http://www.rl1.it
http://www.rl1.it
Articoli filtrati per data: Ottobre 2018 - Radio L'Aquila 1

L'AQUILA - “Ormai sono così prevedibili da poterci sincronizzare l’orologio: immobili per una intera legislatura ma quando si avvicina la campagna elettorale dal Pd arrivano roboanti promesse di posti di lavoro, assunzioni dei precari e investimenti. Manca solo la promessa di una mountain-bike con cambio shimano alle prime 10 telefonate”. La dissacrante affermazione arriva da Sara Marcozzi, consigliere regionale e candidato alla presidenza di Regione Abruzzo per il M5S che commenta le nuove promesse elettorali dell’uscente governo regionale.

“L’Assessore Paolucci si ostina nella strada dello scellerato ricorso allo strumento del Project Financing benché sia chiaro, oramai anche alle pietre, quanto sia svantaggioso per le casse pubbliche e per la qualità dei servizi erogati. Inoltre, non tiene affatto conto di quanto previsto nel def appena varato dal Governo, in cui è scritto nero su bianco che 'Una recente ricognizione effettuata dal Ministero della Salute ha rilevato un rilevante fabbisogno di interventi infrastrutturali in materia di edilizia sanitaria (…) Presso il Ministero della Salute, entro marzo 2019, si prevede l’insediamento di una ‘cabina di regia’ con il compito di selezionare le priorità del Paese, a partire dalle zone a maggiore rischio sismico, per implementare un piano pluriennale degli investimenti da realizzarsi nei prossimi anni. Anche per questi motivi è prevista la collaborazione e compartecipazione agli investimenti di altri soggetti istituzionali pubblici'. Non si capisce, dunque, la fretta dell’assessore Paolucci di consegnare tutto nelle mani dei privati condannando la regione per i prossimi 30 anni a esborsi insostenibili” afferma Marcozzi.

E sulle assunzioni annunciate: “L’Assessore si ricorda oggi che negli ospedali manca personale o che ci sono centinaia di operatori sanitari precari al limite della schiavitù. Quando denunciavamo con forza queste situazioni in consiglio regionale dove si trovava? E’ tornata di colpo la memoria, forse dettata dalla propaganda pre-elettorale, che nel caso del PD si traduce in un bluff di promesse che non saranno mantenute. Del resto l’Abruzzo sta ancora aspettando i 100mila posti di lavori annunciati dal Presidente D’Alfonso nella scorsa campagna elettorale. Le grandi manovre annunciate da Paolucci” conclude Marcozzi “sono irrealizzabili e nocive. Questo lui lo sa benissimo. Quello che non sa è che i cittadini non cascano più in questi tranelli, perché di promesse non mantenute da lui, dalla sua maggioranza e dal suo partito, gli abruzzesi ne hanno le tasche piene…anzi vuote”.

Pubblicato in Politica

L'AQUILA - “Aveva dovuto lasciare questa terra, che amava e visitava non appena possibile, per motivi professionali e questo aggiunge un motivo di ulteriore dolore e sconforto per i familiari del povero Paolo Grego, scomparso in provincia di Modena a seguito di una tragedia legata a una sua grande passione, la bicicletta.

Ma amava anche il suo lavoro, dove era stimato e ben voluto dai colleghi per la professionalità e la competenza che aveva acquisito nei suoi studi all’Aquila, dove si era formato e laureato come biologo prima di trovare un impiego che valorizzasse le sue capacità.

Al papà Vincenzo, alla madre Giuliana, alla sorella Ester e alla famiglia Grego tutta giungano le più vive e sentite condoglianze personali e della municipalità aquilana”.

Lo afferma il sindaco dell'Aquila Pierluigi Biondi in una nota.

Pubblicato in Cronaca
CAPESTRANO (L'AQUILA) - Il cinema che conta sbarca nel Parco nazionale Gran Sasso Monti della Laga. Un meraviglioso Castello nel cuore di uno dei parchi più belli d’Italia come location, un attore famoso e la magia del cinema caratterizzano l’esperienza formativa cinematografica di rilievo nazionale che prenderà il via, domenica 7 ottobre, nel comune di Capestrano (L’Aquila), in uno dei luoghi più attraenti dell’area protetta.
 
Alla terza edizione della “Palestra attoriale con Elio Germano”, un percorso formativo di altissimo livello, parteciperanno, in una full immersion di una settimana, 36 attori e attrici impegnati ad “affinare le proprie tecniche recitative e mostrare il proprio talento davanti alla macchina da presa”. Il workshop vedrà come docente d’eccellenza il più volte vincitore del David di Donatello e del Nastro d'Argento, Elio Germano.
 
Sarà proprio il protagonista di “Il giovane favoloso” e di “Mio fratello è figlio unico” a dirigere il set cinematografico, con tanto di troupe e riprese professionali, allestito per l’occasione all’interno della storica struttura.
 
L’iniziativa nasce dalla collaborazione tra la società abruzzese Icta, rappresentata dal presidente, Germano del Conte,  avvocato abruzzese da anni impegnato nel settore culturale, e Giorgia Montebello, e l’associazione Artisti 7607, di Luca D’Ascanio e Cinzia Mascoli: a patrocinare l’evento il comune di Capestrano che con il sindaco, Antonio D’Alfonso, ha dimostrato “sensibilità tra le altre cose mettendo a disposizione i luoghi del Convento e del Castello, oltre che gli scenari fantastici di questo incantevole borgo”.
 
“Questo evento rappresenta un primo banco di prova in vista di iniziative future sempre nell'ambito della formazione, con l’obiettivo di attrarre turismo e risorse attraverso eventi cinematografici. Nello specifico, ci sono tutti gli elementi che rappresentano Icta: il territorio, la tradizione e poi c’è Capestrano, protagonista indiscusso con il suo Castello e il suo convento - ha spiegato Del Conte - . E’ stato fondamentale il patrocinio del Comune di Capestrano, in tal senso, ringraziamo il sindaco, D’Alfonso, per il grande aiuto che ci ha dato, mettendosi a disposizione completa per il bene del territorio”.
 
Dopo “Allenamento al provino”, quest’anno l’evento sarà dedicato ad “Allenamento sul set”, per il quale sarà allestito nello splendido scenario del castello un piccolo, ma vero set cinematografico, con troupe e riprese professionali. Agli aspiranti artisti che vorranno perfezionare la propria preparazione sarà data, dunque, la possibilità di approfondire i meccanismi di base della lavorazione di un film e di avvicinarsi a tutto ciò che si vive su un vero e proprio set.
 
Durante la settimana saranno inoltre realizzati dei clip sui momenti migliori dei partecipanti che verranno consegnati al termine dei lavori e potranno essere utilizzati in eventuali showreel.
 
I partecipanti alloggeranno nel Convento di San Giovanni di Capestrano, dove tra le altre cose potranno godere dei prodotti tipici abruzzesi. A tal proposito, un piccolo evento è già in programma per il 10 ottobre prossimo: nel rinomato agriturismo “Terra di Solina” gli aspiranti attori potranno godere dei prodotti del territorio, spaziando nel denominatore comune tra cucina e recitazione.
 
Icta è una società tutta al femminile nata dalla volontà di Mihaela Malinici, Luigia Oliva e la stessa Montebello “di promuovere la cultura, ed in particolare l'arte cinematografica, nel territorio abruzzese”. Il sodalizio basa la sua attività sull’organizzazione di  incontri ed eventi nel settore di cinema, teatro ed arte: in particolare, si propone di offrire assistenza e consulenza per produzioni cinematografiche o audiovisive, ma soprattutto di creare una scuola di formazione d'arte drammatica con sede in Abruzzo convenzionata con una delle migliori scuole a livello nazionale.
 
Icta è già intervenuta attivamente nella produzione di Parasitic Twin, film realizzato da Angelika Vision e girato in parte sul territorio abruzzese, in particolare nel fiume Tirino, e grazie alle riprese realizzate con la più alta tecnologia 5K e all'esperienza di Claudio Zamarion, regala al pubblico emozioni e sensazioni straordinarie. Il film ha iniziato il suo percorso nelle sale italiane ed è attivo sui mercati internazionali più importanti attraverso Cinema, Pay Tv, Free Tv, Svod e Vod.
Pubblicato in Arte e Cultura

L'AQUILA - "Dopo un'intera legislatura in cui il Presidente, Luciano D'Alfonso, non ha considerato affatto il ruolo dell'Idv ed ha disatteso gli impegni assunti, apprendo ora che il Nuovo corso del Centrosinistra è uguale al vecchio. Si è tenuto un importante incontro del centrosinistra In previsione delle prossime Elezioni regionali e l'Italia dei valori non è stata nemmeno invitata. Evidentemente, il centrosinistra puó fare a meno della Lista dell'Idv. Auguri". Lo ha dichiarato Il Segretario Regionale dell'Italia dei Valori, Lelio De Santis 

Pubblicato in Politica

L'AQUILA - Dal Messico all'Aquila. Arriveranno domani, sabato 6 ottobre, nello spazio sociale di CaseMatte, all'interno dell'ex ospedale psichiatrico dell'Aquila, i messicani Tajak Space Rock, per la Psychedelic Night di CaseMatte. Si esibiranno nel corso della serata, che prenderà il via alle ore 22 con gli aquilani I Temporali Climate Change.

In vista del nono compleanno dello spazio politico e sociale, 3e32 / CaseMatte organizza una serata di musica alternativa internazionale, in continuità con la promozione di una cultura inclusiva, solidale, interetnica e alternativa che gli attivisti e le attiviste costruiscono da tempo. Oltre alle iniziative politiche, infatti, a CaseMatte è presente una sala prove popolare, due sportelli settimanali gratuiti (di ascolto psicologico e di assistenza legale), un medialab aperto a persone, associazioni, collettivi; attività laboratoriali, corsi e iniziative culturali e musicali come quella del 6 ottobre. Lo spazio rappresenta inoltre da anni un presidio permanente dentro il parco di Collemaggio, totalmente e colpevolmente abbandonato dalle istituzioni di tutti i livelli.

Tajak è una band messicana formata da Alvaro (batteria), Carlos (chitarra, voci) e Coco (basso, voci). Il loro suono è caratterizzato dalla creazione di un'ipnosi in cui si può essere trasportati verso estremi opposti: da caos e distruzione verso la più profonda introspezione. Con il loro primo album Amsterdam 211, uscito gennaio 2017, i Tajak hanno creato un manifesto del loro vero significato, descrivendo la difficile realtà che li circonda attraverso gli occhi della band. Hanno suonato in alcuni festival ed eventi legati all'alternative rock. Dopo una tournée in Sudamerica ora la band è ancora una volta in Europa per presentare il nuovo lavoro Ciclos, uscito lo scorso 17 settembre per l'etichetta indipendente peruviana Buh Records.
 
Appuntamento a CaseMatte dalle ore 22.
Pubblicato in Eventi

L'AQUILA - "Quando la cattiveria, il livore, l’odio e l’invidia superano quelle che possono essere legittime considerazioni e valutazioni di parte nell’ambito di un dibattito squisitamente politico si scade nello squallore e nel pettegolezzo proprio come hanno fatto numerosi esponenti del centro sinistra e dell’opposizione in Consiglio comunale. Hanno offerto uno spettacolo spregevole agli aquilani, soprattutto perché alimentato proprio da chi ha accettato, in maniera supina e silenziosa, la sistematica e costante opera di spoliazione operata nel corso degli anni ai danni di questa città. Gli stessi che non hanno alzato un dito quando sono stati spostati importanti uffici a Pescara, o le sedi principali di importanti testate giornalistiche (Rai e Ansa) sono state delocalizzate nella città adriatica e, persino, quando è stata ridimensionata la sede Anas, i cui vertici operativi sono stati trasferiti dal capoluogo abruzzese in quello pugliese". Inizia così una dura presa di posizione dei capigruppo di maggioranza al consiglio comunale dell'Aquila Roberto Jr Silveri (Forza Italia), Daniele Ferella (Lega), Giorgio De Matteis (Fratelli d’Italia), Daniele D’Angelo (Benvenuto Presente), Roberto Santangelo (L’Aquila Futura) e Raffaele Daniele (Unione di Centro)

"Nessuno di loro - fanno notare - ha osato dire una parola nel momento in cui i vertici della direzione delle Opere pubbliche della Regione è stata dirottata a Pescara e, neanche, di fronte all’umiliazione che L’Aquila ha subìto nel riparto delle risorse del masterplan, che ha destinato centinaia di milioni sulla costa e lasciato poco più che qualche briciola su questo territorio. La possibilità di candidatura del Sindaco dell'Aquila a Presidente della Regione sarebbe stata funzionale a un progetto di riequilibrio dell’Abruzzo, che, dopo 40 anni, avrebbe riportato questa città e questa terra al centro del dibattito, valorizzando peculiarità e particolarità che la regione offre tanto nelle zone costiere tanto in quelle interne".

"Questa città - aggiungono i consiglieri - sta soffrendo e stenta a riprendersi anche perché non ci sono interventi strutturali adeguati a sostenere il percorso di crescita e ricostruzione che si sta faticosamente e tenacemente portando avanti. Lo sviluppo, oltre che alla sua posizione, è legato a infrastrutture che la collegano al resto d’Italia. Potremo riconsegnare alla collettività i palazzi più belli del mondo, potremo fare opere ed iniziative di altissimo livello come la Perdonanza di quest’anno ma senza un radicale intervento sulle infrastrutture, questa città sarà sempre in affanno rispetto alle aree costiere. Tutto questo non è stato compreso, è prevalsa la logica del rancore, dell’accanimento e in, alcuni casi, persino della calunnia. Ci chiediamo se l’agognato salvatore della patria del centrosinistra, Giovanni Legnini, si preoccuperebbe di riequilibrare, ad esempio, il sistema sanitario con quello chietino-pescarese".

"O la classe dirigente, tutta, comprende la necessità di compiere uno scatto in avanti, affrontando quali siano i reali problemi con cui occorre fare i conti per il futuro degli aquilani - termina la nota - o saremo destinati a rimanere la città di Sant’Agnese".

 

Pubblicato in Politica

CAGNANO AMITERNO (AQ) - Dalle lotte sindacali, alla questione sicurezza all’interno del cementificio di Cagnano Amiterno (L’Aquila), passando per la richiesta fatta al Governo di reintrodurre l’obbligatorietà del Documento unico di regolarità contributiva (Durc) Congruità nel cratere del sisma dell’Aquila e al rinnovo del gruppo dirigente della categoria sindacale.

Questi i temi al centro del quinto congresso provinciale Fillea Cgil L’Aquila, dal titolo “Fabbrica per fabbrica, cantiere per cantiere”, in programma per domani 6 ottobre 2018 nella sala mensa dell’Italsacci, all’interno del sito produttivo di Cagnano Aminterno.

“Il congresso della categoria più grande del sindacato nel territorio dove insiste il cantiere più grande d’Italia vuole essere l’occasione per ribadire l’impegno sindacale e la nostra attività per una ricostruzione regolare, trasparente e legale, ma soprattutto per affrontare tutti quei temi tanto attuali quanto delicati che riguardano i lavoratori edili, come per esempio la difesa del contratto nazionale di lavoro e il pensionamento anticipato, in quanto la quota cento esclude i dipendenti edili, essendo legata sia ai contributi sia agli anni di lavoro”, ha spiegato il segretario della Fillea Cgil della provincia dell’Aquila, Emanuele Verrocchi.

La scelta del sito di Cagnano per ospitare il quinto Congresso non è stata casuale: “Si tratta dell’ultimo cementificio abruzzese, unico sito produttivo rimasto nella regione, salvo grazie ad anni di battaglie sindacali, quindi simbolo del lavoro fatto dalla Fillea Cgil, che rappresenta appieno i valori della nostra sigla, tra cui il rispetto delle norme nei confronti dei lavoratori”, ha aggiunto Verrocchi.

Tra gli argomenti in scaletta anche la riconquista del Documento unico di regolarità contributiva (Durc) Congruità, per il cratere del sisma dell’Aquila, previsto solo per quello dei terremoti del 2016 e 2017. 

Tanti gli interventi previsti, a cui seguirà un dibattito tra tutti i partecipanti.

 

Il programma:

 

Ore 9 registrazione delle delegate e dei delegati; 

ore 9,30 apertura dei lavori del Congresso Fillea dell’Aquila, elezione della Presidenza e delle Commissioni (verifica poteri - politica - elettorale);

ore 9,40 relazione introduttiva di Emanuele Verrocchi (Segretario generale Fillea Cgil L’Aquila);

ore 10,15 interventi: Sandro Giovarruscio (direttore Inca Cgil Abruzzo); Silvio Amicucci (segretario generale Fillea Cgil Abruzzo); Umberto Trasatti (segretario generale Cgil L’Aquila); Valerio Smarrelli (Università di Bologna); Roberto Aloisio (Gran Sasso Science Institute);

ore 11,15 relazione commissione verifica poteri;

ore 11,20 dibattito;

ore 12,15 conclusioni di Graziano Gorla segretario Fillea Cgil nazionale;

ore 12,45 relazione commissione politica e commissione elettorale sessione di voto: emendamenti, documenti, ordine del giorno, delegati alle istanze superiori, elezione comitato direttivo, sindaci revisori e assemblea generale;

ore 13 chiusura lavori congressuali;

ore 13,15 convocazione assemblea generale della Fillea Cgil L’Aquila ed elezione del segretario generale;

ore 13,45 pranzo;

ore 14,30 presentazione del libro “La fabbrica che resiste di Riccardo Lolli (Textus Edizioni);

ore 15,30 visita guidata della fabbrica.

 

Pubblicato in Politica

L'AQUILA - Al via in tutta Italia la nona edizione di “Nonno Ascoltami! - L’Ospedale in piazza”, la Campagna di controlli gratuiti dell’udito, che promuove su tutto il territorio nazionale una nuova cultura della prevenzione e della salute dei cittadini.

La città de L’Aquila protagonista dell’edizione 2018: appuntamento domenica 7 ottobre, in piazza Duomo, dove dalle 10 alle 19, sarà possibile effettuare screening gratuiti dell’udito. La presentazione della tappa aquilana questa mattina, nella sede comunale di Palazzo Fibbioni, alla presenza dell’assessore alle Politiche sociali, Francesco Cristiano Bignotti e del presidente della onlus Nonno Ascoltami!, Valentina Faricelli.

“La città de L’Aquila ormai da anni si dimostra vicina a iniziative socio-sanitarie in favore dei cittadini - ha esordito Bignotti -. Per il centro storico cittadino inoltre, ospitare eventi di questa portata è un modo per ripopolare le piazze centrali della città, che tornano ad essere il fulcro della vita relazionale. Ottobre è il mese della prevenzione e della festa dei nonni: non a caso sosteniamo un’iniziativa come Nonno Ascoltami! che abbraccia entrambe queste tematiche. Mi auguro - conclude - una grande partecipazione da parte degli aquilani, soprattutto delle persone più anziane: per loro un’occasione irripetibile per fare prevenzione e controlli in maniera gratuita”.

In piazza Duomo ci sarà l’equipe medica dell’ospedale “Nuovo San Salvatore”, guidata dal dottor Gian Piero Di Marco, direttore del presidio ospedaliero Unità Operativa Semplice Dipartimentale di Otorinolaringoiatria.

“L’Aquila accoglie l’evento Nonno Ascoltami! sempre con grande affetto e partecipazione - ribadisce la presidente Faricelli -. Per questo mi preme ringraziare innanzitutto i volontari della Croce Rossa, che allestiranno le tende in piazza, offrendo supporto logistico e assistenza sanitaria.

A loro è affidata anche la parte dell’animazione per i più piccoli, i nipotini che accompagneranno i nonni, grazie al servizio di trucca-bimbi. Un grazie speciale all’associazione Ancescao (rappresentata in conferenza dal presidente Michelino Lucidi) che si occupa di promozione sociale nei centri per anziani e conta 4mila iscritti in Abruzzo. E domenica, sempre in piazza Duomo, ci sarà anche un altro grande evento di sanità, a cura del Rotary L’Aquila (presieduto da Rossella Iannarelli) e Rotary Gran Sasso, che metteranno a disposizione dei cittadini un team di polispecialisti per gli screening di prevenzione”.

All’incontro con i giornalisti è intervenuta anche Mariagrazia Toppi, presidente di Adac onlus (Associazione diabetici e amici per il cuore) e il partner tecnico che cura l’evento in città, Walter Valloreo, che festeggia oggi i suoi 36 anni di attività sulla piazza aquilana. “Sentire bene aumenta la qualità di vita delle persone, è un’esigenza sociale prima che sanitaria, per questo siamo orgogliosi di portare l’iniziativa Nonno Ascoltami! nella nostra piazza”.

L’edizione 2018 ha un testimonial d’eccezione: l’attore Lino Banfi, già promotore al fianco della Onlus “Nonno Ascoltami! - Udito Italia” dello slogan #avete afferrèto? pensato proprio per incoraggiare i più giovani a non trascurare l’udito.

L’evento, patrocinato dalla Presidenza del Consiglio, dal Ministero della Salute e realizzato con il supporto dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, è partito lo scorso 23 settembre da Pescara, per poi snodarsi su 6 domeniche (fino al 28 ottobre, dalle 10 alle 19) coinvolgendo gli ospedali di 33 città, con medici specialisti e tecnici dell’udito che per un’intera giornata saranno in piazza a disposizione dei cittadini.

I NUMERI DELL’EDIZIONE 2018

16 regioni, 33 città

50 ospedali

150 medici

300 audioprotesisti e audiometristi

15mila controlli effettuati nel 2017

1.000 volontari

13 partner tecnici

"L’ipoacusia è molto più diffusa di quanto si possa pensare - afferma Lino Banfi, sottolineando che lui stesso ha dovuto fronteggiare questo disturbo, provocatogli da un trauma dovuto al rumore di armi da fuoco durante le riprese di un film -. La prevenzione oggi è l’arma più efficace per affrontare in maniera tempestiva i problemi uditivi. Quando ho scoperto la mia ipoacusia, mi sono accorto di quanto questo senso sia fondamentale per la nostra salute e le nostre relazioni. Così, invito tutti a recarsi nelle piazze di “Nonno Ascoltami!” dove troverete ad accogliervi medici e personale specializzato".

Pubblicato in Varie

LANCIANO (CH) - “Nella loro lingua, il romanì, si chiama Samudaripen che letteralmente significa ‘tutti morti’. E’ lo sterminio che i popoli Rom e Sinti hanno subìto per mano della bestia nazifascista durante la seconda guerra mondiale. Mezzo milione di innocenti la cui vita è stata troncata a causa della folle ideologia hitleriana.

E questa mattina, a Lanciano, è stato inaugurato per la prima volta in Italia un monumento che ricorda il martirio di questa moltitudine sterminata di persone senza colpa. Un’iniziativa straordinaria che inorgoglisce l’Abruzzo e verso la quale ognuno di noi, nessuno escluso, ha il dovere, in primo luogo morale, di rendere omaggio”.

Leandro Bracco, Consigliere regionale dell’Abruzzo di Sinistra Italiana, commenta con queste parole ciò che nella giornata odierna sta accadendo a Lanciano, importante centro frentano che oggi 5 ottobre, nell’ambito delle culture Rom e Sinti, non può che essere considerata la città più importante a livello mondiale considerato il monumento che verrà inaugurato dentro il Parco delle Memorie.

“Settantacinque anni dopo la rivolta che le valse il conferimento della Medaglia d’Oro al Valore Militare – afferma il consigliere regionale – la città di Lanciano si rende protagonista assoluta di un gesto encomiabile che testimonia in maniera cristallina e limpida quanto essa sia sensibile e vicina verso coloro i quali, nella storia moltissime volte purtroppo delirante del mondo, hanno sofferto in maniera indicibile le follie provocate dall’uomo”.

“A causa della barbarie tedesca del nazionalsocialismo – prosegue Bracco – i popoli Rom e Sinti vissero una tragedia epocale nell’ambito della quale le vite di ben 500mila persone appartenenti alle loro etnie vennero spezzate nei campi di concentramento e sterminio nazisti. Uomini, donne e bambini che indistintamente e senza pietà alcuna andarono incontro alla morte nelle maniere più aberranti che solamente menti perverse potevano partorire”.

“Nella giornata odierna e accanto a Villa Sorge (che per ben tre anni – dal 1940 al 43 – svolse la funzione di campo di internamento per prigionieri), la mattanza patita dai Rom e Sinti trova, giustamente e finalmente, il doveroso ricordo tramite l’inaugurazione di un monumento realizzato con la pietra della Majella. Un monumento, il primo in Italia e il secondo in Europa, dedicato al genocidio di mezzo milione di innocenti ammazzato in maniera truce solo per il fatto di appartenere a un’etnia diversa rispetto a quella che negli Trenta e Quaranta del secolo scorso aveva l’obiettivo di prendersi in mano le redini del mondo”.

“Quindici anni fa moriva Karl Stojka, eccezionale artista Rom di religione cattolica che riuscì a resistere alle atrocità che si perpetrarono a Buchenwald ma i cui familiari vennero trucidati in terra tedesca. Le sue parole racchiuse in una poesia – conclude Leandro Bracco – sono la testimonianza più autentica di quanto forti e tenaci siano i popoli Rom e Sinti: ‘Noi siamo come i fiori di questa terra. Ci possono calpestare, ci possono sradicare, gassare, ci possono bruciare, ammazzare, ma come i fiori noi torniamo comunque sempre”.

Pubblicato in Politica

BUGNARA (AQ) - "Rinegozieremo con Strada dei Parchi gli accordi fatti, così come rinegozieremo con tutti i concessionari signori dell'asfalto": lo ha detto il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Danilo Toninelli al termine di un blitz in Abruzzo vicino ai pilastri a rischio dei viadotti dell'autostrada A25. Il sopralluogo si è svolto sotto ai pilastri più malridotti. Il ministro ha ribadito la ferma volontà del governo di rivedere tutti i contratti che i passati governi hanno stipulato con "i signori dell'asfalto", compresi gli attuali gestori di Strada dei Parchi. I "signori dell'asfalto guadagneranno molto molto di meno. Sono finiti gli accordi incestuosi della vecchia politica". Toninelli ha poi parlato dei suoi predecessori i quali, ha detto, dopo aver firmato le convenzioni con i concessionari si sono dimenticati di farle rispettare. "I Lupi, i Del Rio, sono loro ad aver detto per legge: tu concessionario prendi i pedaggi e hai tutta la responsabilità sullo stato delle autostrade".

Pubblicato in Politica

Le più lette

05 Maggio 2017 12:58:09

Terremoto L'Aquila: governo richiede soldi a familiari vittime

in Politica
L'AQUILA - Il premier Paolo Gentiloni rivuole i soldi per i morti del terremoto…
11 Marzo 2019 12:07:03

Una legge per risarcire i familiari delle vittime dei terremoti 2009 e 2016

in Cronaca
ROMA - Una proposta di legge che intende dare finalmente una risposta a tutte le famiglie…
24 Gennaio 2017 17:39:49

L'Aquila: caduta elicottero, proclamato giorno di lutto cittadino nel giorno dei funerali delle 6 vittime

in Cronaca
L'AQUILA: - “Esprimo, a nome dell’intera Municipalità aquilana, un incredulo dolore per…
10 Maggio 2016 09:57:18

L'Aquila: Giro d'Italia, venerdì 13 maggio scuole chiuse in città

in Cronaca
L'AQUILA: - di Cristina Parente - Come anticipato dalla Polizia Municipale, nel…
11 Agosto 2016 16:09:17

L'Aquila: i sotterranei del Castello si aprono per uno spettacolo ispirato ai racconti di Edgar Allan Poe

in Eventi
L'AQUILA: - Per I Cantieri dell’Immaginario, in via del tutto eccezionale, grazie al…
A sinistra la Basilica di Santa Maria Paganica all'Aquila dopo sisma 2009, a destra la chiesa di Sant'Agostino ad Amatrice
24 Agosto 2016 13:28:24

Terremoto Centro Italia: ecco il vero legame tra Accumoli, Amatrice e L'Aquila in una notte di dolore

in Cronaca
L'AQUILA: - di Cristina Parente - Quante volte è capitato ad ognuno di noi di essere…
right_3_1
right_0_1

Iscriviti alla nostra newsletter

Multimedia

CookiesAccept

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
Find us on Facebook
Follow Us