno introdotti e moderati dal direttore didattico della sede Abruzzo Daniele Segre e dal docente di storia del cinema Piercesare Stagni, l’organizzazione e la comunicazione è a cura di Rinaldo Aristotile, Alessia Moretti, Francesca Ruzza.

Spazio L’Aquila si propone per i prossimi anni di ampliarlo sguardo all’intera regione Abruzzo che, oggi più che mai, è ricca di presenze, talenti e professionisti nei vari settori della filiera dell’audiovisivo. In questa occasione di incontro verrà privilegiata l’analisi di opere legate al racconto della realtà, con produzioni attente a cogliere le espressioni e i mutamenti del territorio locale e nazionale con uno sguardo, dal reportage al cinema di finzione.

L’ingresso agli incontri e alle proiezioni è libero, per informazioni e prenotazione posti si può scrivere a laquila@fondazionecsc.it o chiamare il numero 0862380924.

Pubblicato in Arte e Cultura
L'AQUILA - Oggi nubi sparse con addensamenti nuvolosi senza fenomeni di rilievo associati.
VENTI: Moderati prevalentemente da Est (raffiche 25km/h).
TEMPERATURA: Massima prevista 20 gradi.

CAMPO IMPERATORE - Oggi nubi sparse con addensamenti nuvolosi senza fenomeni di rilievo associati.
VENTI: Moderati prevalentemente da Est (raffiche 30km/h).
TEMPERATURA: Massima prevista 12 gradi.
 
CAMPO FELICE - Oggi cielo molto nuvoloso con possibilità localmente di qualche sporadica pioggia.
VENTI: Moderati prevalentemente da Est (raffiche 25km/h).
TEMPERATURA: Massima prevista 12 gradi.
Pubblicato in Varie
Giovedì, 04 Ottobre 2018 09:49

Benzina e diesel, giro di rialzi

L'AQUILA - Questa mattina tutti i maggiori marchi rispondono al rialzo deciso ieri da Eni. Stando alla consueta rilevazione di Staffetta Quotidiana, questa mattina IP e Italiana Petroli (ex TotalErg) hanno aumentato di un centesimo al litro i prezzi consigliati di benzina e gasolio e di due cent quelli del Gpl. Per Q8 e Tamoil registriamo un rialzo di un centesimo al litro su benzina e Gpl e di due cent sul diesel.

Le medie dei prezzi praticati comunicati dai gestori all'Osservatorio prezzi del ministero dello Sviluppo economico ed elaborati dalla Staffetta, rilevati alle 8 di ieri mattina su circa 14mila impianti, indicano: benzina self service a 1,656 euro/litro (+4 millesimi, pompe bianche 1,631), diesel a 1,536 euro/litro (+5, pompe bianche 1,515). Benzina servito a 1,769 euro/litro (+2, pompe bianche 1,673), diesel a 1,655 euro/litro (+4, pompe bianche 1,556). Gpl a 0,674 euro/litro (+1, pompe bianche 0,661), metano a 0,976 euro/kg (+3, pompe bianche 0,964). (ADNKRONOS)

Pubblicato in Economia
Giovedì, 04 Ottobre 2018 09:48

Android va aggiornato

L'AQUILA - Aggiornamento da fare per Android. Google ha rilasciato due livelli di patch progressivi di sicurezza che risolvono svariate vulnerabilità nel sistema operativo. L'aggiornamento, fanno sapere gli esperti del CERT - Computer Emergency Response Team, risolve un totale di 26 vulnerabilità in diversi componenti di sistema di cui 8 critiche e altre 17 di gravità elevata. Le più gravi di queste "potrebbero consentire l’esecuzione di codice da remoto con privilegi elevati sul dispositivo".

Al momento non si ha notizia che siano attivamente sfruttate in attacchi reali. Ad ogni modo, si consiglia agli utenti dei dispositivi Android di attendere il rilascio degli aggiornamenti da parte dei rispettivi produttori o operatori di telefonia mobile.

Pubblicato in Varie

Le più lette

05 Maggio 2017 12:58:09

Terremoto L'Aquila: governo richiede soldi a familiari vittime

in Politica
L'AQUILA - Il premier Paolo Gentiloni rivuole i soldi per i morti del terremoto…
11 Marzo 2019 12:07:03

Una legge per risarcire i familiari delle vittime dei terremoti 2009 e 2016

in Cronaca
ROMA - Una proposta di legge che intende dare finalmente una risposta a tutte le famiglie…
24 Gennaio 2017 17:39:49

L'Aquila: caduta elicottero, proclamato giorno di lutto cittadino nel giorno dei funerali delle 6 vittime

in Cronaca
L'AQUILA: - “Esprimo, a nome dell’intera Municipalità aquilana, un incredulo dolore per…
10 Maggio 2016 09:57:18

L'Aquila: Giro d'Italia, venerdì 13 maggio scuole chiuse in città

in Cronaca
L'AQUILA: - di Cristina Parente - Come anticipato dalla Polizia Municipale, nel…
11 Agosto 2016 16:09:17

L'Aquila: i sotterranei del Castello si aprono per uno spettacolo ispirato ai racconti di Edgar Allan Poe

in Eventi
L'AQUILA: - Per I Cantieri dell’Immaginario, in via del tutto eccezionale, grazie al…
A sinistra la Basilica di Santa Maria Paganica all'Aquila dopo sisma 2009, a destra la chiesa di Sant'Agostino ad Amatrice
24 Agosto 2016 13:28:24

Terremoto Centro Italia: ecco il vero legame tra Accumoli, Amatrice e L'Aquila in una notte di dolore

in Cronaca
L'AQUILA: - di Cristina Parente - Quante volte è capitato ad ognuno di noi di essere…
right_3_1
right_0_1

Iscriviti alla nostra newsletter

Multimedia

CookiesAccept

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
Find us on Facebook
Follow Us